Diritto e Sport. Al via il Master dell’Università Sapienza

Promosso da Sapienza Università di Roma, prende il via la sesta edizione del Master "Diritto e Sport, per la gestione dei rapporti e del fenomeno sportivo", un percorso di studio che declina competenza giuridiche, econonomiche, psico-sociologiche e di comunicazione per formare i futuri manager dello sport. Iscrizioni aperte sino al 31 gennaio prossimo.
Diritto e Sport

Che la formazione sia uno strumento essenziale per la crescita ci viene ripetuto continuamente, per cui sembrerebbe inutile doverlo ribadire. Ma il mondo dello sport talvolta, almeno fino a qualche tempo fa, si era ritenuto autosufficiente. Sicuramente unico, in quanto è caratterizzato dalla dimensione atletica, è sostenuto dalla passione, è perché in grado imporre una sua etica al resto del mondo ed è comunque cresciuto negli ultimi decenni.

La formazione per le professioni sportive

Ma questi indubbi aspetti positivi propri dello sport non lo devono spingere verso l’isolamento; invece si deve partire proprio da qui per comprendere quale formazione serva per fare dello sport una vera professione e per aiutare questo mondo a consolidarsi in maniera sana e sostenibile.
L’autonomia dell’ordinamento sportivo ha per lungo tempo rappresentato uno schermo che spesso ha consentito lo sviluppo dello sport al di fuori delle regole che valgono per tutti gli altri fenomeni umani. Il risultato era che lo sport veniva gestito prevalentemente se non unicamente da ex sportivi, forti soprattutto della propria esperienza in campo e del proprio carisma. Non è più così!
Pratica sportiva di vertice, autorevolezza personale e un po’ di capacità dialettica non bastano più a gestire un fenomeno ormai complesso ed economicamente sempre più rilevante.

Uno scenario complesso

In Italia la riforma del lavoro sportivo, in Europa le vicende della SuperLega, nel mondo gli intrecci internazionali legati ai drammatici conflitti in corso, sono solo alcune delle criticità che chi si occupa di sport è chiamato a gestire. E per non compiere errori è necessaria innanzitutto la conoscenza dei fondamenti giuridici, ma anche la consapevolezza della dimensione economica e capacità comunicativa nonché psicologica.
Ecco, emerge ora più che mai la necessità di una competenza trasversale, che consenta di comprendere gli aspetti legali e la articolata gestione di un ente sportivo.

Il Master “Diritto e Sport, per la gestione dei rapporti e del fenomeno sportivo”

In questa ottica, oltre ai percorsi formativi offerti dalle stesse Istituzioni sportive, appare utile la partecipazione a un Master come quello che Sapienza organizza da sei anni in “Diritto e Sport, per la gestione dei rapporti e del fenomeno sportivo”: giustizia; principi dell’autonomia sportiva; funzionamento delle istituzioni internazionali; responsabilità, lavoro e fiscalità nello sport; doping; calcio mercato; principi di comunicazione, psicologia, sociologia … e tanti altri approfondimenti con docenti tra i più qualificati.
Sono in corso le iscrizioni per l’edizione 2024 da completare al massimo entro il 31 gennaio.
La retta Sapienza di 2.000 € copre un corso annuale, di 300 ore tra lezioni frontali, esercitazioni, seminari il tutto orientato a formare i futuri professionisti dello sport; calcolando che non solo gli studi legali stanno costituendo un dipartimento sport, ma tutti gli enti sportivi, di varia natura non possono più fare a meno di collaboratori adeguatamente formati e in grado di gestire le nuove sfide.

diritto e sport

Un’esperienza formativa che guarda al futuro

Per venire incontro alle esigenze di chi lavoro e dei fuori sede, il Master offre alcune borse di studio e consente di seguire le lezioni anche da remoto in modalità sincrona.
Un’esperienza formativa che è consigliabile sia agli atleti o ex nell’ottica dalle dual career, sia ai giovani neo laureati che si affacciano così al mondo del lavoro, sia a professionisti già avviati che vogliono trovare nuovi stimoli; sia a collaboratori federali per favorire un percorso di crescita professionale.
Guardando tra le testimonianze degli ex allievi, si trova infatti: un’ex pallavolista impegnata nell’Ufficio marketing di Sport e Salute, diverse giovani avvocate impegnate in procura FIGC; un ostacolista campione d’Italia oggi dirigente FIDAL; funzionari operativi presso diverse Federazioni e Istituzioni sportive.
Tante storie che hanno attraversato questo Master portandone avanti i valori: Etica, Passione, Competenze, Comunità.

Giorgio Sandulli Avvocato attivo nel diritto del lavoro, previdenziale e sportivo, dopo vent'anni nel sistema Confindustria a tutela delle imprese alimentari italiane. Membro del Consiglio didattico e scientifico del Master Sapienza in Diritto e Sport

ARTICOLI CORRELATI

Curva Sud Pruzzo

Curva Sud. Goal e braccia al cielo

Gioia, liberazione, adrenalina. Il pallone che gonfia le rete, lo stadio che respira, la Curva Sud che impazzisce. È da questi spalti una volta di cemento freddo che l’emozione mi ha stretto petto e gola quando loro correvano verso di noi sbracciando e urlando. Calcio vero, giocatori veri. Se dopo un goal vi capita di vedere altro, tipo quei balletti oggi un po’ di moda, diffidate dalle imitazioni e ricordate che un altro calcio è possibile.

Leggi tutto »

College. The american way to sportlife

È dove nascono passioni, dove si scoprono talenti, dove si allenano menti e dove si impara a competere, dove si diventa campioni di football, di baseball, di basket o di atletica per una stagione indimenticabile oppure per una vita intera. È un mondo a parte. È negli Stati Uniti. Si chiama College.

Leggi tutto »
Ivan Francescato

Ivan Francescato. Sembra ieri

Catch me if you can. Ora prenderti è davvero impossibile. Hai combattuto il destino, pensavamo bastasse una finta delle tue, il cambio di passo, di direzione, puntare e sgusciare. Hai poggiato l’ovale a terra, senza avvisare, venticinque anni fa e sembra ieri. Ivan Francescato. Indiano, zingaro, selvaggio. Unico. 

Leggi tutto »
Natale 1914 Ypres

Natale 1914. La partita che ingannò la guerra

Inglesi contro tedeschi, Tommy contro Fritz, in questo angolo di fronte delle Fiandre occidentali sassoni contro scozzesi. È il giorno di Natale del 1914 quando nella terra di nessuno si gioca una partita che inganna la guerra. La grande sfida del calcio europeo nasce così, dove e quando meno te lo aspetti

Leggi tutto »
Angelo Jacopucci

Angelo Jacopucci. Una storia personale

È una storia veloce quella di Angelo Jacopucci. Una storia di 29 anni e 12 riprese. Una storia che si ferma sul ring di Bellaria e che si conclude all’ospedale di Bologna. Una storia di un pugile sfortunato che si intreccia con i miei ricordi di bambino e ragazzo. Una storia che non ho mai dimenticato.

Leggi tutto »
Gianni Minà

Gianni Minà ci credeva

84 anni. Una vita trascorsa a fare giornalismo. Non è stato l’unico, ma è stato tra i pochi capace di raccontare persone e non solo fatti e notizie. Nelle sue interviste, a lui non uscivano solo parole, ma brillavano gli occhi. Accade solo ai migliori. Gianni Minà credeva a tutto quello che ha detto, scritto e fatto. È stata una fortuna, per lui e per noi.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi