James “Jim” Fixx. La rivoluzione silenziosa del podista scrittore

Il 20 luglio 1984 sulla Vermont Route 15 ad Hardwick, James "Jim" Fixx finisce di correre per sempre, beffato dall'occlusione per arteriosclerosi di tre arterie che gli provoca un infarto fulminante. La sua rivoluzione silenziosa, quella che accompagna ogni runner quando macina chilometri ad ogni ora e con ogni tempo, invece non si è mai fermata.
James Fixx

Il 20 luglio 1984 una notizia sconvolse i podisti, specialmente quelli a bassa velocità, oserei dire principalmente i tapascioni, come dicevano in gergo allora: James Fixx, podista scrittore più conosciuto al mondo, artefice di una vera rivoluzione silenziosa, nato a New York nel 1932 e noto a tutti noi come Jim, muore per infarto, a soli 52 anni.
Erano i tempi che la corsa si stava affermando in tutto il mondo, le maratone e alcune mezze vedevano crescere il numero di finishers in maniera esponenziale. Indubbiamente colui che aveva maggiormente contribuito a spiegare il fenomeno della corsa e gli straordinari benefici alla salute che ne derivavano era Fixx.

Il genio, la corsa, il successo

James Fixx, da giovane laureato, era un socio del Mensa club, che riuniva le persone con il più alto quoziente d’intelligenza e aveva pubblicato tre libri di quiz enigmistici di grande difficoltà.
Nel 1967, a 35 anni, iniziò a correre e fu un amore a prima vista.
Il motivo era abbastanza comune a tanti; era in netto sovrappeso e fumava due pacchetti di sigarette al giorno.
Ogni mese puntualmente verificava quanto era calato di peso e quante sigarette in meno al giorno fumava. Quando dieci anni dopo pubblicò il suo primo libro sulla corsa, nel 1977, era dimagrito di 30 chili e aveva smesso di fumare.
Il titolo era The complete book of running, ne vendette un milione di copie e per undici settimane fu il libro più venduto negli States, cosa che lo fece diventare ricco.
In Italia, edito da Sonzogno, uscì con il titolo Il libro della corsa e lo comprammo in molti.

Il grande divulgatore

Ovviamente dopo la sua dipartita, tutti dicevano che Fixx era stato l’inventore del jogging, ma questo non era assolutamente vero. Probabilmente era sicuramente colui che aveva contribuito maggiormente a lanciarlo nell’etere, specialmente degli sportivi con minore attitudine a fare sport in generale.
Quello che è certo è che dopo la sua morte per infarto, i tanti detrattori della corsa, in particolare gli automobilisti infastiditi dai pochi minuti di attesa a un bivio in occasione di qualche gara podistica, iniziarono a dire “Ve lo avevo detto che la corsa fa male!”. E il fatto che colui che aveva propagandato che la corsa aerobica era la difesa più importante contro l’infarto, fosse deceduto, proprio durante la corsa, per infarto fulminante, sembrava un evidente controsenso.

Non venne considerato il fattore ereditario, dato che James Fixx aveva avuto il papà Calvin, redattore del settimanale “Time”, che aveva avuto un primo infarto a 34 anni ed era morto a 43 per un secondo attacco di cuore, pertanto morto d’infarto molto più giovane di lui.
Non venne considerato che per tanti anni aveva fumato moltissimo ed era stato nettamente in sovrappeso.

Una cosa curiosa, che ovviamente utilizzammo come auto difesa noi amanti della corsa, fu che era morto d’infarto a soli 40 anni un soggetto considerato uno dei più virulenti nemici della corsa, un altro americano di nome Robert Hutchins. Famosa la sua frase, riportata dal noto medico Enrico Arcelli, “Tutte le volte che mi viene voglia di correre…mi sdraio e aspetto che mi passi”.

Anche Enrico Arcelli, che l’anno dopo la morte di James Fixx, nel 1985, pubblicò l’altro best seller Correre è bello” che per noi pedestrians diventò la “Bibbia” del podista, morì nel 2015 per problemi cardiaci, ma lui di anni ne aveva 75.

(Da Il secondo libro dell’Enciclopedia Ducani)

 

Luciano Duchi, romano del 1939, organizzatore di grandi eventi sportivi, uomo fortunato che ha combinato la passione per i numeri con la passione per l'atletica. Nel 1974 idea la mezza maratona Roma-Ostia e nel 1976 fonda il Gruppo Sportivo Bancari Romani, oggi GSBRun. Non ha mai smesso di correre. In strada, ma soprattutto nella vita.

ARTICOLI CORRELATI

Pietro Mennea

Pietro Mennea. L’epopea di Mexico City

Universiadi di Mexico City, settembre 1979. Pietro Mennea entra nella storia dello sport. Tutti lo ricordano per il primato mondiale nei 200 metri, ma in quei giorni Mennea fa molto di più. Questa è la cronaca dettagliata della settimana epica di uno degli atleti italiani più forte di sempre.

Leggi tutto »

L’atletica allena il coraggio

Quando non puoi fare qualcosa, puoi immaginare di poterla fare.
Nel dicembre del 1991 la vita di Cinzia Leone cambia; quello che lei aveva immaginato prima, adesso non va più bene.
Sembra tutto perso, ma non è così. Cinzia trova il coraggio di immaginarsi ancora, allena cervello e fisico e li costringe a inseguire la sua immaginazione fino a quando i due non si ricongiungono.
Si chiama riabilitazione, ma è molto meglio chiamarla atletica del coraggio.

Leggi tutto »
Ottavio Missoni

Ottavio Missoni. Il cuore oltre l’ostacolo

I 100 anni di Ottavio Missoni, italiano di Dalmazia, nato a Ragusa e cresciuto a Zara, atleta per vocazione, capace di lanciare il cuore oltre l’ostacolo. 100 anni attraversati con stile. In pista, nella sua prima vita da atleta, e nella moda, nella seconda vita che lo farà conoscere al mondo.

Leggi tutto »
Piano 14.25

Piano 14.25. La storia maledetta del doping di Stato

Il Piano 14.25 è una storia maledetta. Una storia di doping di Stato, una storia di quando il mondo era diverso e gli atleti erano solo pedine da muovere sullo scacchiere dei primati politici nazionali e internazionali. Una storia in gran parte al femminile. Il Piano 14.25 è un crimine che non ha diritto all’oblio.

Leggi tutto »
Emilio Lunghi

Emilio Lunghi. La prima medaglia olimpica italiana

Emilio Lunghi, prima medaglia olimpica italiana, non è solo una grande storia di sport. Emilio Lunghi è una grande storia italiana, un campione che domina i tempi sui cronometri, ma spesso avversato dai regolamenti. Un campione che supera indenne la Grande Guerra, ma che soccombe al tanto e ricambiato amore per il fascino femminile. Emilio Lunghi è una storia di vita libera.

Leggi tutto »

Una vita in corsa

È solo un bambino quando Luciano Duchi sente parlare per la prima volta della Roma-Ostia e anche se non sono storie che parlano di tempi e di gambe, ma storie di ferrovieri che abitano nel suo palazzo, qualcosa rimane nella sua memoria. La vita poi fa il suo corso; la scuola, il militare, il lavoro in banca e l’atletica, la sua grande passione.
Una passione che lo riporta indietro nel tempo, ai racconti dispersi dei ferrovieri origliati da bambino e che, nel 1974, gli fa immaginare il futuro quando organizza la prima mezza maratona Roma-Ostia, da allora un classico che ogni anno richiama migliaia di atleti e appassionati da tutto il mondo.
La vita in corsa e per la corsa di Luciano Duchi inizia proprio così.

Leggi tutto »
MARATONA DI NEW YORK

New York. La maratona di Giovanni Bartocci.

Giovanni Bartocci, ristoratore romano trapiantato nella Grande Mela, ci racconta della sua prima Maratona di New York e dell’anima e del cuore che ci ha messo per finirla. Per l’occasione ha anche indossato il suo abito migliore: maglietta della Lazio e pantaloncini autografati di Milinkovic-Savic. Un’altra grande storia nella storia.

Leggi tutto »
Annalisa Minetti

Annalisa Minetti. Non si vive una volta sola

Annalisa Minetti, cantante e atleta, lo dice con grande serenità: non si vive una volta sola nella stessa vita. Lei, la sua, l’ha inventata molte volte. Una storia di resilienza, di entusiamo e di passione. Una storia di sport che insegna a vivere.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi