Vittorio Tamagnini. L’uragano di Amsterdam

Vittorio Tamagnini, pugilato eroico, altra Italia, altri ring, altri pugni. Quell'11 agosto 1928 ad Amsterdam con Tamagnini, Orlandi, Toscani e Cavagnoli il pugilato italiano segna una pagina di storia olimpica mai più eguagliata e diventa leggenda
Vittorio Tamagnini

L’undici agosto 1928 non è un sabato come gli altri per gli americani.
Herbert Hoover parla alla Stanford University ed accetta la nomination repubblicana per la corsa alla Casa Bianca.

Ma c’è un americano, al di là dell’oceano, che ha ben altri pensieri. Si chiama John Daley, non arriva a 53 kg come impone la categoria dei pesi Gallo, e si appresta alla finale olimpica di Amsterdam.
Pensieroso, ma fiducioso.
Ha un anno di più del rivale, diciannove contro diciotto, ma soprattutto dieci centimetri di altezza a suo vantaggio. Un cammino liscio, quattro vittorie su quattro, per entrambi – e tutte ai punti – ma quelle di Daley sono state accompagnate dal gran baccano degli americani a bordo ring e gli ammiccamenti di critici e giudici sempre disponibili.
Fiducioso, ma non tranquillo.
Conosce poco l’avversario, ma ha avuto modo di studiarlo. Ha tecnica, agilità di gambe e tronco, resistenza. Il suo entourage non intravede pericoli e lui è bravo a nascondere i dubbi. 

Di certo c’è che è una gran bella sera d’estate olandese

L’aria è frizzante, il pubblico – che riempie il Padiglione Wrestling delle finali di boxe – caldo come mai. La finale di Daley, dei pesi Gallo, è la seconda in programma. Negli ultimi minuti prima del gong, il pugile del Massachusetts mima colpi, immagazzina le nozioni, immagina scenari.
Fa insomma quello che si deve fare, quello che sa fare.

Quello che è fuori dal suo controllo è il fattore che decide il confronto.

Vittorio Tamagnini
(Vittorio Tamagnini)

Il suo avversario, il civitavecchiese Vittorio Tamagnini, non solo è ostico, ma ha un appuntamento con la storia. Picchia per vincere, e picchia duro, ma per non solo per far male. Per essere la prima medaglia d’oro italiana della storia della boxe olimpica. 

Da quella sera Vittorio Tamagnini è, per tutti e per sempre, l’uragano di Amsterdam.

Vittorio Tamagnini conduce il match dall’inizio alla fine con l’autorevolezza del più forte e chiude senza un segno sul volto. Il verdetto ritarda qualche minuto, ma è all’unanimità per il nostro.

Vittorio Tamagnini Gazzetta

È l’inizio di una giornata memorabile. Carlo Orlandi piega un altro statunitense, Stephen Halaiko, nei pesi Leggeri. Piero Toscani trionfa nei Medi superando il ceco Jan Hermanek.
Tre volte d’oro e prima piazza assoluta nel medagliere della disciplina con la ciliegina del bronzo del mosca Cavagnoli. Torneremo sul gradino più alto del podio della categoria pesi Gallo altre due volte con Ulderico Sergo a Berlino 1936 e Maurizio Stecca a Los Angeles 1984 in quella notte che Rimini aspettò l’alba festeggiando davanti alla piadineria di famiglia. 

Vittorio Tamagnini quattro anni dopo, da professionista, riscrive la storia per un’altra prima volta.

Il 25 giugno 1932 sfida il leggendario Alfonso Teofilo Brown, sul quadrato Panama Al Brown, regalando stavolta quindici centimetri all’avversario, campione mondiale Gallo.

Vittorio Tamagnini vs. Panama Al Brown
(Vittorio Tamagnini vs. Panama Al Brown)

Si combatte al Padiglione 3 della Fiera di Milano, dieci round, per i pesi Piuma e senza titolo in palio. Nessun italiano aveva mai battuto un campione del mondo in carica.

Vittorio Tamagnini, luragano, ci riesce.

Roberto Amorosino romano di nascita, vive a Washington DC. Ha lavorato presso organismi internazionali nell'area risorse umane. Giornalista freelance, ha collaborato con Il Corriere dello Sport, varie federazioni sportive nazionali e pubblicazioni on line e non. Costantemente alla ricerca di storie di Italia ed italiani, soprattutto se conosciuti poco e male. "Venti di calcio" è la sua opera prima.

ARTICOLI CORRELATI

Roma Sport Sociale

Roma Sport Sociale. Il docu-reportage di Sportmemory

Un docu-reportage in sei puntate realizzato da Sportmemory con il supporto della Regione Lazio. Sei luoghi di criticità sociale dove lo sport ha migliorato e migliora la vita delle persone. Storie sportive, ma soprattutto emotive, che raccontano di come lo sport possa essere solo sociale.

Leggi tutto »
PRIMO CARNERA

Primo Carnera. Il destino del 29 giugno.

Il 29 Giugno 1933 a New York Primo Carnera diventa Campione del Mondo dei pesi massimi. Non è l’unico 29 giugno importante della sua vita; l’altro sarà a Sequals nel 1967. In mezzo c’è tanta storia del Gigante Buono.

Leggi tutto »
The Marvelous

The Marvelous

The Marvelous. Solo così si poteva chiamare Marvin Nathaniel Hagler, non The Greatest, The Beast, The War, Sugar o altro. Solo The Marvelous. Solo il Meraviglioso.

Leggi tutto »
Luna Mendy

Luna Mendy sul tetto d’Europa. La dedica allo zio Jean Baptiste

Luna Mendy combatte e legge l’avversaria intuendone le azioni. Resta in piedi per tutto l’incontro forte del suo DNA e di un allenamento speciale. Oro europeo per la kickboxing, Luna dedica la sua vittoria allo zio Jean Baptiste scomparso nel 2020. Il due volte campione del Mondo pesi leggeri aveva sempre creduto in lei.

Leggi tutto »
Jean Paul Belmondo

Jean Paul Belmondo. Gli ultimi guanti

Oggi, 6 settembre, a 88 anni Jean Paul Belmondo ha fatto i suoi ultimi guanti. Ma non è detto che da qualche altra parte, sguardo di sottecchi e sorriso sornione, non sia già a bordo ring pronto a combattere un nuovo incontro.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi