Formulino. L’ultimo re di Imola

Arturo il gatto. Arturo salito al trono dell'autodromo di Imola come Formulino. Un regno durato sedici anni con Formulino che non mai negato affetto a nessuno, strappando sorrisi, stemperando tensione, lasciando tracce. Formulino ha attraversato il ponte per iniziare una nuova vita, una delle sue tante vite gatte. Come tutti i gatti che vanno oltre, non lascia un'assenza, ma una presenza indelebile.
Formulino

Il suo account su Instagram non lascia dubbi.
I’m the owner of autodromoimola”, così recita.

Inequivocabile e inequivocabilmente vero; chiunque abbia esperienza di gatti sa benissimo che un gatto in casa ne diventa il signore assoluto. Con grazia, eleganza, ma senza sconti. Regala affetto nei suoi modi e nei suoi tempi e, presto, diventa insostituibile.
Così è Arturo, più noto al mondo come Formulino. Giustamente un gatto che ha fatto di Imola e del grande circo della Formula 1 il suo regno, non può che chiamarsi così.

Un autodromo come regno

Sedici anni di Imola hanno fatto di Formulino una celebrità. Per il grande pubblico, per tutti quelli che a Imola vivono, lavorano e naturalmente anche per chi ci corre.
Quando passa tutti lo salutano, inevitabilmente inchinandosi alla sua altezza, cioè verso il basso, con il rispetto dovuto per il re dell’autodromo. Questo anche quando lui riceve altri re, quelli della pista, gente come Lewis Hamilton e Sebastian Vettel che più volte hanno ceduto alla tentazione di postare foto sui social con lui.
Formulino ha 16 anni, il pelo grigio e gli occhi da gatto che non sai mai dire con precisione di che colore siano perché sembra che lo possano cambiare a proprio umore.
Fatto è che il nostro Formulino su Instagram ha una corte di oltre 43.000 follower. O meglio, sudditi. Noblesse oblige.

Formulino

Vita da celebrità quella di Formulino.

Account social, certo, ma soprattutto, impegni ai box, al paddock, negli uffici. Un saluto per tutti, una foto con tutti e il lusso di poter schiacciare pisolini ovunque volesse. Lusso regale, non c’è che dire. Regale, ovviamente, anche il VIP pass Imola cat, esclusivo e per gli umani irraggiungibile.
Sedici anni sono una vita gatta lunga e intensa. Una vita che lascia segni indelebili a chi ha avuto la fortuna di condividerla.
Tre giorni fa Formulino ha attraversato il ponte. Ha iniziato una nuova vita e, per farlo, ha lasciato Imola. Lascia un vuoto, lascia una presenza. Le regole della vita gatta, però, sono queste. Per questo non parliamo di Formulino al passato, ma al presente. Un presente continuo che si dispiega in dimensioni diverse, ora di qui, ora di là.

Metti un gatto nella vita

Negli anni ’60 il fortunato slogan di una marca di carburante prometteva prestazioni straordinarie recitando “metti un tigre nel motore”.
Provate a mettere un gatto nella vostra vita. Allora saprete.
Lunga vita al Re. Buon viaggio Formulino.

Rachele Colasante nata a Roma nel 1999, da sempre incuriosita dalle storie, studia Lettere a RomaTre cercando di scrivere la sua al meglio. Ancora non sa dove la condurrà il suo percorso, ma per ora si gode il paesaggio.

ARTICOLI CORRELATI

Faruk Hadžibegić

Faruk Hadžibegić. Quel rigore tra calcio e guerra

Un calcio di rigore cambia un destino. Di un giocatore, di una partita, di un campionato. A volte anche di una terra. Faruk Hadžibegić non poteva sapere che tornando a casa dopo l’eliminazione della Jugoslavia da Italia ’90, il mondo, il suo mondo, sarebbe andato a soqquadro e il destino, il suo destino, sarebbe stato a lungo girovago.

Leggi tutto »
Rich Moore

Rich Moore. “Tu vai, torna a casa e prenditi cura di lei”

Ci sono luoghi, tempi e rapporti che non si spiegano. Luoghi come Pagosa Spring, Colorado. Tempi come gli anni d’oro, quelli da passare insieme in pensione. Rapporti, come quello tra Dana, Rich Moore e Finnegan, anzi Finney, la Jack Russel terrier di famiglia. Rich è appassionato di hiking e Finney è sempre con lui. Sempre, anche quella mattina del 19 agosto scorso. Sempre, anche nei 72 giorni dopo.

Leggi tutto »
Carlo Galimberti

Carlo Galimberti, il campione eroe

Carlo Galimberti, quattro olimpiadi con una medaglia d’oro e due d’argento, primatista italiano e mondiale di sollevamento pesi. Ma non è tutto. Carlo passa dalle trincee della Grande Guerra al Corpo dei Vigili del Fuoco con intraprendenza, altruismo e generosità. Qualità di un campione, certo, ma nel suo caso anche di un eroe.

Leggi tutto »
Nord Corea '66

Nord Corea ’66

Non sono marziani, eppure non sanno chi sono i Beatles. Non sono marziani, eppure occhi spalancati li accolgono a Lime Station nel cuore di Liverpool. Sono coreani del nord. Sono qui per giocarsi un posto tra le prime quattro del Mondo.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi