L’oro due

Giganti. Potremmo forse chiamare diversamente Pietro Mennea e Usain Bolt? Giganti e veloci. Velocissimi, non più del vento, ma della stessa essenza del vento.
0-cover-lorodue

Pietro Mennea, almeno per un paio di generazioni -i nati negli anni ’50 e ’60 di sicuro – è stato molto più di un atleta.
Ma ‘ndovai co ‘sto fisico!” gli avranno detto tante volte al magro ragazzo di Barletta con lo sguardo malinconico preso in prestito dalla Gioconda.
La cosa che ci ha fatto amare Mennea come un fratello è stata anche la sua totale normalità estetica: 179 centimetri per 68 chili di ossa e muscoli.
Non esattamente i 195 di Bolt per 94 chili senza un filo di grasso.
Ora, tra il 19 e 72 di Città del Messico e il 19 e 19 di Berlino ottenuto dall’atleta con il fisico più spettacolare del secolo, la differenza in fin dei conti è un soffio.

Ecco, vederli insieme che tagliano il traguardo affiancati è un sogno a cui gli appassionati di sport avrebbero voluto assistere.
Il bianco e il nero, il tanto e il poco, il gigante e lo scoiattolo, l’analogico e il digitale, lo spaghetto al pomodoro e l’integratore superproteico, insieme con lo stesso identico tempo.
Solo l’uomo vitruviano di Leonardo, ovvero la perfezione delle forme, poteva sancire la parità tra i due, statue viventi ora parcheggiate nella nostra mente nel garage Colosseo.

 

Marco Innocenti. Dal 2007 ad oggi, contestualmente all’attività di poster maker per il cinema, ha realizzato oltre 400 "ricollage" digitali stampati su tela con inserti manuali di carta strappata dai manifesti pubblicitari raggiungendo un pubblico di appassionati e collezionisti sia in Italia che all’estero. Ispirato a Mimmo Rotella, fa però uso della computer grafica per mixare frammenti di noti capolavori della pittura classica e delle arti figurative con manifesti e fotogrammi cinematografici e con i miti e gli eroi dello sport.

ARTICOLI CORRELATI

Antonio Spataro. Olimpiadi da medico dello sport
olimpiadi

Le Olimpiadi raccontate dalle emozioni di un medico sportivo. La testimonianza esclusiva del professore Antonio Spataro, Chief Medical Officer Italian
Leggi tutto >>

L’Atmonauta e il Paradosso di Zenone

A 4.300 metri ci arrivi tra scherzi e battute. Possibile poi che quando salti fuori, mentre fai diventare il tuo
Leggi tutto >>

Gegè Munari, ala sinistra e ambidestro della batteria

Il nostro viaggio non convenzionale tra jazz e sport continua con un artista assoluto, un maestro della batteria che tutti
Leggi tutto >>

Il Napoli scudetto, liturgia di un amore

Il 10 maggio 1987 non è una data, è un monumento alla vita e alla gioia di una città che
Leggi tutto >>

NBA. Quando i nomi sono un destino – 1
NBA

Il campionato NBA raccontato attraverso i nomi delle squadre, nomi che sono identità, sfide e destino, spesso suggeriti con una
Leggi tutto >>

Franco Selvaggi, tanti i goal fatti, tanti di più quelli fatti fare
Franco Selvaggi

Ho fatto un centinaio di goal, ma ne ho fatti fare molti di più. Come centravanti mi piacevano Inzaghi e
Leggi tutto >>

Villa Borghese tra sport e vita

Villa Borghese dove si corre per amore e dove si ama di corsa, dove si portano i figli a crescere,
Leggi tutto >>



La nostra newsletter
Chiudi