Premio Vesta. Focus Generazione Z su letteratura e sport

Celebrata nella Sala della Protomoteca in Campidoglio la seconda edizione del Premio Vesta assegnato a Valeria Gargiullo con "Mai stati innocenti". Novità del Premio, l'annuncio della presidente Sara Matteucci dell'iniziativa "Racconti sportivi. Generazione zeta e sport" che prenderà il via il prossimo gennaio
Premio Vesta

Il Premio Letterario Vesta va a Valeria Gargiullo. La cerimonia di premiazione, ospitata il 14 dicembre presso la Protomoteca del Campidoglio ha celebrato l’autrice classe ’92 con “Mai stati Innocenti” (Salani Editore), libro di indagine su una periferia di Civitavecchia in cui Valeria è nata e cresciuta, la giovane scrittrice ha ricevuto una borsa di studio della Fondazione Lumsa Human Academy. A consegnarglielo, la Professoressa Avv. Iolanda Piccinini, Ordinario di Diritto del lavoro alla Lumsa e componente del Comitato scientifico Fondazione LHA.

Menzioni speciali ai finalisti

Una cinquina meritevole, quella del Premio Letterario Vesta. Accanto alla vincitrice, infatti, i rimanenti 4 finalisti hanno ricevuto una menzione speciale. Il Premio della critica, affidato al giornalista Andrea Fragasso è andato a Giulia Sorrentino, classe 1995, con “Panico 2.0” (Compagnia Editoriale Aliberti).
Andrea Zigrossi, classe 1992, autore di “In un mondo di-vino” (Mondadori) è stato indicato dalla Consigliera al Comune di Roma Antonella Melito, Vicepresidente della Commissione Roma Capitale Statuto e Innovazione Tecnologica, per la menzione speciale “Generazione Zeta”. 
Roberto Nicolai, ordinario di Letteratura Greca de La Sapienza, ha invece designato Matilde Falasca, classe 2004, con “Puoi chiamarmi Emma” (Giulio Perrone Editore) per il premio “Primavera Letteraria”.
La menzione speciale “Women in Film Television e Media Italia” è stata consegnata da Astrid De Berardinis a Giada Alberti, classe 1996, con “La Seta e il Cotone” (Progetto Cultura).

Premio Vesta

Letteratura per vivere

Il fecondo processo di scrittura, che si sublima nella consegna al pubblico di un libro – dichiara la fondatrice e direttore artistico del Premio Sara Matteucciè un atto estremamente generoso; i giovani autori finalisti al Premio Vesta si sono espressi grazie alla scrittura e armati di parole, con generosità e coraggio, provano ad esordire con quella cosa di cui nessuno ha bisogno per vivere, ma per sopravvivere: la letteratura”.

Racconti sportivi

Sara Matteucci anticipa un’iniziativa prossima al lancio unicamente focalizzata sullo sport. A gennaio 2024 partirà l’iniziativa Racconti Sportivi – Generazione zeta e sport, parole nuove per definire l’importanza dello sport, nella misura del sacrificio, della vittoria, ma soprattutto della sconfitta.
Il Premio Vesta – spiega la Matteucci – scende in campo per la partita delle parole, con un invito alla scrittura anche per i non addetti ai lavori. Cercheremo tra i racconti sportivi della generazione zeta quelli in grado di restituire un’immagine di motivazione, impegno e resilienza, ma anche demoralizzazione e scoraggiamento. L’attività sportiva è il termometro della nostra salute mentale, favorisce controllo e consapevolezza maggiore della nostra mente e del nostro corpo.  La nostra società ha il compito di educare all’insuccesso: l’archetipo dello sport, in cui sforzo e sacrificio non sono direttamente proporzionali alla riuscita, si fa vettore dell’esigenza di trasmettere ai giovani l’esempio della sconfitta”. 

 

Daniela Cursi Masella pubblicista e press officer. Sceneggiatrice e regista di “Come trovare nel modo giusto l’uomo sbagliato”, tratto dal suo omonimo istant book. Autrice del libro “Imperfetta” (Baldini & Castoldi Editore) e del reality “Campus Life Experience 2020".

ARTICOLI CORRELATI

Premio Vesta

Premio Vesta. Focus Generazione Z su letteratura e sport

Celebrata nella Sala della Protomoteca in Campidoglio la seconda edizione del Premio Vesta assegnato a Valeria Gargiullo con “Mai stati innocenti”. Novità del Premio, l’annuncio della presidente Sara Matteucci dell’iniziativa “Racconti sportivi. Generazione zeta e sport” che prenderà il via il prossimo gennaio

Leggi tutto »
Olimpiadi Atene 1896

Olimpiadi. Il futuro scritto da Atene

Fortemente voluto dal visionario barone Pierre de Coubertin, il 6 aprile 1896 ad Atene il sogno olimpico diventa moderno. Le Olimpiadi non cambiano solo lo sport, ma diventano specchio del mondo che cambia intorno a loro. Soprattutto diventano simbolo e meta agognata di uomini e donne che ne fanno l’obiettivo della vita e che, vincitori o sconfitti che siano, diventano esempio per tutti.

Leggi tutto »
Harrie Smolders

Daniele Parlanti. Pelle su pelle

Pelle su pelle. Cavallo, cavaliere e stivali. Un rapporto non mediato, perché anche con lo stivale il cavaliere parla al cavallo. Un dialogo intimo e personale che ha i suoi segreti. Proprio come questo.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi