Luna Mendy sul tetto d’Europa. La dedica allo zio Jean Baptiste

Luna Mendy combatte e legge l’avversaria intuendone le azioni. Resta in piedi per tutto l’incontro forte del suo DNA e di un allenamento speciale. Oro europeo per la kickboxing, Luna dedica la sua vittoria allo zio Jean Baptiste scomparso nel 2020. Il due volte campione del Mondo pesi leggeri aveva sempre creduto in lei.
Luna Mendy

Diventerai una campionessa. Così diceva mio zio. Oggi questo oro lo dedico a lui”.
Luna Mendy, salita sul gradino più alto del podio agli Europei di Kickboxing lo scorso 20 novembre, pensa a suo zio Jean Baptiste Mendy, ex campione del mondo di boxe, venuto a mancare nel 2020. “Adoravo allenarmi con lui. Oggi porto con me i suoi preziosi consigli e il suo DNA da mancino”.
La regina continentale della categoria 60kg rivela i segreti del suo oro dopo due Europei finiti in argento: “Ero più stabile, psicologicamente e fisicamente”.

Jean Baptiste  e Luna Mendy
(Jean Baptiste e Luna Mendy)

Un allenamento diverso dal solito

Il mio istruttore, Marco Ferrarese, mi ha sempre punzecchiata sul fatto che, per dirla con le sue parole, finivo “con il culo a terra”. Abbiamo lavorato molto su questo perché secondo lui ogni volta che riuscivo a rimanere in piedi acquisivo maggiore consapevolezza. Per questo motivo abbiamo inserito nel mio allenamento la terapia d’urto del taekwondo. Ho fatto sparring con un atleta della nazionale finendo più volte a terra. Inutile descrivere il mio annichilimento quando il mio avversario sfruttava un mio attacco per mandarmi al tappeto. Ogni volta che mi rialzavo, però, realizzavo di aver intrapreso una nuova lettura delle traiettorie e che ero sulla buona strada per potenziare la tecnica di difesa dal calcio.
L’ultimo sparring – conclude l’azzurra – di kickboxing prima dei Campionati Europei non mi aveva soddisfatta ma per Ferrarese era stato un successo: “obiettivo centrato, sei rimasta su!” ”.

Luna Mendy
(Luna Mendy in azione)

La connessione sul tatami continentale

Il combattimento è dialogo. E grazie al taekwondo Luna Mendy si è presentata sul tatami continentale di kickboxing più preparata ad apprendere il linguaggio dell’avversario. “Me ne sono resa conto in semifinale. Nella seconda ripresa avevo tempi di reazione più veloci. Il dialogo era diventato spontaneo, sapevo già come rispondere ad ogni sua battuta. Ero in connessione con la mia avversaria. E non sono mai finita a terra”.

(20 novembre 2022. Luna Mendy sul podio europeo)

Luna Mendy allo specchio

Quando metto i piedi sul tatami, prima dell’incontro mi muovo per il perimetro e dico a me stessa: questo è il mio posto, è casa mia. Devo dimostrarlo al mio avversario. Guardo lo schermo e voglio che resti solo il mio nome. È sempre stato il mio rito. Quest’anno, però, sentivo di aver perso quella voglia di arrivare anche se, in realtà, stavo dando tutto in allenamento. Mi sono rivolta a una psicologa dello sport. Con lei ho capito che non riconoscevo più, in realtà, il ricordo che avevo di me stessa perché mi ero evoluta come atleta. Questa nuova consapevolezza mi ha messo in pace con me stessa e con il desiderio di dare solo il mio meglio, al di là del risultato. Credo che mio zio avesse previsto anche questo”.

 

Daniela Cursi Masella pubblicista e press officer. Sceneggiatrice e regista di “Come trovare nel modo giusto l’uomo sbagliato”, tratto dal suo omonimo istant book. Autrice del libro “Imperfetta” (Baldini & Castoldi Editore) e del reality “Campus Life Experience 2020".

ARTICOLI CORRELATI

Harrie Smolders

Daniele Parlanti. Pelle su pelle

Pelle su pelle. Cavallo, cavaliere e stivali. Un rapporto non mediato, perché anche con lo stivale il cavaliere parla al cavallo. Un dialogo intimo e personale che ha i suoi segreti. Proprio come questo.

Leggi tutto »
The Marvelous

The Marvelous

The Marvelous. Solo così si poteva chiamare Marvin Nathaniel Hagler, non The Greatest, The Beast, The War, Sugar o altro. Solo The Marvelous. Solo il Meraviglioso.

Leggi tutto »
Rocky Marciano ring

Italiani d’America. Il ring come destino

Hanno fatto fatica per emergere e di molti oggi facciamo fatica noi a ricordare. Sono gli italiani d’America che hanno trovato il loro destino sul ring. Alcuni famosissimi, qualcuno con il nome d’origine, molti con il nome americano, tutti combattenti, tutti a prendere a pugni una vita che li avrebbe voluti ignorare.

Leggi tutto »
boxe

Boxe, giornali e ragazzini

Una fotografia del 1908 ci racconta una storia. Non solo la storia apparente di due ragazzini che sotto gli occhi di altri tirano di boxe. Questa è una storia di un altro secolo e di un altro mondo. Una storia di cui abbiamo seguito le tracce che lo sguardo della fotografia sociale di Lewis Wickes Hine ci ha lasciato. Lo ha fatto affinché non dimenticassimo e noi, oggi, gli rendiamo omaggio.

Leggi tutto »
Carmen Basilio

Carmen Basilio, il pugile di Dio

Carmen Basilio, pugile di Dio, religioso praticante a fine match si faceva sempre il segno della croce. Una sera, però, ha fatto qualcosa in più. Ma quella non era una sera qualunque. Quella era la sera in cui sconfisse Sugar Ray Robinson.

Leggi tutto »
Renato Vichi

Elogio della Gara

A 57 anni, oggi, mi sento ancora un ragazzino agonista, perché l’agonismo è un modo di essere che non ti lascia mai; ho molta nostalgia del ragazzo che ero nello sport e rivivere le emozioni di qualche bella gara del passato sono certo che mi farebbe molto bene.

Leggi tutto »
MASSIMO LIBERATI

La kickboxing e il mio match durato cinque anni

113 match, 110 vinti, 2 sconfitte, uno pari, i titoli WACO Pro italiano, europeo e mondiale. La kickboxing per Massimo Liberati, campione e Maestro, è la vita. Una vita iniziata con un match durato cinque anni quando lui ne aveva solo otto.

Leggi tutto »
Joshua vs. Usyk

Joshua, Usyk e Dio

26 settembre 2021. Londra, stadio del Tottenham, davanti a 62.000 spettatori, sul ring non ci sono solo Joshua e Usyk. C’è anche Dio.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi