Search
Close this search box.

Dario Marcolin. Testa, cuore e voce del calcio

Da giovane centrocampista a calciatore di Serie A, da allenatore a opinionista, il trasformismo di Dario Marcolin che dal rettangolo verde non è mai uscito.
Dario Marcolin

La testa è un’arma in più per qualsiasi prestazione. Il talento da solo non basta”.
Suona così il fischio d’inizio del dialogo con Dario Marcolin marcando il primo step di un cammino che procede a ritroso fino ai ricordi giovanili.
L’opinionista di Dazn ammette “quando commento mi capita di rivivere episodi della mia carriera. Mi rivedo nel giocatore che ha subito un fallo o che centra un passaggio. Qualche volta ho sentito una vera e propria “saudade brasiliana” vivendo le emozioni da stadio come se l’avessi giocata io la partita anziché commentarla”.

Dario Marcolin

Ali da centrocampista

La persona chiave del calciatore dodicenne Dario Marcolin è Ezio Puerari, allora allenatore del Rigamonti. “Fu lui, da un giorno all’altro, a spostarmi dal ruolo di portiere a centrocampista. Io non ho battuto ciglio e ho assecondato lo switch”.
Questa la “farfalla di lancio” di una vita interamente dedita al calcio.
La mia passione era totalizzante – spiega – l’ho sempre anteposta a qualunque altra cosa. Il senso di responsabilità nei confronti della squadra mi ha portato sempre alla rinuncia di molti divertimenti che potevano solo ostacolare il mio contributo in campo. Un calciatore in erba deve essere un giovane vecchio saggio”.

Barcellona ’92…

Siamo atterrati a Barcellona come Campioni d’Europa per poi sentirci parte del tutto a cinque cerchi”. Giravamo per il Villaggio Olimpico alla ricerca di miti come Michael Jordan. Un momento magico e irripetibile. Peccato non aver partecipato alla Cerimonia d’Apertura. Maldini preferì assicurarsi la partita del giorno seguente con giocatori senza vesciche. D’altronde, eravamo lì per giocare”.

La gestione della mente

Dietro a ogni campione c’è un uomo che lavora sui suoi limiti.
Dario Marcolin ne faceva un mantra di vita. “Non ero veloce fisicamente quanto lo ero di mente e con i piedi. Per questo ho dedicato molto tempo alla ricerca della velocità. Mi allenavo da solo, anche nei periodi di pausa, studiavo esercizi alternativi e non smettevo mai di chiedere consigli al preparatore atletico. Mi domandavo sempre “cosa posso fare di più?”, soprattutto quando ero in panchina”.

Olimpia Lazio

La partita del cuore

La finale di Coppa Italia nel ‘98 (Lazio-Milan, 3-1). Eravamo sul tetto dItalia. Con questa vittoria avevamo consolidato una scelta di vita”. E il risultato era lì in campo, con 3 goal che, segnati nell’arco di 10 minuti, hanno sancito una vittoria biancoceleste attesa da 40 anni.
Quel fischio finale – sottolinea Marcolin – aveva premiato la forza di un gruppo. Intense emozioni che meritavano di essere vissute un pò di più in campo, anziché tornare subito agli spogliatoi”.

Dario Marcolin

Seconda farfalla: da giocatore ad allenatore

Quando la fine di una carriera prende il nome di trasformazione non esiste la parola “lutto”.
Avevo una nuova prospettiva ancora prima di salutare i miei scarpini e mi sono dedicato subito agli studi necessari per accogliere questa possibilità professionale. Un salto della staccionata che mi ha fatto tornare a lavorare su me stesso per curare la crescita di un intero gruppo di giovani talenti.
Quando ero io l’atleta – ammette Dario Marcolin – riuscivo a staccare dormendo notti serene. Anzi, ti insegnano proprio a curare il riposo come se fosse il sarto del vestito che distruggi durante l’allenamento. Da allenatore, invece, anche di notte si poteva sentire il rumore del mio cervello, attivo H24. D’altronde, che tu sia giocatore o allenatore, il rettangolo verde resta sempre una sentenza rispetto a tutto quello che hai fatto per arrivare fin lì”.

paddle Marcolin

Un trasformismo inarrestabile

La carriera da allenatore impegna la vita di Dario Marcolin dal 2006 al 2016. La sua voce era già nota e apprezzata dai microfoni di fine partita quindi la terza evoluzione rappresenta un passaggio quasi scontato.
Vivo ancora sulla mia pelle le emozioni di gioco e commento uno sport che rappresenta una palestra di vita, un insieme di valori, primo fra tutti il rispetto del gruppo, che portano all’integrazione. Non potrei essere più felice”.
Da molti anni, però, si è affacciato un altro amore che invade la sua vita tanto quanto il calcio: il padel.
Qualcosa ci dice che arriverà un’altra farfalla.

Daniela Cursi Masella pubblicista e press officer. Sceneggiatrice e regista di “Come trovare nel modo giusto l’uomo sbagliato”, tratto dal suo omonimo istant book. Autrice del libro “Imperfetta” (Baldini & Castoldi Editore) e del reality “Campus Life Experience 2020".

ARTICOLI CORRELATI

Ezio Vendrame. Una vita in fuorigioco

Ezio Vendrame è stato un irregolare, ha dedicato al sua vita al calcio, ma soprattutto l’ha dedicata a essere un uomo libero. Cosa rara ieri, forse impossibile nel calcio di plastica dei nostri giorni.

Leggi tutto »
Dino Viola

Dino Viola . Il Presidente indimenticabile.

Presidente della Roma per undici anni, Dino Viola ha lasciato un segno indimenticabile nel cuore dei tifosi. Sono molti quelli che lo sentono ancora come “il mio presidente” e che rimpiangono il calcio e la città del Violese.

Leggi tutto »
Attilio Fresia

Attilio Fresia. Oltre confine

Alla voce “pioniere” il dizionario di Oxford dice: “Scopritore o promotore di nuove possibilità di vita o di attività, collegate specialmente all’insediamento e allo sfruttamento relativo in terre sconosciute”. Spesso visionari, sempre coraggiosi. Attilio Fresia, forse né l’uno e né l’altro. È però il primo calciatore italiano all’estero. Non è poco. 

Leggi tutto »
Football

Football. Trattato sulla libertà del calcio

Una lettura sorprendente, un’invasione di campo sul terreno dei luoghi comuni, una riflessione profonda sul significato del Giuoco, sulle sue regole e su alcuni degli uomini che delle regole sono e sono stati attori protagonisti

Leggi tutto »
pallone finale Brasile - Uruguay 1950

Superball. La storia del pallone che ha cambiato il calcio

Non propriamente sferico, dodici strisce di cuoio cucite intorno a una camera d’aria, il pallone degli anni eroici aveva una specie di bubbone esterno per il gonfiaggio e quando pioveva diventava una pietra. Colpirlo di testa provocava quasi sempre ferite piuttosto dolorose. Ci penseranno tre italiani d’Argentina a cambiare le cose. Sono loro che nel 1931 brevettano il Superball, pallone completamente sferico, facilmente gonfiabile e che fa nascere il calcio moderno.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi