Flavio Abbate. Il ricordo più bello è tutto da scrivere

Un solo desiderio: giocare a padel. Un’unica certezza: puntare in alto. La giovane promessa azzurra punta tutto sul suo amore sportivo sognando la convocazione nel team Italia senior
Flavio Abbate

A due anni dal suo primo ingresso in un campo da padel, Flavio Abbate indossa la maglia azzurra per i Campionati Europei Juniores 2022, volando a Valencia senza ansia fino alla medaglia di bronzo. “Nel mio cuore – racconta il talento emergente – solo gratitudine verso la Federazione e tanta voglia di giocare al mio massimo”. 

Padel: colpo di fulmine al primo colpo

Un sentimento per il padel, quello del giocatore diciottenne, che è nato come un vero e proprio colpo di fulmine: “Prima giocavo a tennis, sport che appassionava anche mio padre. Il padel, però, mi ha rapito con la sua dinamicità, con la modalità di gioco basata sulla tattica tipica degli scacchi, quando a un colpo diretto preferisci una sequenza di colpi con la complicità delle pareti”.
Tennis o padel? Prima della scelta tra le due discipline Flavio Abbate ha praticato entrambe: “Trovavo sempre più difficile tornare ad adeguarmi alle corde della racchetta. Viceversa sentivo più miei i movimenti del padel, volevo migliorare e quando non giocavo rubavo con gli occhi dagli atleti più forti”.

Una scelta di vita

Ovvio: Cupido aveva scoccato la sua freccia e Flavio Abbate non poteva far altro che assecondarla. Da qui, come in tutte le storie d’amore, è seguita una vita di impegno e dedizione. “Quando ti senti nel posto giusto non esiste rinuncia. Per me è stato naturale scegliere di andare a dormire presto e preferire una partita a una serata fuori. Il mio unico desiderio è quello di interpretare al meglio questa disciplina, dentro e fuori dal campo. Il padel insegna che ogni azione ha più conseguenze fino a un unico risultato. E per diventare un giocatore forte non devi solo allenarti, ma far confluire tutte le tue scelte di vita in un unico obiettivo”.
Abbate è pronto ad una vita in trasferta: “Ho imparato a cucinare, a tenere pulito e in ordine il posto dove alloggio e ad ambientarmi velocemente nel contesto dove mi trovo. Siracusa, ovviamente, resta la mia casa, ma la motivazione per questo sport rappresenta un rassicurante compagno di viaggio quando mi allontano dalle mie radici”.

Sguardo fisso sul futuro

La giovane promessa siracusana puntella il suo ricordo più bello nel futuro: “La prima convocazione a un Europeo Senior, a un Mondiale, o alle prime Olimpiadi di padel – dichiara – questo è il ricordo che voglio, perché sarebbe un punto di partenza, non di arrivo”.
Nel frattempo, il giocatore mancino, grande tifoso di Arturo Coello (ventenne, anche lui mancino e posizionato al quinto posto nel World Padel Tour Ranking) osserva il gioco di alto livello e si allena intensamente cercando di raggiungere la massima intesa con il compagno di gioco. Il colpo che preferisce? “Lo smash in kick sulla griglia”. Un colpo potenzialmente devastante se eseguito con la giusta rotazione e con la massima precisione.
Come quello con cui Cupido ha scoccato la freccia-padel sul suo cuore. 

Daniela Cursi Masella pubblicista e press officer. Sceneggiatrice e regista di “Come trovare nel modo giusto l’uomo sbagliato”, tratto dal suo omonimo istant book. Autrice del libro “Imperfetta” (Baldini & Castoldi Editore) e del reality “Campus Life Experience 2020".

ARTICOLI CORRELATI

Demetrio Stampacchia

Demetrio Stampacchia. L’arbitro che morì due volte!

La categoria degli arbitri è sicuramente quella più vituperata sui campi di calcio di tutto il mondo. Sempre sospesi in un equilibrio precario tra le accuse di incapacità e di malafede, spesso ci dimentichiamo che arbitrare una partita di pallone è impresa decisamente ardua. Demetrio Stampacchia da Nola, quella partita l’avrà ricordata a lungo…

Leggi tutto »
Isola degli Orsi

Isola degli Orsi. L’avventura dei fratelli Wegge

Se l’avventura chiama non ti puoi girare dall’altra parte. Devono aver pensato cosi i fratelli Wegge quando l’idea di surfare nel Mar Glaciale Artico gli ha sfiorato la mente. È così che quella che doveva essere una storia di ragazzi, diventa un’avventura di uomini.

Leggi tutto »
Stanguellini

Stanguellini. Una storia italiana

Trenta anni di competizioni, cento anni di vita italiana. La Stanguellini è una storia di motori, ingegno e passione, una storia dove troviamo identità e radici. Una storia resa possibile da visionari capaci di posare lo sguardo sul futuro, un crogiuolo di umanità creativa, sfidante e temeraria che ha segnato la storia motoristica del novecento.

Leggi tutto »
Théodore Monod

Théodore Monod. La Via del Sahara

Scienzato, naturalista, avventuriero, filosofo, mistico. Théodore Monod sfugge agli schemi perché la Via del Deserto che sceglie come vita glieli fa comprendere tutti. La vita straordinaria di un uomo straordinario è un libro aperto a disposizione di chiunque voglia sapere più di quello che vede.

Leggi tutto »
george best

George. The best

Divo assoluto, geniale, esteta del dribbling, innamorato della vita viscerale e senza regole, George Best lascia un segno indelebile nel calcio moderno e paga i suoi conti fino in fondo. Questo episodio del podcast lo racconta, ma soprattutto gli parla.

Leggi tutto »

Jordi Cruijff. Di padre in figlio

Johan Cruijff, il Pelé bianco, ha sovvertito le regole del calcio inventando spazi e traiettore dove non c’erano o comunque dove altri non osavano andare, ma non lo ha fatto solo in campo. Lo ha fatto anche con il nome del figlio, chiamato Jordi per amore della terra che lo aveva accolto, la Catalogna, e della squadra che riuscì a plasmare a sua misura, il Barcellona.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi