Boston. La maratona di Rachel Foster

A novembre 2022, Rachel Foster, chef americana, subisce un gravissimo incidente che la lascia in coma per dieci giorni. Poche ora prima di essere staccata dal supporto che la tiene in vita, riapre gli occhi e subito ricomincia dove si era fermata: prepararsi per la maratona di Boston. E sarà un successo.
Rachel Foster con il marito John alla maratona di Boston 2023

La seconda vita di Rachel Foster inizia d’improvviso. Non è la storia di come nasca una supereroina o un’atleta olimpionica ma come la gente comune, con le sue difficoltà, riesca a stupire e a farci dire che sì, la storia della signora Foster ha un qualcosa del miracolo.
Rachel Foster ha trentacinque anni, vive ad Edmond, Oklahoma, un posto freddo che cerca di rendere più accogliente anche grazie al suo ristorante dove, le piace ripetere, la parte migliore è proprio il contatto con la gente e i sorrisi che riesce a trappargli. Oggi però non è a lavoro, il gelo di novembre è stato clemente e un pallido sole fa capolino fra gli alberi che costeggiano il quartiere.
“Perché non usciamo a fare un giro?” le domanda suo marito John, “almeno ti distrai un po’”. Sì perché Rachel ha un grande obiettivo in mente: la maratona di Boston. Quarantadue chilometri che già una volta ha affrontato in passato, ma che ora ha voglia di percorrere di nuovo dopo i lunghi allenamenti con il suo running partner Tim Altendorf.
È la sua routine: corsa mattutina, lavoro, casa, doccia, corsetta serale. È stancante ma vedere i progressi crescere ogni giorno di più è la soddisfazione più grande.
Oggi però è stanca, i muscoli sembrano pesanti e l’alternativa migliore è quella di prendere i due scooter elettrici che lei e John si sono regalati a vicenda il Natale scorso.

Tutto si ferma

La giornata è tranquilla, il vicinato è avvolto nella calma della mattina quando un grido rompe improvvisamente la calma. È John.
Rachel è caduta improvvisamente, riversa per terra con le ruote dello scooter che ancora girano. John pensa sia caduta per una manovra o per evitare un ostacolo, si avvicina per aiutarla a tirarsi su, ma sua moglie non si muove. Rimane lì in terra mentre, quasi fosse il segno di un destino che bussa alle spalle, il cielo diventa nuvoloso. È un istante di terrore, lunghissimo, assordante nel suo silenzio.
Dopo, tutto diventa confuso, le immagini si confondono, perdono significato, ne aggiungono altri: il viaggio in ambulanza, Rachel che continua a non aprire gli occhi, l’arrivo in ospedale, l’emergency room, l’attesa, l’angoscia.
Il responso alla fine arriva ed è terribile.
Rachel Foster ha subito un danno cerebrale gravissimo, è in coma; le possibilità di ripresa sono quasi nulle.
Passano dieci lunghi giorni di vita sospesa, non solo quella di Rachel, ma anche quella di chi le è accanto.
John le rimane vicino, le sussurra, le parla, le stringe la mano. Anche Tim, il suo allenatore, va spesso a farle visita e cerca di tirare su il morale a tutti “Se non volevi partecipare alla maratona bastava dirlo”.
Non basta, non basta. Al decimo giorno i medici comunicano che l’indomani staccheranno Rachel dalla macchina che la tiene in vita. Dopo, seguirà il decorso naturale delle cose.

Rachel Foster
(Rachel Foster in ospedale)

Gli ultimi cento metri

Ma ecco che qualcosa avviene. Rachel Foster  è un’atleta, sa calibrare le forze per il rush finale; così come è rimasta immobile durante i giorni precedenti ora, all’alba di quella che potrebbe essere la sua fine, apre gli occhi.
È viva, provata, ma cosciente.
La sua seconda vita inizia così.
 “Boston’s coming up, Boston’s coming up”. Boston sta arrivando e lei vuole essere pronta.
Il 22 gennaio 2023 Rachel torna a camminare. È stato un processo lungo e difficile, ma lei non vuole fermarsi qui. il suo medico continua a ripeterle come la maratona sia un’idea irraggiungibile, un sogno che può aiutarla a guarire più in fretta, ma niente di più.
Rachel però non vuole fermarsi. Non può.

Rachel Foster
(La medaglia di Rachel Foster)

Il sogno si avvera

17 Aprile 2023. Avvolta in una giacca rosa, Rachel si libera dal dolore e grigio dell’ospedale per affrontare (e vincere) la sua maratona. Con un tempo di 5 ore e 44 minuti Rachel Foster conclude la maratona di Boston solo sei mesi dopo un incidente da cui rischiava di non riprendersi più.
L’amore glielo ha permesso. Lo sport glielo ha permesso.
Tutti dicevano che sarebbe stato impossibile.
Lei ora li guarda dall’altra parte del traguardo con una medaglia in mano.

 

…………..

Se vuoi leggere altre storie di Giulia Colasante clicca qui per acquistare il suo libro

Intrepide

Giulia Colasante si affaccia al mondo nell'ultimo anno del secolo scorso, in tempo per sentirne raccontare in diretta, abbastanza per rimanerne incuriosita. Laureata in Filosofia all'Università di Roma Tre, per tentare di capire il futuro che l'attende studia Scienze Cognitive della Comunicazione e dell'Azione. Che attende lei, ma anche un po' tutti gli altri.

ARTICOLI CORRELATI

Blakey Johnston

Blakey Johnston. Surfista da record

Infezioni, disidratazione, ipotermia e squali sono alcune delle sfide che Blakey Johnson ha dovuto affrontare nelle acque di Cronulla Beach, Australia. Una grande passione, una buona causa e una promessa da mantenere per battere il record mondiale della più lunga sessione di surf. È così, con 40 ore e 660 onde, che Blakey è entrato nella storia.

Leggi tutto »
Elvira Guerra

Elvira Guerra. La prima olimpionica italiana

Nata e cresciuta in una delle più importanti famiglie circensi dell’epoca, Elvira Guerra diventa famosa come ballerina equestre. Nel 1900 entra però nella storia diventando la prima italiana a partecipare alle Olimpiadi. Tutto quello che le occorre è il suo cavallo Libertin e un sorriso a favore di camera.

Leggi tutto »
Greta Patterson

Greta Patterson. La sirena americana

1955. Greta Patterson ha solo 18 anni, ma le idee molto chiare da tempo. Il 4 luglio è il giorno dlla sua sfida. Con sé stessa e con il lago, tanto grande da sembrare un mare. Il lago Erie segna il confine tra Stati Uniti e Canada. Quando entra in acqua Greta ha davanti 15 miglia per arrivare all’altra sponda. Nuoterà per 13 ore, la raggiungerà e farà sua un’impresa mai compiuta prima.

Leggi tutto »
Tony Hawk skate Navajo

Tony Hawk, lo skate e i Navajo

Aperto ufficialmente ad ottobre 2022, ma inaugurato solo il 10 aprile scorso, il nuovo skatepark finanziato da Tony Hawk per la giovane comunità Navajo del New Mexico ha attratto una folla di appassionati della tavola e non solo. Il primo fra tutti? Il presidente stesso della Nazione Navajo.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi