Search
Close this search box.

Il capo di Stato Maggiore incontra il Gruppo Sportivo Marina Militare

Presentati a Roma due anni di successi sportivi e impegni futuri della Marina Militare che, con le sue 50 medaglie internazionali nel solo 2022, è una delle più importanti risorse dello sport italiano
Gruppo sportivo Marina Militare

Ieri il capo di Stato Maggiore della Marina, ammiraglio di squadra Enrico Credendino, nella prestigiosa cornice della biblioteca di Palazzo Marina, ha incontrato il Gruppo Sportivo della Marina Militare e il Centro Velico di Altura di Napoli. Presenti all’incontro anche i presidenti delle Federazioni Sportive Italiane di nuoto e vela, canoa e canottaggio, tiro a volo e tiro a segno.
In apertura il presidente del Gruppo Sportivo Marina Militare (G.S.M.M.), capitano di vascello Fabio Livraghi, ha ringraziato i rappresentanti delle federazioni presenti, per la collaborazione in un clima costruttivo che ha dato vita a importanti sinergie nello sviluppo del patrimonio sportivo nazionale, garantendo, negli anni, rilevanti successi a livello internazionale.

Tokyo 2020

La Marina Militare ha partecipato all’Olimpiade di Tokyo del 2020 con 14 atleti e 4 tecnici. Un risultato ragguardevole, ma è il 2022 l’anno dei successi che ha visto la conquista di 50 medaglie a livello internazionale in diverse discipline: tuffi, nuoto, nuoto sincronizzato, canoa fluviale, canottaggio, vela olimpica e tiro a segno.

Il ruolo del GSMM

Il presidente C.V. Livraghi, durante il suo intervento, ha presentato gli atleti della Forza Armata evidenziandone dedizione e sacrifici che permettono di raggiungere importanti obiettivi. Al tempo stesso ha sottolineato l’impegno della Marina nel fornire strutture sportive, tecnici e materiale che consentono agli atleti di svolgere al meglio allenamenti e gare. Impegno che è stato confermato anche dall’atleta di punta della nazionale di nuoto sincronizzato Linda Cerruti e dal campione di vela nella classe 470 Giacomo Ferrari. Donne e uomini di valore che riconoscono l’impegno per lo sport della Marina Militare che li sostiene, permette loro di allenarsi intensamente e di concentrare tutte le energie per il raggiungimento di obiettivi sempre più ambiziosi.

Costruire il futuro

Durante l’incontro sono stati presentati i progressi e gli aggiornamenti nell’ambito degli arruolamenti, i tre cantieri che saranno aperti presso MARIREMO Sabaudia grazie  la fruibilità del centro remiero sarà migliore anche per le federazioni, oltre che per il personale. Lo sguardo al futuro è testimoniato anche dall’impegno della Forza Armata  per diffondere la cultura sportiva e l’immagine Marina Militare nel territorio promuovendo e vitalizzando, tra l’altro, le Sezioni Giovanili MM esistenti.

Gruppo Sportivo MM

Il capo di Stato Maggiore della Marina

Concludendo l’incontro, l’ammiraglio Credendino ha affermato: “i duri allenamenti, la costanza nell’impegno, i sacrifici sono solo alcuni degli elementi che hanno permesso di ottenere i vostri eccellenti risultati sportivi. Tutto il personale vi ha guardato e seguito nel corso delle singole competizioni con grande ammirazione, quale esempio non solo di qualità sportive, ma anche di carattere e determinazione. A nome di tutta la grande famiglia della Marina vi rivolgo l’augurio di nuove e prestigiose vittorie e sempre maggiori soddisfazioni, nell’agonismo, nella professione e nella vita”.

Giulia Colasante si affaccia al mondo nell'ultimo anno del secolo scorso, in tempo per sentirne raccontare in diretta, abbastanza per rimanerne incuriosita. Giornalista pubblicista, laureata in Filosofia e in Scienze Cognitive della Comunicazione e dell'Azione, continua a studiare il futuro che attende lei, ma anche un po' tutti gli altri.

ARTICOLI CORRELATI

Amerigo Vespucci

Il Vespucci prima del Vespucci

Del Vespucci abbiamo raccontato tante avventure. Questa volta parliamo di un altro Vespucci, il primo. Lo facciamo riproponendo un articolo di Italia Marinara del 1928 che arriva a noi grazie al notiziario del Centro Studi Tradizioni Nautiche della Lega Navale del giugno 2013.

Leggi tutto »
Giuseppe Borghi Ignis Poblet

Giovanni Borghi. La grande storia sportiva della Ignis

Giovanni Borghi con la sua Ignis accompagna l’Italia verso la modernità. Lo fa da industriale illuminato e migliora la vita degli italiani, ad iniziare da quella dei suoi operai. Innamorato dello sport, non lo pratica, ne capisce però per primo il valore per l’impresa. Pugilato, ciclismo, calcio, basket, canottaggio: investe di suo, non fa finanza, e i suoi atleti scrivono pagine di grande sport. Non dovremmo mai smettere di ringraziarlo. Possibilmente, dovremmo anche ricordarlo qualche volta di più.

Leggi tutto »
Gianni Minà

Gianni Minà ci credeva

84 anni. Una vita trascorsa a fare giornalismo. Non è stato l’unico, ma è stato tra i pochi capace di raccontare persone e non solo fatti e notizie. Nelle sue interviste, a lui non uscivano solo parole, ma brillavano gli occhi. Accade solo ai migliori. Gianni Minà credeva a tutto quello che ha detto, scritto e fatto. È stata una fortuna, per lui e per noi.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi