Anime. Le eroine dello sport

Uno dei filoni più interessanti dei manga trasposti in anime, cioè in cartoni animati giapponesi, è quello riservato allo sport al femminile. In particolare, in Italia hanno riscosso successo tre eroine: una tennista e due pallavoliste.
Anime Mimì

Tra le centinaia di cartoni animati giapponesi che invasero l’Italia tra la fine degli anni ’70 e l’inizio dei ’90, c’è un filone davvero interessante: quello tratto dai manga di genere shōjo, cioè quella categoria di fumetti destinati principalmente a un pubblico femminile, in particolare alle adolescenti. Si tratta di opere – anime – che spesso analizzano, più o meno profondamente, la psicologia di eroine a tutto tondo alle prese con le tipiche problematiche della crescita, dell’amore, della ricerca affannosa del proprio posto nel mondo. In alcuni casi, a far da sfondo alle vicissitudini di queste ragazze dolci, inquiete, sognatrici e impertinenti, c’è il mondo dello sport, contribuendo in maniera importante a diffondere presso il vasto pubblico femminile, e non solo, discipline affascinanti come il tennis e la pallavolo.  

Anime Jenny

 

Jenny la tennista

La prima che ci viene in mente è Jenny la tennista, titolo italiano dell’anime エースをねらえ! Ēsu o Nerae!, letteralmente “Punta all’ace!”, serie di 26 puntate giunta nelle tv italiane nella stagione 1982-’83. La giovane Hiromi (Jenny) è una quindicenne piena di sogni e di speranze, dal carattere impulsivo e a tratti infantile. Si iscrive al liceo Mishi, famoso come il “Regno del tennis”, e lotta con tutte le sue forze per diventare una brava giocatrice come il suo idolo, la stella del club, Reika, detta Madama Butterfly per l’eleganza e la raffinatezza del suo gioco. L’arrivo del nuovo allenatore Jin Munakata (Jeremy per noi) sconvolge tutti gli equilibri. Intravisto del potenziale in quella ragazzina goffa che sa a malapena ribattere una palla lenta, Jin decide di allenarla intensamente, sottoponendola a duri esercizi e giungendo a chiederle perfino di sacrificare la sua vita privata e il suo amore per Teddy, il miglior tennista della squadra maschile. Per Jenny comincia un insopportabile tour de force, anche perché dovrà guardarsi dalle maldicenze delle altre giocatrici della squadra, convinte che ci sia del tenero tra lei e l’allenatore. Alla fine, la ragazza coronerà il suo sogno di diventare una tennista professionista e riuscirà anche a riconquistare l’amore di Teddy.
Memorabile la sigla italiana del cartone, composta e cantata dal compianto Nico Fidenco, autore di numerose sigle per cartoni animati rimaste nel cuore degli appassionati, come Bem il mostro umano, Don Chuck Castoro e Sam, il ragazzo del West.

Anime Mila e Shiro

Mila e Shiro

Molti degli elementi che caratterizzano le avventure di Jenny si ritrovano anche nell’anime アタッカーYOU! Atakkā Yū!, meglio conosciuto da noi come Mila e Shiro – Due cuori nella pallavolo, una serie in 58 episodi giunta in Italia nel 1986. Qui è il volley a far da cornice alla storia d’amore tra Mila (Yu Hazuki), una ragazzina dai capelli rossi che si trasferisce a Tokyo dalla campagna per frequentare il liceo Hikawa, e Shiro (So Takiki), capitano del club di pallavolo maschile. Mila è atletica e talentuosa: il suo sogno è diventare una giocatrice professionista per disputare le Olimpiadi di Seoul 1988 con la sua nazionale. Attraverso un corollario di allenamenti estenuanti, amicizia e odio nati sotto la rete da gioco, incomprensioni con gli allenatori, schiacciate vincenti e lacune in ricezione da migliorare, Mila coronerà il suo sogno. Inoltre, scoprirà che la madre, creduta morta, è in realtà una ex pallavolista, e ora commentatrice sportiva alla TV, che aveva abbandonato il marito e la figlioletta per poter continuare a dedicarsi alla pallavolo.

Anime Mimì

Mimì e la nazionale di pallavolo

In verità, Mila e Shiro ha un precedente illustre. Si tratta di アタックNo.1 Atakku Nanbā Wan, giunto in Italia nel 1981 con il titolo Mimì e la nazionale di pallavolo, probabilmente il primo anime di genere shōjo dedicato a uno sport. La storia ha per protagonista Kozue (Mimì Ayuhara nell’adattamento nostrano), ragazzina guarita dalla tubercolosi grazie allo sport, che insegue il sogno di diventare una brava giocatrice di pallavolo. Dopo una lunga serie di vicissitudini a toni foschi narrate in ben 105 episodi (trasmessi integralmente in Italia solo dopo il 1995), Mimì giocherà il mondiale di volley in Bulgaria nel 1970, diventando la migliore atleta del torneo (Attack number 1, appunto!)

Le differenze e i punti di contatto tra le serie

Mentre la serie di Mila ha un tono ironico e scanzonato, la storia di Mimì si distingue per un tono drammatico, perfino tragico. Per esempio, il suo amore, Tsutomu, muore in un incidente stradale mentre sta andando allo stadio per andarla a vedere giocare. Lei cadrà in depressione e per un periodo non vorrà saperne più del volley. Ma tutta la narrazione risente del tipico atteggiamento della cultura giapponese che privilegia lo spirito di sacrificio e la completa dedizione al proprio obbiettivo. In questo senso, il personaggio di Mimì non è molto diverso dai suoi contemporanei Rocky Joe e L’Uomo Tigre. Non mancano, infatti, allenamenti supplementari massacranti e al limite della sopportazione umana. Anche il gioco della pallavolo, che in Mila e Shiro è concreto e verosimile, diventa nel cartone di Mimì una sorta di improbabile mondo magico, in cui i palloni si deformano sotto i colpi sovrumani delle giocatrici, o addirittura spariscono all’improvviso per riapparire pochi istanti dopo.
D’altro canto, queste serie, così come le altre del genere spokon, sono accomunate da elementi positivi e da alti valori, utili insegnamenti per le giovani generazioni. Vengono esaltati, infatti, l’amicizia, anche tra rivali, la lealtà, la forza di volontà, il coraggio, la lotta contro i soprusi e gli inganni di una vita non sempre agevole.

 

Davide Zingone Napoletano classe ‘73, vive a Roma dove dirige l’agenzia letteraria Babylon Café. Laureato con lode in Lingue e Letterature Straniere e in Scienze Turistiche, parla correntemente sei lingue. È autore della raccolta di racconti umoristici "Storie di ordinaria Kazzimma", Echos Edizioni, 2021; del saggio “Si ‘sta voce…”, Storie, curiosità e aneddoti sulle più famose canzoni classiche napoletane da Michelemmà a Malafemmena, Tabula Fati, 2022; e di “Tre saggi sull’Esperanto”, Echos Edizioni, 2022.

ARTICOLI CORRELATI

Subbuteo

Subbuteo. Il calcio fantastico

Il trionfo italiano ai Campionati Europei di Subbuteo è notizia che si è fatta largo tra tante. Non è un caso. Il Subbuteo non è un gioco e basta. Il Subbuteo è calcio fantastico, il suo posto supera la cronaca e appartiene all’immaginario senza tempo.

Leggi tutto »
Clerici

Carlo Clerici. Il gregario con un Giro da campione

Tre Tour de France, cinque Milano-Sanremo, un campionato del Mondo e tante corse in Svizzera. Per cinque volte Carlo Clerici è anche al Giro, sempre da gregario ovviamente. Il fatto è che, da gregario, un Giro d’Italia lo lui vince. Siamo nel 1954 e questa è una delle più incredibili storie del Giro.

Leggi tutto »
Prisca Taruffi al Rally Maya

Rally Maya 2023. Appunti dalla terza e quarta tappa

In gara al Rally Maya 2023 su Ferrari 308 GTS insieme alla copilota Marina Grassi, Prisca Taruffi racconta a Sportmemory le sue impressioni di tappa. Tra soprese di gusto italiano e meccanici al lavoro di notte, così sono andate la terza e la quarta tappa Merida-Progreso-Merida.

Leggi tutto »
Ernesto Servolo Vidal

Ernesto Servolo Vidal. Un istriano in Uruguay

Ai mondiali 1950 c’è un italiano nella rosa dell’Uruguay, clamorosamente campione del mondo. Si chiama Ernesto Servolo Vidal. Istriano di Buie, quando ha solo 2 anni la famiglia emigra in Argentina. Come tanti, il destino di Ernesto inizia così. Il suo sarà un destino di pallone e questa è la sua storia dimenticata.  

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi