Ernesto Alicicco. Medico e galantuomo di campo

Primi anni '80, la mia squadra era l'INA Casa, il nostro campo il Moscarelli al Tuscolano, periferia di Roma. Con noi c'è Ernesto Alicicco che per 24 anni sarà il medico dell'AS Roma. Deve insegnarci le pratiche di primo intervento in campo, ma in effetti ci insegna molto di più. A noi, ai calciatori e anche alle loro mamme.
Ernesto Alicicco Bruno Conti

Lo scudetto, il secondo, atteso per decenni. Una finale di Champions League sognata, giocata e sfumata. Passione e delusione, memorie indelebili di stagioni che hanno segnato la memoria e l’immaginario giallorosso. Un clima, un presidente e campioni indimenticabili, ma anche altro: uomini e organizzazione perché, sia chiaro, risultati di quel tipo non arrivano mai per caso o fortuna. Tra gli uomini che fecero la loro parte per portare la Roma lì dove aspettava di essere, ne ricordo uno in particolare e lo ricordo con un mio aneddoto personale. Parlo di Ernesto Alicicco, il medico che ha vissuto 24 anni in giallorosso, sempre presente, sempre in campo, sempre a rimediare ai guai dei calciatori, sempre a rimetterli in piedi. Ernesto Alicicco ho avuto modo di conoscerlo benissimo e l’episodio mi è tornato in mente in occasione di una delle partite del Torneo di Natale del mio Real Tuscolano.

Facciamo un passo indietro

Al tempo l’Ina Casa era una società che faceva riferimento all’A.S.Roma e il dottor Alicicco  ebbe l’incombenza di organizzare un corso di Primo Soccorso per tutti noi. Al di là del ruolo – mister o dirigenti – tutti noi imparammo qualcosa da lui perché, come ci diceva sempre, bisognava evitare che i ragazzi arrivassero dai medici “rovinati” dalle prime cure che gli si facevano (e si fanno) a bordo campo.
Fu così che Ernesto Alicicco ci insegnò cose semplici, ma fondamentali: come sollevare da terra l’infortunato, come caricarlo su una barella o in ambulanza, come gestire un primo intervento su una ferita, una lesione muscolare o persino una frattura.
Piglio deciso e senza fronzoli, linguaggio colorito, era meglio che facevi vedere di aver capito altrimenti il linguaggio diventava ancora più creativo e colorito!

Alicicco Di Bartolomei
(A sinistra Ernesto Alicicco, al centro il capitano Agostino di Bartolomei)

Mamme, ragazzi e merende

Il fatto è che Ernesto Alicicco oltre ad insegnarci il Primo Soccorso faceva anche altro. Per noi, ma soprattutto per i ragazzi e questo altro passava per le mamme.
Ora, chi conosce il campo Moscarelli sa che per accedere negli spogliatoi bisogna fare una piccola rampa di scale. Ebbene proprio su quella rampa di scale il dottor Alicicco aspettava le mamme che venivano a riprendere i figli armate di merenda. Non era certo un caso. Lui aspettava, guardava e poi esplodeva “Ma che merenda j’hai dato a tu fijo?? Ma come, a un fisico affaticato che deve recuperare uno sforzotu che je dai…patatine, pizzette e cocacola??”.
Le mamme punte sul viso, rispondevano in attacco “e allora che je devo da’??” E Alicicco, pronto: “Ma che je devi da’? ‘na fetta de pane co’ la marmellata e ‘na bottija d’acqua …ecco che je devi da’…”.
Accadeva così tanti anni fa e quella sera alla partita del Torneo di Natale, quando lo sguardo mi è caduto sui bambini che uscivano con patatine e coca-cola, ho sorriso e ripensato al dottor Alicicco e al bene che ha fatto a chi gli ha dato retta.

Un’altra cosa ancora

In effetti questa cosa non c’entra con il dottor Alicicco, ma è accaduta lo stesso giorno e tanto vale raccontarla. Una cosa che non ho detto è che alla partita del Torneo di Natale io facevo l’arbitro. Un vantaggio dell’età, chiamiamolo così.
Il bambino ha sulle spalle 11 anni, occhi svegli e una vita davanti. Mi guarda e dice: “arbitro era rigore … il portiere ha preso la palla co’ le mani fuori area!“. Replico: “ragiona, se ha preso la palla con le mani fuori area non può essere rigore, ma punizione dal limite. Giusto?” Attimo di indecisione e poi, guardando dall’altra parte: “a no’ (nonno)…ma te voi sta zitto? me fai sempre fa ‘ste figure de (omissis)! La prossima vorta vengo cor papà de Marco… no, no è mejo de no …quello è peggio de te! …Arbitro… te posso di’  ‘na cosa? Tu je somiji un po’ a mi nonno… solo che lui nun glie la fa nemmeno a parla’ e te invece cori più de me!” 
Piccole soddisfazioni di campo, proprio come ricordare dopo anni e ancora con piacere un signore che aveva a cuore noi, i ragazzi e persino le mamme della merenda sbagliata: Ernesto Alicicco, medico e galantuomo.

 

Nello Panzini nasce a Roma l'8 agosto del 1947, oggi pensionato Telecom con "buona memoria", si diverte a raccontare lo sport di una volta ed il contesto storico nel quale si praticava. Tuttora tesserato con il Real Tuscolano nel quale, vista l'età, fa quello che può.

ARTICOLI CORRELATI

Giraci e Dominici

1935. Il giro del mondo di Geraci e Dominici

27.775 miglia in 399 giorni di navigazione a vela.Tra tempeste, pirati e cannibali, nel 1935 Francesco Aurelio Geraci e Rosario Dominici compiono l’impresa e circumnavigano il globo a bordo della “Mas”, goletta di appena 10 metri.

Leggi tutto »
Roberto Strulli

Roberto Strulli. Tragedia in campo

Il 14 febbraio del 1965, a seguito di un fortuito scontro di gioco con il centravanti avversario Alfiero Caposciutti, il ventiseienne Roberto Strulli, portiere dell’Ascoli, si accasciò a terra. Portato in ospedale, morì poche ore dopo. La triste storia del primo calciatore professionista morto sul campo in Italia.

Leggi tutto »
Olympia Fiume

Fiume, il calcio e la dignità ritrovata

Fiume significa tante storie. Questa è la storia del suo calcio e dei campioni fiumani che hanno poi vestito tante altre maglie lasciando un segno che va oltre i goal fatti. Questa è la storia di una dignità ritrovata.

Leggi tutto »
Pink Floyd

Pink Floyd F.C. The dark side of soccer

Seconda metà anni ’60. Londra. L’altra Londra. Psichedelica, acida, onirica, visionaria oltre misura. I Pink Floyd si affacciano sulla scena per non uscirne più. Voce, chitarra, basso, batteria, tastiera: sembra una formazione classica, sarà una rivoluzione. E poi una passione inevitabile: il calcio.

Leggi tutto »
Nino Benvenuti

Nino Benvenuti. Quei giorni da pompiere

Un ricordo personale, una storia in presa diretta di anni passati troppo veloci. Nino Benvenuti alla Scuola Antincendio di Capannelle, nuovamente pompiere per qualche giorno per “prendere il congedo”, come disse, e per allenarsi al nuovo film con Giuliano Gemma. E poi gli altri, Giorgio Cagnotto e Franco Menichelli. Giorni da pompiere che non si scordano più.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi