Search
Close this search box.

Sportmemory. Un anno di storie di sport.

SPORTMEMORY

Oggi è un giorno importante.
Anticipato da un editoriale zero il 13 marzo 2021, il successivo 2 aprile 2021 Sportmemory iniziava a uscire regolarmente e ad arricchire la rete con la sua narrazione emotiva dello sport.
In 12 mesi abbiamo raccontato 372 storie a 208.300 lettori che hanno ci hanno visitato 254.600 volte.
Sportmemory oggi non è solo un grande archivio dello sport, ma è il luogo sicuro della memoria emotiva di campioni, di sportivi e di appassionati. Il luogo sicuro della memoria che guarda al futuro, che non si arrende al tempo, che lo sfida e che lo supera.
In questi 12 mesi abbiamo recuperato storie disperse e dimenticate, ne abbiamo raccontate altre note, mettendone però in luce nessi e connessioni che a noi sembravano chiare, ma che non avevamo invece ancora letto.
Hanno scritto per noi campioni olimpici e mondiali, atleti che iniziano adesso il loro percorso di vita e semplici appassionati dello sport, ognuno con una storia, un aneddoto, un’emozione da affidarci e da trasferire ai nostri lettori.
Emozioni che molto spesso valgono come esempi.

I numeri, grandi o piccoli, dicono qualcosa di Sportmemory, ma forse non tutto.

Forse non dicono della passione che abbiamo messo in campo  per cercare storie ed immagini, per scriverne trovando, speriamo, le parole giuste per alimentare altre passioni, le vostre.

Un anno è solo l’inizio e i nostri progetti sono ambiziosi, non proprio facili, ma nel 2022 Sportmemory, oltre al magazine, aprirà altri liguaggi narrativi, linguaggi per la memoria e per il futuro.

Il mio ringraziamento personale è per tutti coloro che hanno scritto e scrivono su Sportmemory, che  si sono appassionati al racconto che avevamo in mente e che a quel racconto hanno voluto dedicare tempo, emotività e penna facendolo diventare quello che oggi siamo.
Senza enfasi, senza mezzi termini e senza false modestie, un caso di successo di editoria sportiva.
E il ringraziamento ovviamente va a chi ci ha letto e ci legge, anche in questo caso dedicando del tempo alle parole, alle storie e alle emozioni che abbiamo cercato di rendere vive.

A proposito, ma chi ha portato la palla?

Marco Panella, (Roma 1963) giornalista, direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

Mani in alto (questa è una schiacciata)

Un salto nello Spazio. Sicuri che Paola Egonu non sia un’extraterrestre? Un salto nel Tempo. Sicuri che Botticelli non abbia pensato a lei per dipingere la nascita di Venere? Un salto nel Mito. Sicuri che non siano Zefiro e Cloris a farla alzare fino quasi a toccare il cielo?

Leggi tutto »

Figurine. Cento grandi scrittori raccontati come campioni del pallone

Ce l’ho. Ce l’ho. Mi Manca.
Bastano poche parole per entrare nel mondo delle figurine, un mondo pieno di sorprese, dal quale non si esce più perché diventa una declinazione mentale del mondo. Un mondo che riserva sempre sorprese. Proprio come questa, proprio come il libro di Silvano Calzini dove cento grandi scrittori prendono vita e si fanno conoscere nella loro versione di campioni del pallone.

Leggi tutto »
Jenny Hoffman

Jenny Hoffman. La professoressa dell’ultramaratona

Da San Francisco a New York solo correndo, più veloce di tutti, con più difficoltà rispetto ad altri, ma senza mai perdere di vista l’obiettivo. Jenny Hoffman ha seguito la sua passione, inseguito il suo sogno, vinto malanni, tempo, fatica e ha scritto il suo nome nel grande libro dei primati.

Leggi tutto »
Ronnie Peterson

Ronnie Peterson. Il dio veloce del silenzio

Ronnie non amava le parole, non rilasciava volentieri interviste, non parlava mai oltre misura. Ronnie era un ragazzo per bene, aveva un grande amore e rispettava le regole, anche quando queste gli imponevano di non vincere. Eppure lui era il più veloce di tutti. In pista e nella vita.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi