Il giorno che la Vespa conquistò la Manica

Georges Monneret è un campione, uno dei più grandi campioni francesi di motociclismo. Uomo con il motore e la velocità nel sangue, darà la stessa passione anche ai figli e cercherà sempre di andare oltre l'immaginazione. Nel 1952 si lancia con una Vespa Douglas 125 alla conquista della Manica. Sull'acqua. Questo è il racconto della sua incredibile impresa.
Vespa Georges Monneret

Georges Monneret è stato un pilota, correva in moto. Georges Monneret con le sue 499 vittorie e i suoi 183 record è stato un signor pilota, un campione, uno di quelli con i motori nel sangue. Si spiega così che anche i tre figli, i gemelli Pierre e Jean e il loro fratello da seconde nozze, Philippe, abbiano tutti corso e vinto.
Eclettico, Georges Monneret negli ultimi anni della sua carriera correrà anche in auto, su Simca preparate Gordini (una vita da film quella di Amedeo Gordini) e su Maserati. Ma non è tutto. Georges Monneret che amava motociclette, velocità e meccanica, subiva anche lui, come tanti, la fascinazione della Vespa di cui, peraltro, era anche rivenditore ufficiale.
Inutile dire qui della Vespa, basti solo sottolineare come lo scooter progettato da Corradino D’Ascanio, prodotto dalla Piaggio e diventato icona del costume italiano, abbia rivoluzionato non solo i trasporti, ma l’uso e la qualità del tempo di chiunque l’abbia avuta e guidata. Forse anche di chi l’ha solo desiderata.

La Vespa Douglas 125

Georges Monneret nel 1952, con i suoi 44 anni vissuti in velocità, era fresco di titoli e vittorie nelle 350 e nelle 500, ma aveva anche stabilito– insieme ai figli Pierre e Jean – un singolare record di endurance con i 40.000 chilometri percorsi sull’anello del circuito di Monthléry con una Putsch 125. “Il giro del mondo di Monthléry”, come lo chiamò la stampa di allora. Un record singolare, che ci aiuta a inquadrare il personaggio e che ci introduce alla sua impresa con la Vespa. Una Vespa Douglas 125, per l’esattezza. Ovvero una Vespa costruita a Bristol, in Inghilterra, dove la Douglas ne aveva avuto licenza dalla Piaggio arrivando a produrne, dal 1951 al 1965, oltre 125.000.  

Georges Monneret Vespa

Parigi-Londra 1952

Poteva bastare a Georges Monneret guidare la Vespa nelle giornate libere oppure lanciarla in pista per cercare di vincere lì anche con quella? No, non poteva e infatti Monneret decide di guidare la sua Vespa sull’acqua, precisamente sul Canale della Manica.
L’occasione arriva con il raid Parigi-Londra. Georges Monneret si iscrive cona la sua Vespa e alla mezzanotte dell’8 ottobre è in partenza da Place de la Concorde, destinazione Calais dove arriva dopo 4 ore e 55 minuti.
Mentre gli altri concorrenti cercano di riposarsi in attesa del prossimo traghetto utile, Monneret corre al molo, dove lo attende una sorta di catamarano. In pratica due pontoni di alluminio collegati tra loro, con un vano centrale nel quale alloggiare la Vespa e collegarne la ruota posteriore a un sistema di trasmissione che avrebbe azionato l’elica.

Vespa Georges Monneret

La Vespa sulla Manica

L’operazione è completata sotto gli occhi dei pochi concorrenti che non sono andati a rinfrancarsi in albergo. Georges Monneret, ben legato alla sua Vespa per non rischiare di essere ribaltato in acqua, si stacca dal pontile e prende il largo. Il tempo, però, non è clemente, le onde schiaffeggiano e martellano fino a quando il sistema di trasmissione non inizia ad avere problemi. Inutile pensare di risolverlo con l’aiuto della barca d’appoggio che lo affianca; bisogna tornare indietro e, per non rischiare oltre, anche velocemente. Al molo l’assistenza funziona, il problema è risolto e, alle 8.00 in punto, la Vespa anfibia di Georges Monneret è di nuovo in acqua. Il mare questa volta è clemente, tutto fila liscio, ma ci vorranno ben nove ore di navigazione per arrivare a Dover. Qui, alle 17,00, una piccola folla di curiosi e giornalisti si era già radunata in attesa di assistere allo sbarco del fenomeno del momento.

A Londra!

Georges Monneret non ha tempo per i convenevoli, lui ha una corsa da finire e, possibilmente da vincere. La Vespa è rimessa a terra, Monneret si prende solo il tempo di ricrearsi e poi via a spingere al massimo lo scooter verso Londra.
Coraggio o follia che sia stata, in quindici ore complessive George Monneret arriva a Londra, stabilisce il suo record e vince.

Jojo la Moto

Uomo di azione come tutti i piloti che sfidano tempi e motori, campione tra i più grandi del motociclismo francese, collezionista di record e vittorie, c’è da giurare che Jojo la Moto, tra le tante, quella gara in Vespa non l’abbia mai più dimenticata.

 

Rachele Colasante nata a Roma nel 1999, da sempre incuriosita dalle storie, studia Lettere a RomaTre cercando di scrivere la sua al meglio. Ancora non sa dove la condurrà il suo percorso, ma per ora si gode il paesaggio.

ARTICOLI CORRELATI

pallone finale Brasile - Uruguay 1950

Superball. La storia del pallone che ha cambiato il calcio

Non propriamente sferico, dodici strisce di cuoio cucite intorno a una camera d’aria, il pallone degli anni eroici aveva una specie di bubbone esterno per il gonfiaggio e quando pioveva diventava una pietra. Colpirlo di testa provocava quasi sempre ferite piuttosto dolorose. Ci penseranno tre italiani d’Argentina a cambiare le cose. Sono loro che nel 1931 brevettano il Superball, pallone completamente sferico, facilmente gonfiabile e che fa nascere il calcio moderno.

Leggi tutto »
Prisca Taruffi al Rally Maya

Rally Maya 2023. Appunti dalla terza e quarta tappa

In gara al Rally Maya 2023 su Ferrari 308 GTS insieme alla copilota Marina Grassi, Prisca Taruffi racconta a Sportmemory le sue impressioni di tappa. Tra soprese di gusto italiano e meccanici al lavoro di notte, così sono andate la terza e la quarta tappa Merida-Progreso-Merida.

Leggi tutto »
Alfred Wegener

Alfred Wegener. Il ghiaccio come destino

Una vita di studio e di avventura quella di Alfred Wegener. Scenziato ed esploratore, teorizza la Pangea e la deriva dei continenti, nel 1906 stabilsce il record di permanenza in volo su pallone aerostatico e per tre volte affronta il grande ghiaccio della Groenlandia. L’ultima spedizione nel 1930, poi anche il destino diventa ghiaccio

Leggi tutto »
Gianluca Santilli

Gianluca Santilli. Bici, cuore e mani

Metafora della vita, dinamica assoluta, equilibrio in velocità, bellezza di linee. Affascinato da tecnica e significati, nel 1913 il futurista Umberto Boccioni ne traduce estetica ed afflato in “Dinamismo di un ciclista”. Da allora, la bicicletta di strada ne ha fatta. Gianluca Santilli è il padre della Gran Fondo Campagnolo di Roma, ma anche il primo che ha tradotto e teorizzato le emozioni della vita a pedali nel paradigma sostenibile e innovativo della Bikeconomy. Numeri, certo, ma soprattutto una filosofia.

Leggi tutto »

Nino Bibbia. Oro e ghiaccio

St. Moritz 1948. Dopo la furia della guerra, tornano i Giochi Olimpici e i primi sono quelli invernali. Il 3 e 4 febbraio, sulla Cresta Run, Nino Bibbia incontra il suo destino ed entra nella storia dello sport italiano. Nello skeleton sarà tra i più grandi al mondo.

Leggi tutto »
Cesare Sangermani

Cesare Sangermani. Il Poeta delle barche

Non è un’esagerazione. Si può essere poeti quando si disegna e si costruisce una barca. Si può essere filosofi quando si accarezza e si parla con il legno che gli darà forma. Cesare Sangermani questo era, poeta e filosofo delle barche a cui ha dato cuore e anima. Proprio come lo ha raccontato Franco Belloni sulle pagine del Notiziario del Centro Studi Tradizioni Nautiche della Lega Navale. Pagine che riportiamo a nuova vita.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi