Search
Close this search box.

Fede Giallorossa (2017) – digital ricollage

ll busto di Maria e il Bambino sono di Raffaello, Madonna Aldobrandini, 1510 National Gallery; il grembo e i personaggi secondari sono del Parmigianino, Madonna dal collo lungo, 1540, Uffizi.  Il San Francesco, che fa parte de La Madonna col Bambino in trono tra i santi Francesco e Sebastiano, è di Carlo Crivelli, 1491 anche questo alla National Gallery di Londra. L’angioletto in basso a sinistra è ancora opera di Raffaello, particolare della Madonna Sistina della Gemaldegalerie di Berlino.

Tommasi se ne stava lì tranquillo, in silenzio, pregando che nessuno si infortunasse.

Ma ecco che piomba Florenzi con la foga e l’adrenalina del finale di partita, si inginocchia di fronte alla Madonna per supplicare “un miracolo”, lui che un miracolo vero e proprio lo aveva fatto in campo qualche partita prima (vedi gol da centrocampo al Barcellona).

Perché il calcio è uno sport un po’ fisico e materiale un po’metafisico e spirituale, per cui quello che sta per accadere potrebbe non accadere più e viceversa.

Come se l’invisibile ondata emotiva dei tifosi, in presenza o in streaming, potesse davvero determinare la traiettoria di un tiro o far cambiare idea all’arbitro.

L’aggettivo del titolo è caratterizzato dai colori per cui tifo, ma se al posto di Florenzi e Tommasi ognuno mette la figurina del suo giocatore preferito (una volta si diceva “beniamino”) di qualsiasi altra squadra, il risultato non cambia.

Quale appassionato di calcio (leggasi tifoso) può negare di aver richiesto l’aiuto divino per ottenere un gol, al novantesimo, almeno una volta?

Anche per molto meno! Risponderebbero in tanti.

P. S.

20 aprile 2016, stadio Olimpico, Roma-Torino

Florenzi in realtà si inginocchiò davanti al guardialinee perché segnalasse un fallo di mano in area non visto dall’arbitro. L’arbitro negò il rigore, ma pochi istanti dopo, negli ultimi cinque minuti di partita, avvenne un miracolo doppio…

Marco Innocenti. Dal 2007 ad oggi, contestualmente all’attività di poster maker per il cinema, ha realizzato oltre 400 "ricollage" digitali stampati su tela con inserti manuali di carta strappata dai manifesti pubblicitari raggiungendo un pubblico di appassionati e collezionisti sia in Italia che all’estero. Ispirato a Mimmo Rotella, fa però uso della computer grafica per mixare frammenti di noti capolavori della pittura classica e delle arti figurative con manifesti e fotogrammi cinematografici e con i miti e gli eroi dello sport.

ARTICOLI CORRELATI

Walter Chiari

Walter Chiari. I pugni di un eterno ragazzo

Cento anni compiuti da poco, ma a guardare anche adesso quel viso da eterno ragazzo cento anni sembrano solo un morso alla vita. Oppure un pugno, uno dei suoi, quelli del suo sport preferito, lo sport dell’anima che si è sempre portato dentro: la boxe. Pugni e amori, commedia e spettacolo, la sua vita e anche un po’ la nostra.

Leggi tutto »
Le ragazze del calcetto

Le ragazze del calcetto

Le ragazze del calcetto hanno una storia comune e una vita che condividono nel campo e fuori. Una storia al servizio del bene comune. Una storia di sport che fa bene a tutti.

Leggi tutto »
Carlo Galimberti

Carlo Galimberti, il campione eroe

Carlo Galimberti, quattro olimpiadi con una medaglia d’oro e due d’argento, primatista italiano e mondiale di sollevamento pesi. Ma non è tutto. Carlo passa dalle trincee della Grande Guerra al Corpo dei Vigili del Fuoco con intraprendenza, altruismo e generosità. Qualità di un campione, certo, ma nel suo caso anche di un eroe.

Leggi tutto »
George Best

George. Best, pop, rock

Divo assoluto, geniale, esteta del dribbling, innamorato della vita viscerale e senza regole, George Best lascia un segno indelebile nel calcio moderno e paga i suoi conti fino in fondo.

Leggi tutto »
San Giuseppe Due

San Giuseppe Due. Una feluca in Antartide (I)

27 giugno 1969: la feluca San Giuseppe Due, capolavoro di ascia e di vela, si lascia il porto di Anzio alle spalle. Non prende il mare per una gita, la sua destinazione è l’Antartide. Un’impresa marinara e scientifica da ricordare. La bella penna di Claudio Ressmann ne ha raccontato sul numero di luglio 2019 del Notiziario del Centro Studi Tradizioni Nautiche della Lega Navale. Un racconto che noi riproponiamo in due puntate perché la San Giuseppe Due, ad onor del nome, in Antartide andrà due volte

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi