Barber Ring. La vera storia di Manuel Ernesti

Una vita che sovverte un destino non è solo da apprezzare, ma da portare come esempio. Questa è la vera storia di Manuel Ernesti, ragazzo di Ostia diventato uomo con il pugilato. Una storia esemplare che ora Manuel insegna ad altri ragazzi perché tutti, come lui, devono poter prendere la propria vita in mano e scegliere dove portarla
Barber Ring

Sono un guerriero, un combattente” dice il protagonista Manuel Ernesti in questa molto istruttiva opera di stimolo, soprattutto per i giovani che hanno perso la grinta e la voglia di fare.
Manuel Ernesti è nato ad Ostia nel 1986, in una vecchia caserma dei vigili urbani occupata dalla famiglia con grandi difficoltà economiche. Qualche anno dopo, i suoi genitori riescono a farsi assegnare una casa popolare in un ambiente difficile, dove i ragazzi come lui non hanno alcuna speranza nel futuro e per questa mancanza di prospettive si rifugiano nella vita di strada a volte anche illegale. “Tutto il marcio era accumulato là dentro” commenta.

Barber Ring Manuel Ernesti
Manuel Ernesti

Le “mani facili” di Manuel Ernesti

Il padre, notando che il figlio fa spesso a pugni con gli altri lo accompagna in palestra, dove Manuel, appena 11enne, si mette in luce praticando la boxe, uno sport considerato da molti “violento”, ma di grande disciplina.
Manuel Ernesti così abbandona la strada per gli allenamenti che lo portano in poco tempo a diventare una punta di diamante della Nazionale Italiana. Ottiene molti traguardi, come i 6 campionati italiani e un Europeo Juniores, 8 medaglie d’Oro internazionali, di cui 3 al Six Nation Cup, capitanando la Nazionale Italiana Juniores per ben tre anni. Purtroppo, poche persone possono permettersi di dedicare una vita a uno sport cosiddetto “secondario” come la boxe che non è sufficiente per mantenere una famiglia. Il coraggioso Manuel non si perde d’animo e, all’età di 27 anni, decide di lasciare la sua più grande passione per dedicarsi al lavoro, accanto alla sorella maggiore, una sua seconda madre, che lo avvicina al mestiere di barbiere.

Barber Ring Manuel Ernesti
Manuel Ernesti

Barber Ring

Manuel Ernesti non si ferma qui, dopo essersi riscattato come campione di pugilato, e aver sanato, come barbiere e imprenditore di successo, le precedenti difficoltà economiche, inventa un progetto sociale chiamato Barber Ring in cui Manuel insegna sia il mestiere del barbiere che la disciplina dell’arte nobile del pugilato.
Manuel ha capito che entrambe queste attività lo hanno fatto crescere in maniera sana, esercitando sia il corpo che il cervello ed evidentemente anche lo spirito.  Un modo per tendere una mano a tutti quei ragazzi che come lui vengono da realtà difficili, li segue, li aiuta e li supporta per fare in modo che si costruiscano un futuro migliore.

Lo schiaffo di un genitore

Commovente e da meditare il racconto degli schiaffi ricevuti dalla madre: “Non c’è nulla che possa essere paragonato allo schiaffo di un genitore” e il grande e grosso Manuel lo dice con le lacrime agli occhi.

La regia

Il regista Alessio Di Cosimo è riuscito a renderci partecipi di questa storia e a dare un grande esempio di come, lavorando sodo, si possa fare strada nella vita; tutt’altro che la faciloneria e l’agognato, da alcuni, divismo come strade facili al successo.
Il film ha vinto il Tutta un’Altra Storia Award di Bologna e Imola

Antonella D'Ambrosio Bibliotecaria del Ministero dei Beni Culturali, ha diretto l’Ufficio Stampa della Soprintendenza del Lazio per un ventennio. Appassionata di cinema ne scrive da molti anni, nel 2007 ha fatto parte della Giuria del Festival del Cinema di Roma e ha partecipato, come accreditata, negli anni, ai maggiori Festival italiani

ARTICOLI CORRELATI

…a sentire Nino Benvenuti

Tra sport e costume, la grande boxe ha incollato alla radio centinaia di migliaia di italiani. Il 4 marzo 68 l’Italia si ferma per il terzo match di Benvenuti contro Griffith. Nessuno può sapere come andrà a finire. Molti lo scopriranno davanti a una radiolina portatile, un’occasione che a Napoli Riccardo Carbone non si fa scappare.

Leggi tutto »
Rocky Marciano ring

Italiani d’America. Il ring come destino

Hanno fatto fatica per emergere e di molti oggi facciamo fatica noi a ricordare. Sono gli italiani d’America che hanno trovato il loro destino sul ring. Alcuni famosissimi, qualcuno con il nome d’origine, molti con il nome americano, tutti combattenti, tutti a prendere a pugni una vita che li avrebbe voluti ignorare.

Leggi tutto »
Antonio Del Greco

Carlo Ancelotti e la maglietta della felicità

Carlo Ancelotti non ha mai saputo della sua maglietta della felicità. Eppure tra una domenica allo stadio, rapinatori in trasferta, criminali improvvisati e il rapimento di un bambino, quella maglia esiste ed è arrivata al suo proprietario.

Leggi tutto »
The Marvelous

The Marvelous

The Marvelous. Solo così si poteva chiamare Marvin Nathaniel Hagler, non The Greatest, The Beast, The War, Sugar o altro. Solo The Marvelous. Solo il Meraviglioso.

Leggi tutto »
Joshua vs. Usyk

Joshua, Usyk e Dio

26 settembre 2021. Londra, stadio del Tottenham, davanti a 62.000 spettatori, sul ring non ci sono solo Joshua e Usyk. C’è anche Dio.

Leggi tutto »
Vittorio Tamagnini

Vittorio Tamagnini. L’uragano di Amsterdam

Vittorio Tamagnini, pugilato eroico, altra Italia, altri ring, altri pugni. Quell’11 agosto 1928 ad Amsterdam con Tamagnini, Orlandi, Toscani e Cavagnoli il pugilato italiano segna una pagina di storia olimpica mai più eguagliata e diventa leggenda

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi