Jean Paul Belmondo. Gli ultimi guanti

Oggi, 6 settembre, a 88 anni Jean Paul Belmondo ha fatto i suoi ultimi guanti. Ma non è detto che da qualche altra parte, sguardo di sottecchi e sorriso sornione, non sia già a bordo ring pronto a combattere un nuovo incontro.
Jean Paul Belmondo

È vero.
Jean Paul Belmondo amava lo sport.
Il tennis e il calcio, ad esempio.
Da bambino giocava in porta e non doveva essere un caso; è noto che tra tutti i ruoli, quelli con un po’ più fegato degli altri finiscono proprio a giocare in porta.
Ma guardatelo bene, guardatelo in faccia, guardate quel viso fissato in centinaia di migliaia di scatti che lo hanno immortalato durante tutta la sua vita, una vita fatta di passione avida, ancestrale.
Guardate lo sguardo, il sorriso appena accennato pronto ad aprirsi alla prima occasione utile.
Lo sguardo e il sorriso accennato di chi sa già come andrà a finire.
Jean Paul Belmondo dello sport amava la fisicità, la stessa che porterà sullo schermo e che negli anni sessanta e settanta, ad esempio, lo farà diventare interprete perfetto di innumerevoli film polizieschi che girava senza controfigura.
Ebbene, da un viso con quello sguardo e quel sorriso non puoi aspettarti che rimanga in porta tutta a vita.
Infatti Jean Paul Belmondo ha giocato a calcio e anche a tennis, ma è per la boxe che ha avuto un amore viscerale.

Quel giorno alla radio

Irruento e indisciplinato sin da bambino, il 12  settembre 1948 Jean Paul Belmondo è davanti alla radio.
Il francese Marcel Cerdan contende all’americano Tony Zale il titolo di campione del mondo dei pesi medi. 
Jaean Paul ascolta in silenzio, quasi rapito.
La vittoria di Marcel Cerdan lo farà tornare alla realtà.
O meglio, gli mostra una realtà nuova

L’Avia Club

Jean Paul ha sedici anni ed ha deciso: vuole salire sul ring, vuole fare i guanti, vuole tirare e vuole vincere.
Passano solo pochi giorni prima che Jean Paul si presenti all’Avia Club, famosa palestra di Porte Saint-Martin, per iscriversi e fare pugilato.
Si allena, ma non solo.
Sara una carriera breve e da dilettante – nove incontri, sette vittorie, un pareggio e una sconfitta -, ma anche quando lascerà il pugilato per dedicarsi al cinema, Jean Paul Belmondo dal ring non scenderà mai più e continuerà ad amare la boxe per tutta la vita.

La vita che lo aveva sfidato nel 2001 quando fu colpito da un ictus a cui non si arrese.
La vita che ha continuato a mordere con passione sino all’ultimo.
La vita con cui oggi, ad 88 anni, ha fatto i guanti per l’ultima volta.

L’amore di una vita

Con quella faccia da uomo che rimane ragazzo per sempre, nel gennaio 2018 in un’intervista all’edizione belga di Paris Match, Jean Paul lo dichiara senza mezzi termini
Amo la boxe perché mi ha fatto sognare da adolescente. Poi, ho spinto le porte dell’Avia Club per non lasciare mai questo sport, per far sognare la gente, come Cerdan! Solo che io non avevo il suo talento. Questo sport ha incantato la mia vita...

Proprio così dice Jean Paul…questo sport ha incantato la mia vita.

E visto che anche il cinema è incanto, c’è da credergli anche per come ha portato la boxe in tanti dei suoi film.
Come ne Lo sciacallo (L’Ainé des Ferchaux ) del 1963 dove fa la parte di un ex pugile, o come  in L’Asso degli Assi (L’As des As ) del 1982, che lo vede ex pugile accompagnatore della squadra francese alle Olimpiadi di Berlino del 1936.

Per queste ed altre sue interpretazioni che hanno promosso l’immagine della boxe, Jean Paul ha ricevuto un guanto onorario alla cerimonia dei Golden Gloves of Boxing il 19 ottobre 2019.
Ho sempre fatto dei cenni alla boxe nei miei film perché, ai miei occhi, i pugili ispirano rispetto attraverso il loro coraggio.
Cosi dichiarò Jean Paul  a margine della cerimonia; se ma ce fosse bisogno, l’ennesima  dichiarazione di amore per la boxe.

jean paul belmondoGli ultimi guanti

Oggi, per lui gli ultimi guanti.
Ma non è detto che da qualche altra parte, sguardo di sottecchi e sorriso sornione, non sia già a bordo ring pronto a combattere un nuovo incontro.

 

Marco Panella, (Roma 1963) giornalista, direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

PRIMO CARNERA

Primo Carnera. Il destino del 29 giugno.

Il 29 Giugno 1933 a New York Primo Carnera diventa Campione del Mondo dei pesi massimi. Non è l’unico 29 giugno importante della sua vita; l’altro sarà a Sequals nel 1967. In mezzo c’è tanta storia del Gigante Buono.

Leggi tutto »
hector rocha

Hector Rocha. In loving memory

Hector Rocha, Maestro di pugilato sconosxiuto ai più in questa parte di mondo, il 15 agosto del 2020 termina il suo ultimo match. Dopo sei settimane il Covid se lo porta via e lui, con i suoi 83 anni passati quasi tutti tra guanti, sacchi e sudore, gli deve aver dato filo da torcere fino all’ultimo. Un anno e due giorni dopo, noi rendiamo omaggio a un Maestro capace di essere esempio e lo immaginiamo ancora a tirare, a insegnare e a lasciare segni nel cuore.

Leggi tutto »
teofilo stevenson

Teofilo Stevenson vs. Muhammad Alì. Il gran rifiuto.

I più grandi. Muhammad Alì contro George Foreman, ma ancora di più Muhammad Alì e la sfida interminabile con Joe Frazier. Storia del pugilato senza alcun dubbio. Non sapremo mai però come sarebbe cambiata la storia se ci fosse stato l’incontro tra Teofilo Stevenson e Muhammad Alì. Ci siamo persi tanto. Veramente tanto.

Leggi tutto »
The Marvelous

The Marvelous

The Marvelous. Solo così si poteva chiamare Marvin Nathaniel Hagler, non The Greatest, The Beast, The War, Sugar o altro. Solo The Marvelous. Solo il Meraviglioso.

Leggi tutto »
Vittorio Tamagnini

Vittorio Tamagnini. L’uragano di Amsterdam

Vittorio Tamagnini, pugilato eroico, altra Italia, altri ring, altri pugni. Quell’11 agosto 1928 ad Amsterdam con Tamagnini, Orlandi, Toscani e Cavagnoli il pugilato italiano segna una pagina di storia olimpica mai più eguagliata e diventa leggenda

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi