Search
Close this search box.

Masini, il “dutur” e il miracolo dell’acqua. Atto unico.

Angelo Cattaneo, massaggiatore storico dell'Olimpia, era Simmenthal, aveva un borsone dei miracoli. Dentro c'era il rimedio per tutto. Ne sa qualcosa Massimo Masini detto "Maso", al tempo uno dei migliori lunghi in circolazione. Forte il Masini, ma anche lui con qualche fragilità che ogni tanto veniva a galla. Come quel giorno, quando ci pensò il "dutur" a fargliele passare. Facile come bere un bicchier d'acqua.
Maso Masini

Ambientazione

Una domenica degli Anni Sessanta, Palalido di Milano, storico tempio del basket milanese oggi abbattuto e sostituito da un impianto più moderno che, nonostante le ripetute promesse, non è stato intitolato a Cesare Rubini. Vergogna! 

Angelo Cattaneo
(Angelo Cattaneo, il “dutur”)

Personaggi

Massimo Masini: detto “Maso”, toscano di Montecatini, uno dei migliori “lunghi” in Italia e in Europa della sua epoca. Nonostante la statura, 2.06, non ama le battaglie fisiche sotto canestro e preferisce sfruttare le sue indubbie qualità tecniche. Il suo punto debole, una certa fragilità psicologica; gli bastava poco per demoralizzarsi.
Angelo Cattaneo: milanesissimo, storico massaggiatore dell’Olimpia per 28 anni. Considerato un fratello maggiore da tutti i giocatori, italiani e americani, che sono passati nelle file delle scarpette rosse in quel periodo.
Nel suo leggendario borsone c’erano rimedi per qualsiasi problema. Anche per questo soprannominato il “dutùr”, il “dottore”. 

Maso Masini
(“Maso” Massimo Masini)

Cronaca

Siamo in piena “era Simmenthal”. Durante una partita Masini sta giocando veramente male e viene sostituito. Come detto in fase di presentazione, era un ottimo giocatore, ma un po’ fragile psicologicamente. Nei momenti di difficoltà era facile preda dello sconforto e infatti anche quel giorno quando esce dal campo e va a sedersi in panchina è quasi in lacrime.
A quel punto il “dutur” Cattaneo, che lo conosce bene, si alza e va negli spogliatoi. Dopo qualche minuto torna con in mano un bicchierino di carta. Con fare circospetto lo passa a Masini e gli dice: «Bevi».
Maso colto di sorpresa gli fa: «Che cos’è?».
«Tu non ci pensare. Bevi e vedrai» insiste il “dutùr”.
Masini, anche se un po’ perplesso, lo manda giù tutto di un fiato. Dopo qualche minuto Rubini decide di rimandarlo in campo e lui, completamente trasformato, fa un partitone e trascina il Simmenthal alla vittoria.
A fine gara, mentre stanno rientrando negli spogliatoi, Maso si avvicina a Cattaneo e a voce bassa gli domanda: «Ma cos’era quella roba che mi hai dato?».
E Cattaneo: «Acqua del rubinetto».

Silvano Calzini è nato e vive a Milano dove lavora nel mondo editoriale. Ama la letteratura, quella vera, Londra e lo sport in generale. Ha il vezzo di definirsi un nostalgico sportivo.

ARTICOLI CORRELATI

Walter Chiari

Walter Chiari. I pugni di un eterno ragazzo

Cento anni compiuti da poco, ma a guardare anche adesso quel viso da eterno ragazzo cento anni sembrano solo un morso alla vita. Oppure un pugno, uno dei suoi, quelli del suo sport preferito, lo sport dell’anima che si è sempre portato dentro: la boxe. Pugni e amori, commedia e spettacolo, la sua vita e anche un po’ la nostra.

Leggi tutto »
Ernesto Servolo Vidal

Ernesto Servolo Vidal. Un istriano in Uruguay

Ai mondiali 1950 c’è un italiano nella rosa dell’Uruguay, clamorosamente campione del mondo. Si chiama Ernesto Servolo Vidal. Istriano di Buie, quando ha solo 2 anni la famiglia emigra in Argentina. Come tanti, il destino di Ernesto inizia così. Il suo sarà un destino di pallone e questa è la sua storia dimenticata.  

Leggi tutto »
Vittorio Sella

Vittorio Sella. Fotografo sopra le nuvole

Bellezza assoluta, appagante, estatica. Innamorato della montagna, Vittorio Sella la traduce con il suo talento fotografico. Un talento che fa parlare le sue fotografie eroiche a chiunque abbia abbastanza cuore per vederle, ma anche abbastanza animo per “sentirsele” dentro.

Leggi tutto »
Jod Ke Tod

Jod Ke Tod. La competizione delle piramidi umane

Unico nel suo genere, il Jod Ke Tod della Red Bull è una competizione che riprende le modalità del tradizionale Dahi Handi indiano, rito ancestrale dedicato al dio Krishna. Una vera e propria sfida che vede competere gruppi di uomini, donne e bambini impegnati a creare una piramide umana per raggiungere un vaso di terracotta ricolmo di vernice.

Leggi tutto »
Gertrude Bell

Gertrude Bell. Vita avventurosa di una regina senza corona

Gertrude Bell ha avuto una vita avventurosa. Amante dello studio, della storia e dell’archeologia, infrange i canoni del suo tempo, viaggia nel mondo, assorbe lingue e culture, si innamora del Vicino Oriente, è ingaggiata dai servizi segreti inglesi, lavora in diplomazia e sostiene per conto della corona l’indipendenza araba dalla dominazione turca. Nel 1921 a Baghdad, per il popolo, lei è al-Khatun, consigliera di re Faysal, fondatrice dello Stato. Regina senza corona, così la ricordiamo, ma per le vite avventurose le corone sono solo un dettaglio

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi