Search
Close this search box.

Olimpia Milano e Royal Philips. Con Lumify la diagnostica fa canestro

Olimpia Milano sceglie l’ecografo portatile Philips Lumify per valutare direttamente sul parquet le condizioni dei propri atleti. La diagnostica ecografica sul parquet consente una valutazione immediata del trauma e restituisce in tempo reale informazioni preziose per formulare diagnosi e interventi tempestivi a tutela della salute dell'atleta.
Olimpia Milano

Con l’innovazione tecnologica la tutela della salute degli atleti fa un salto in avanti. In questo caso va a canestro.
Royal Philips, leader globale nel settore dell’Health Technology, ha annunciato che Olimpia Pallacanestro Milano ha scelto l’ecografo portatile Philips Lumify per far valutare dal proprio staff medico, direttamente sul campo da gioco, la condizione dei propri atleti nel caso di infortuni.
Dover ricorrere alle attuali soluzioni ecografiche ospedaliere per arrivare ad una diagnosi potrebbe richiedere diverse ore, considerando i tempi di trasporto e consultazione di un medico. Il ritardo nell’individuazione del piano terapeutico più appropriato può avere conseguenze anche sui tempi di recupero.
Grazie alla soluzione a ultrasuoni portatile Lumify, collegandosi a un semplice smartphone, tablet, o altri dispositivi portatili compatibili, lo staff medico delle Scarpette Rosse è in grado di effettuare una diagnosi iniziale praticamente in tempo reale, sia che il giocatore infortunato si trovi sul parquet, in palestra o in altro luogo, alzando così la soglia di sicurezza dell’atleta.

Lumify Philips

Philips Lumify

Philips Lumify è uno strumento particolarmente utile in contesti come quello sportivo, in cui gli infortuni sono frequenti ed è necessaria un’analisi immediata delle condizioni fisiche“, ha affermato Matteo Acquati, medico sociale di Olimpia Pallacanestro Milano. “Lumify consente di fare una prima valutazione e prendere decisioni molto più velocemente, ovunque ci troviamo. Questo permette di offrire un’assistenza migliore ai nostri giocatori e di affrontare gli infortuni non appena si verificano, anche in trasferta o in luoghi privi di ospedali nelle vicinanze“.

“Siamo felici di poter mettere le potenzialità del nostro ecografo portatile a disposizione dello staff medico e degli atleti dell’Olimpia Pallacanestro Milano. Unendo all’eccezionale portabilità e immediatezza d’uso un’elevata qualità delle immagini, siamo certi che Lumify sia un prezioso strumento per accelerare i tempi di diagnosi e, di conseguenza, di recupero dagli atleti”, ha dichiarato Giuliano Farina, Business Manager Ultrasound Italia, Israele e Grecia.

 

Giulia Colasante si affaccia al mondo nell'ultimo anno del secolo scorso, in tempo per sentirne raccontare in diretta, abbastanza per rimanerne incuriosita. Giornalista pubblicista, laureata in Filosofia e in Scienze Cognitive della Comunicazione e dell'Azione, continua a studiare il futuro che attende lei, ma anche un po' tutti gli altri.

ARTICOLI CORRELATI

Playground

Celio. Il playground degli artisti

La quarta puntata di Roma Sport Sociale, il docu-reportage realizzato da Sportmemory con il supporto della Regione Lazio, racconta del playgrond degli artisti al Celio dove, nel cuore di Roma, lo street basket diventa d’autore.

Leggi tutto »
Maso Masini

Masini, il “dutur” e il miracolo dell’acqua. Atto unico.

Angelo Cattaneo, massaggiatore storico dell’Olimpia, era Simmenthal, aveva un borsone dei miracoli. Dentro c’era il rimedio per tutto. Ne sa qualcosa Massimo Masini detto “Maso”, al tempo uno dei migliori lunghi in circolazione. Forte il Masini, ma anche lui con qualche fragilità che ogni tanto veniva a galla. Come quel giorno, quando ci pensò il “dutur” a fargliele passare. Facile come bere un bicchier d’acqua.

Leggi tutto »
Magic Johnson

Magic Johnson e l’ultima All Star Game

Dopo aver annunciato nel 1991 di essere positivo all’HIV e di volersi ritirare dal NBA, appena qualche mese dopo, il 9 febbraio 1992, Magic Johnson torna sul parquet per l’unica gara della stagione. L’All Star Game sarà una partita memorabile ed entrerà nella storia del basket.

Leggi tutto »
Giannis Antetokoumpo

Giannis Antetokoumpo. Il mostro greco

A Sepolia, il quartiere popolare di Atene dove nasce da genitori nigeriani clandestini, Giannis Antetokoumpo gioca a basket dividendo un unico paio di scarpe con il fratello. Sono scarpe che gli faranno fare una lunga strada, ma Giannis quelle scarpe con la suola consumata non le ha mai dimenticate.

Leggi tutto »
BASKET

Il tuffo di Raffaele

“Un tuffo?” “Sì”. “E dove?” “Sotto una transenna”. “Una transenna?” “Esatto”. “Ma perché sotto una transenna?” “Per vincere una partita”. “Una partita?” “Sì, di basket”. “Non ci credo”. “Si vede che non conosci Raffaele”

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi