Search
Close this search box.

Moreno Argentin. Quei dieci chilometri per la storia

Liegi-Bastogne-Liegi, 19 aprile 1987. La storia del ciclismo passa di qui. Passa per gli ultimi dieci chilometri e per 300 metri irripetibili. La storia, qui, si chiama Moreno Argentin
Argentin

Liegi-Bastogne-Liegi. Monumento del nord. Ciclismo duri, di strada, una corsa che lascia segni addosso e nella storia.
E poi Bastogne si porta dietro l’inferno della prima e della seconda guerra mondiale. Le Ardenne, il colpo di coda tedesco. Dalla Normandia a lì, croci infinite a ricordarlo.
Storia grande e storia minuta, non piccola che è cosa diversa, non fraintendiamo.
E poi storia del ciclismo dal 1892 con il primo dei primi, il belga Léon Houa, che la vince per tre anni di seguito. Ci riusciranno solo in tre: lui ed Eddie Merckx, “cannibale” non a caso, che in tutto ne vincerà addirittura cinque. E poi c’è Moreno Argentin, veneto di San Donà, riva sinistra del Piave, tanta storia anche lì. Storia nostra, storia Patria.

Vince tanto Moreno Argentin, da dilettante e da professionista

Campione del mondo su strada nell’86, un Giro delle Fiandre, un Giro della Lombardia, tre volte primo alla Freccia Vallone, tredici tappe del Giro e due del Tour. Per quattro volte la Liegi-Bastogne-Liegi porta il suo nome. Tre più una. Tre volte dal 1985 al 1987 e poi ancora una volta nel 1991.
Inutile dire altro perché della sua strepitosa carriera e di tutte quelle centinaia di migliaia di chilometri macinati, noi oggi ne prendiamo solo dieci.  Dieci chilometri di storia, però.

Liegi-Bastogne-Liegi 1987

19 aprile, un aprile del nord, cielo grigio, mica primavera. 260 chilometri.
19 aprile e cinque minuti che a rivederli adesso fanno ancora impazzire.
Davanti a tutti l’irlandese Stephen Roche e il belga Claude Criquielion. Poi  Laurent Fignon, le professeur. Dietro c’è Argentin, staccato. In testa si pedala, dietro anche. I due in testa fanno  tattica, le traiettorie cambiano, la strada è una bestiaccia. Si voltano e pedalano, si voltano e spingono. Si fa così prima di affondare per gli ultimi 200 metri. I minuti scorrono, la strada pure. Tutto sembra normale. La partita sembra a due.
Sembra.

La sorpresa

Fignon fa una fiammata, prova ad attaccare, il cronista se ne accorge, cambia voce, segue il ritmo che sale. Non sa ancora quanto. La sorpresa è lì. Dietro a loro.
La sorpresa è Moreno Argentin che diventa un diavolo della strada, della bici, dei pedali o di quello che volete. Un diavolo che si fa largo tra le ammiraglie, mangia la strada e tutto quello che gli capita davanti. Il fiato del diavolo incombe, picca, brucia, Roche e Criquelion spingono, Roche prova l’allungo.
Sono 300 metri d’inferno. È proprio lì che il diavolo si sente a casa.

Moreno Argentin

La storia

Moreno Argentin fa la storia. Non ce n’è per nessuno, mangia tutti.
Dieci chilometri prima Argentin scontava quasi un minuto di distacco.
Dieci chilometri gli bastano per mangiare strada e uomini.
Vince lui, è la terza volta consecutiva. Sei ore e quaranta minuti, 38,70 km di media oraria.
La storia passava di qui e Argentin se l’è presa come sapeva fare lui, guardando in faccia la fatica, armando il coraggio, pompando sulle gambe.
Vale la pena di ricordarlo il ciclismo di Argentin.
Il bel ciclismo di Argentin.

 

…………..

Se vuoi leggere altre storie di Giulia Colasante clicca qui per acquistare il suo libro

Intrepide

 

Giulia Colasante si affaccia al mondo nell'ultimo anno del secolo scorso, in tempo per sentirne raccontare in diretta, abbastanza per rimanerne incuriosita. Giornalista pubblicista, laureata in Filosofia e in Scienze Cognitive della Comunicazione e dell'Azione, continua a studiare il futuro che attende lei, ma anche un po' tutti gli altri.

ARTICOLI CORRELATI

Clerici

Carlo Clerici. Il gregario con un Giro da campione

Tre Tour de France, cinque Milano-Sanremo, un campionato del Mondo e tante corse in Svizzera. Per cinque volte Carlo Clerici è anche al Giro, sempre da gregario ovviamente. Il fatto è che, da gregario, un Giro d’Italia lo lui vince. Siamo nel 1954 e questa è una delle più incredibili storie del Giro.

Leggi tutto »
Fanny Blankers-Koen

Fanny Blankers-Koen. La mamma volante

Fanny Blankers-Koen non è stata solo la più grande atleta olandese ma, con 4 ori olimpici, 5 ori europei e 59 titoli nazionali in 7 specialità atletiche diverse, è stata la più grande atleta femminile del XX secolo come gli ha riconosciuto nel 1999 la World Athletics. Soprattutto, i suoi 4 ori di Londra ’48 dimostrano che nulla è precluso a una mamma che scende in pista.

Leggi tutto »
la bambina più forte del mondo

La bambina più forte del mondo

Stella e la sua storia, fra fantasia e realtà. Una favola sportiva e moderna, dove si combattono i pregiudizi di genere in nome dello sport più bello di tutti: essere sé stessi. L’opera prima di Silvia Salis, ex atleta e ora vice presidente del CONI, ha una protagonista irresistibile ed è una bella sopresa.

Leggi tutto »
Gimondi

1965. Quando Gimondi prese la Bastiglia

1965. Il 14 luglio Felice Gimondi porta a casa un sogno e vince il cinquantaduesimo Tour de France. Sarà una sorpresa, ma è l’esordio di una vita da campione. Vincerà di tutto e per lunghe stagioni duellerà con Eddy Merckx, non un cannibale, ma un marziano. Oggi, nel suo giorno, Felice Gimondi, campione e bella persona lo ricordiamo come se stessimo ancora giocando con lui, a biglie, sulla spiaggia.

Leggi tutto »
Greta Patterson

Greta Patterson. La sirena americana

1955. Greta Patterson ha solo 18 anni, ma le idee molto chiare da tempo. Il 4 luglio è il giorno dlla sua sfida. Con sé stessa e con il lago, tanto grande da sembrare un mare. Il lago Erie segna il confine tra Stati Uniti e Canada. Quando entra in acqua Greta ha davanti 15 miglia per arrivare all’altra sponda. Nuoterà per 13 ore, la raggiungerà e farà sua un’impresa mai compiuta prima.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi