Aspettando Steelman H24 Race. Vetus Auximon Team

Il 18 giugno, nello scenario di mare e montagna tra Formia e Gaeta, irrompe la prima edizione di Steelman H24 Race. L'innovativa gara estrema - unica nel genere - metterà alla prova team di atleti che per 24 ore di seguito dovranno competere con sé stessi, andando oltre i propri limiti, e con gli avversari. Nell'attesa iniziamo a guardare da vicino alcuni di loro e oggi presentiamo Marco Palpacelli e Samuele Canonico, in gara come Vetus Auximon Team
Steelman H24 Race

Marco Palpacelli

È andata così. È andata che dopo qualche mese di sola sala pesi, per quello strano meccanismo che ne regola la visibilità, sui social mi compare un post con il format di Steelman H24 Race. Guardo incuriosito e poi, quasi per scherzo, pubblico anche io un post dove annuncio “se trovo un compagno mi iscrivo”. Ed eccoci qua.

La preparazione

Ho iniziato la preparazione tardi, a marzo; tanti gli impegni lavorativi e familiari e un virus intestinale da gestire.
Nulla da farmi cambiare idea, però. Con Leonardo “Rhino” Moglianetti, il preparatore, abbiamo fatto un gran lavoro di conditioning mixando le varie discipline di gara e confrontandomi con Samuele, il mio socio di avventura, almeno una volta a settimana.

Steelman H24 Race
(Steelman H24 Race. Marco Palpacelli)

Nutrizione e integrazione. Una strategia complessa

La nutrizione è stata parte fondamentale della preparazione.
A marzo pesavo quasi 100 chili, mentre ora sono intorno a 93 passando da una classica fase di BulK a quasi una keto alternata al digiuno per abituare il corpo a lavorare lunghi periodi senza pasti solidi.
Anche l’integrazione è stata importante per evitare infortuni e mantenere la lucidità in gara.

Una lunga attesa

Steelman H24 Race è la gara che aspettavo da anni. Mi piace mettere alla prova la mia resistenza; sofferenza e sacrificio non mi spaventano. In questo caso il fatto che Samuele abbia sposato una causa di beneficienza mi motiva ancora di più.
Salire sul podio sarebbe bellissimo, ma noi non siamo Atleti Elite, lavoriamo almeno 10 ore al giorno, e per entrambi questa è la prima volta in una gara endurance.
L’obiettivo è concludere tutti gli eventi.
Lunedì, quando torneremo al lavoro, saremo contenti di questo.

Samuele Canonico

Grande passione della mia vita lo sport.
Una passione che ha trovato la sua strada negli sport da combattimento, che ho sempre praticato. Forse per questo le sfide non mi hanno mai intimorito, anzi ne ho sempre subito il fascino.
Proprio come quando ho visto la storia su Instagram del mio amico Marco che parlava di  Steelman H24 Race e non ho esitato un minuto a raccogliere il guanto e accettare la sfida.

Le mie passioni

Ultimamente mi ero appassionato al CrossFit, da lì sono tornato un po’ indietro con gli anni ed ho ricominciato a praticare corsa nuoto e bici. Di fatto l’allenamento che facevo già qualche anno fa, quando mi preparavo per combattere.

Steelman H24 Race
(Steelman H24 Race. Samuele Canonico)

Alimentare il corpo

Iniziato l’allenamento mi son trovato da subito a fare i conti con la necessità di un fabbisogno calorico giornaliero superiore. Una vicenda impossibile da lasciare al caso e nella quale sono stato guidato dalla mia nutrizionista Chiara Iengo del team Styven Tamburo. Con lei abbiamo messo a punto un piano alimentare e d’integrazione calibrato per le mie necessità. L’effetto lo potevo misurare giorno dopo giorno vedendo le mie prestazioni migliorare notevolmente.

Aiutare il prossimo. La vera sfida

Ho deciso poi di rendere ancora più bella questa grande sfida avviando una raccolta fondi per l’Associazione Italiana MucopolisaccaridosiAIMPS.  Ho conosciuto personalmente la difficoltà della conoscenza di queste malattie e le grandi difficoltà nella loro ricerca. Ho deciso così di dare una mano e di farlo nel modo che mi viene meglio; con lo sport.
Sarà una grande prova, per me la prima di questo tipo.
Dura, senza dubbio, ma sarà un buon trampolino di lancio.
Con grande sincerità, non vedo l’ora di iniziare.

Rachele Colasante nata a Roma nel 1999, da sempre incuriosita dalle storie, studia Lettere a RomaTre cercando di scrivere la sua al meglio. Ancora non sa dove la condurrà il suo percorso, ma per ora si gode il paesaggio.

ARTICOLI CORRELATI

Steel Man H24 Race

Steelman H24 Race. Estremo oltre.

Steelman H24 Race, invenzione tutta italiana unica al mondo per modalità e intensità, esordisce nel panorama delle competizioni estreme e porta il suo assalto al futuro. Sportmemory è lo storytelling partner dell’iniziativa e la racconterà come ci piace fare: con emozione e suggestione.

Leggi tutto »
Steelman H24 Race

Aspettando Steelman H24 Race. Il D.P. Team

Il 18 giugno, nello scenario di mare e montagna tra Formia e Gaeta, irrompe la prima edizione di Steelman H24 Race. L’innovativa gara estrema – unica nel genere – metterà alla prova team di atleti che per 24 ore di seguito dovranno competere con sé stessi, andando oltre i propri limiti, e con gli avversari. Nell’attesa iniziamo a guardare da vicino alcuni di loro e oggi presentiamo Sara Durazzi e Raffaele Polonara, in gara come D.P. Team

Leggi tutto »
maratona venezia

La maratona, metafora di vita

Nella maratona i secondi sono minuti e i minuti si tramutano in ore e si finisce per ritrovarsi nuovamente soli, in mezzo agli altri, a correre con sé stessi consapevoli che nessuno ti potrà aiutare.

Leggi tutto »
Steelman H24 Race

Aspettando Steelman H24 Race. No Limits Training Team

Il 18 giugno, nello scenario di mare e montagna tra Formia e Gaeta, irrompe la prima edizione di Steelman H24 Race. L’innovativa gara estrema – unica nel genere – metterà alla prova team di atleti che per 24 ore di seguito dovranno competere con sé stessi, andando oltre i propri limiti, e con gli avversari. Nell’attesa iniziamo a guardare da vicino alcuni di loro e oggi presentiamo Giulia Ramoni e Aurelio Lodetti, in gara come No Limits Training Team

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi