Biker Fest International 2023. A Lignano la festa della Custom Culture

Dal 18 al 21 maggio lo storico evento motoradunistico torna ad accendere le strade della più grande destinazione balneare del Friuli Venezia Giulia. Un appuntamento da non perdere per tutti gli appassionati della Custom Culture e per chiunque voglia vedere da vicino opere d'arte su due ruote
Biker Fest International

Strade che si perdono all’orizzonte, motociclette ognuna con un’anima tutta sua, proprio come chi le cavalca: di questo e molto altro è intrisa la Custom Culture del mondo biker, che trasforma le moto in opere d’arte unendo ingegneria ed estetica, con radici che affondano negli Stati Uniti degli anni ’70.
Una storia fatta di emozioni e adrenalina pura, come quella che tornerà in scena a Lignano Sabbiadoro grazie alla Biker Fest International, uno dei più famosi eventi motoradunistici al mondo e pioniere di questa cultura in Italia e in Europa. Un appuntamento che dal 1987 chiama a raccolta migliaia di visitatori tra biker, appassionati di moto e semplici curiosi, oltre centomila nel 2022. Da giovedì 18 a domenica 21 maggio, per le strade della più grande destinazione balneare del Friuli Venezia Giulia, la Biker Fest International assicura una kermesse ricca di appuntamenti tutti gratuiti, in un lungo weekend impreziosito con musica di motori e profumo di salsedine.

Biker Fest International
(Photo credit: Biker Fest International)

Una festa speciale

La Biker Fest International è la promessa di una festa per tutti coloro che vogliono circondarsi di bello e godersi la luce che solo le giornate di maggio possono offrire. Non serve essere un biker per poterlo fare, sono invitati proprio tutti.
E se la premessa di lunghe strade gremite di quelle che possono a tutti gli effetti definirsi “opere d’arte” non basta per incuriosire i visitatori, la possibilità di poter partecipare a un insieme di esperienze uniche nel loro genere sicuramente farà il resto.
“La Biker Fest non è un semplice evento, ma un vero e proprio spettacolo che ogni anno riempie le strade lignanesi non solo di moto, auto d’epoca e biker, ma anche di divertimento ed emozioni” – commenta Massimo Brini, Consigliere Delegato al Turismo del Comune di Lignano Sabbiadoro – “Siamo orgogliosi di ospitare questa punta di diamante tra gli eventi sportivi, un’occasione unica per unire la passione per le due ruote alla scoperta della bellezza della destinazione, votata al turismo attivo sia in città sia nel suo straordinario territorio, tutto da scoprire”.
Tanti sono gli eventi di spicco dell’adrenalinica quattro giorni del Biker Fest International; dal Custom Bike Show, l’unica tappa italiana del campionato internazionale AMD in cui verranno esposte e premiate le moto customizzate più belle, al Distinguished Gentleman’s Ride, evento motociclistico che riunisce biker per raccogliere fondi e accrescere la consapevolezza sulle problematiche maschili, fino al gran finale della sensazionale sfilata della 28° U.S. Car Reunion, un trionfo vintage che porterà per strada centinaia di automobili d’epoca.

Biker Fest International
(Photo credit: Biker Fest International)

Lignano

Ma è anche la location scelta a svolgere un ruolo importante per la riuscita della Biker Fest International: Lignano Sabbiadoro infatti apre le sue porte a tutti quanti, offrendo la possibilità di visitare alcune delle sue zone più famose e frequentate.
La Biker Fest International, infatti, si svolge in cinque location, ognuna con una sua specificità e che farà scoprire ad ampio raggio la bellezza e la varietà di questa città dalle molteplici anime:
Terrazza a Mare, iconica architettura a conchiglia che si protende nel mare Adriatico, dove si terranno conferenze a tema didattico, l’esposizione di scooter d’epoca e i raduni di Vespe e Lambretta;
Luna Park Strabilia, storico parco divertimento lignanese ed epicentro della manifestazione, con il Custom Bike Show più storico d’Europa e dove si potranno ascoltare concerti di musica rock dal vivo, assistere a coinvolgenti show e performance, come l’atteso Pin Up Contest;
Area Off Road, a fianco del Luna Park, la zona più adrenalinica grazie ai percorsi dedicati alle Jeep 4×4, ai motorini e addirittura ai trattorini tosaerba, diverse categorie tutte impegnate in esibizioni e acrobazie fuori strada;
Stadio Teghil a Lignano Pineta con un’area Demo Ride per le prove gratuite su strada, i Test Ride, con le Case Motociclistiche Ufficiali che ogni anno portano in prova gratuita tutti i nuovi modelli;
E-mobility Village, area all’interno dello stadio dedicata al test drive di mezzi green come monopattini, e-bike, scooter, moto e veicoli elettrici e ibridi.

In questa primavera che sembra fare più fatica del solito ad uscire fuori, cosa c’è di meglio che andare a prendersela di persona in un posto che ha fatto del divertimento e dell’ospitalità il proprio punto forte?
Quello che resta adesso è solo decidere se portarsi il casco da casa o affittarlo direttamente lì.

Al resto ci pensa Lignano.

 

Giulia Colasante si affaccia al mondo nell'ultimo anno del secolo scorso, in tempo per sentirne raccontare in diretta, abbastanza per rimanerne incuriosita. Laureata in Filosofia all'Università di Roma Tre, per tentare di capire il futuro che l'attende studia Scienze Cognitive della Comunicazione e dell'Azione. Che attende lei, ma anche un po' tutti gli altri.

ARTICOLI CORRELATI

Giovanni Leone Reggio

Giovanni Leone Reggio. L’oro di Kiel

Giovanni Leone Reggio è entrato a vele spiegate nella storia dello yachting italiano grazie alla superba vittoria ottenuta alle Olimpiadi del 1936 che regala alla vela italiana il primo oro olimpico. Lo ricordiamo con un’intervista che Emilio Isnaldi, appassionato scrittore di vela, ha pubblicato nel 1941 su “Motonautica, Vela e Motore”, recuperata grazie all’archivio del centro Studi Tradizioni Nautiche della Lega Navale Italiana

Leggi tutto »
Abebe Bikila

Abebe Bikila. Il maratoneta scalzo

Tutti lo ricordano come il vincitore scalzo della maratona dell’Olimpiade di Roma 1960. Ma Abebe Bikila non era solo un atleta straordinario, iconico e inarrivabile. La sua vita, spentasi a solo 41 anni, sembra uscita dalla fervida fantasia di uno sceneggiatore di Hollywood.

Leggi tutto »
Gastone Nencini

Gastone Nencini e il treno galeotto

Una piccola storia, un aneddoto che fotografa il tempo. È il 1960 quando Gastone Nencini vince il Tour de France, un trionfo per il ciclista intrepido delle discese. Il rientro in Italia è in treno ed un trionfo è quello che lo attende alla stazione di Firenze. A Bologna qualcuno sale sul treno e lo raggiunge. Qualcuno che, in un’Italia ancora ferma su sé stessa, a Firenze si dovrà nascondere

Leggi tutto »
Faruk Hadžibegić

Faruk Hadžibegić. Quel rigore tra calcio e guerra

Un calcio di rigore cambia un destino. Di un giocatore, di una partita, di un campionato. A volte anche di una terra. Faruk Hadžibegić non poteva sapere che tornando a casa dopo l’eliminazione della Jugoslavia da Italia ’90, il mondo, il suo mondo, sarebbe andato a soqquadro e il destino, il suo destino, sarebbe stato a lungo girovago.

Leggi tutto »
Holly e Benji

Holly e Benji. Due fuoriclasse

Il cartone animato sul calcio che a cavallo tra gli anni ’80 e ’90 ha conquistato milioni di giovani telespettatori, tra i quali parecchi calciatori professionisti, presenta alcune interessanti curiosità. Scopriamole insieme in questo articolo.

Leggi tutto »
DDR

DDR. L’inno oltre il Muro

Boomers di tutto il mondo unitevi! Hey Jude, don’t make it bad cantano i quattro di Liverpool, ma è nella piscina olimpica Francisco Marquez di Città del Messico dove risuona la musica più iconica di questo momento di ebollizione sociale e culturale. Sarà la colonna sonora per un ventennio. 

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi