Search
Close this search box.

Demetrio Stampacchia. L’arbitro che morì due volte!

La categoria degli arbitri è sicuramente quella più vituperata sui campi di calcio di tutto il mondo. Sempre sospesi in un equilibrio precario tra le accuse di incapacità e di malafede, spesso ci dimentichiamo che arbitrare una partita di pallone è impresa decisamente ardua. Demetrio Stampacchia da Nola, quella partita l'avrà ricordata a lungo...
Demetrio Stampacchia

Nell’immediato dopoguerra, tra gennaio e giugno del 1945, in sostituzione del regolare campionato di calcio, in Italia si disputarono dei campionati regionali misti. Nelle intenzioni della Federazione, le migliori squadre di ogni regione si sarebbero poi sfidate per il titolo di Campione dell’Italia Liberata. Tuttavia, quelle finali interregionali non furono mai disputate. L’esperimento, che aveva un suo indubbio fascino, fu accantonato nella stagione successiva, quando si tornò ai regolari campionati nazionali. Per la cronaca, nel Lazio prevalse la Roma, in Toscana la Fiorentina, in Sicilia il Palermo, il Bari vinse in Puglia e il Pescara in Abruzzo.

Il campionato campano misto di Divisione Nazionale

Al campionato misto della Campania si iscrissero 10 squadre: Napoli e Salernitana (che militavano in serie B alla sospensione dei campionati, nel 1942-’43), Stabia, Scafatese (sì, proprio la compagine resa famosa dall’inarrivabile Totò nel film Totò e il giro d’Italia), Torrese e Casertana (provenienti dalla serie C), Frattese e Portici (dalle categorie inferiori), l’Internaples (società appena fondata) e la rappresentativa degli agenti di Polizia Militare.

Napoli
(Il Napoli all’Orto Botanico)


Il Napoli, che giocò le partite casalinghe all’interno dell’Orto Botanico perché lo stadio Ascarelli era stato completamente distrutto dai bombardamenti alleati, era logicamente favorito per il blasone, ma terminò il campionato con un deludente terzo posto. La Salernitana giunse seconda e, a tavolino, vinse lo Stabia, trascinata dell’attaccante del grande Torino Romeo Menti (al quale è dedicato ancora oggi lo stadio di Castellammare di Stabia). La Federazione, infatti, permise ai calciatori di scegliersi la squadra in cui giocare, pur restando alle dipendenze delle società di appartenenza prima della sospensione dei campionati.

Demetrio Stampacchia da Nola

Professore di lettere in un liceo, uomo di cultura e, si racconta, dal carattere determinato e inflessibile, Demetrio Stampacchia aveva un nome che difficilmente passava inosservato. E poi aveva un hobby particolare: faceva l’arbitro, anche in serie A.
E proprio lui, iscritto alla sezione di Nola, il 13 maggio del 1945, fu designato per dirigere Salernitana-Napoli, un derby infuocato già dalla vigilia, perché le due squadre si contendevano il primato del campionato insieme allo Stabia.  

(Salerno. Stadio del Littorio)

Salernitana-Napoli 1-1

Allo stadio “Littorio” di Salerno, successivamente intitolato a Donato Vestuti, si giocò una partita dai nervi tesi, sia in campo che sugli spalti. A dire il vero, già altre partite (per esempio Torrese-Stabia) si erano rivelate pericolose per l’ordine pubblico. Si sa, in Italia il campanilismo ha sempre fatto danni!
Il Napoli passò in vantaggio al 18esimo minuto con Margiotta, i granata pareggiarono al 25esimo con Venditto. La gara continuò sui binari di uno sterile equilibrio finché, a 10 minuti dal termine, l’arbitro Stampacchia assegnò un rigore piuttosto dubbio agli azzurri. Le escandescenze dei tifosi sugli spalti e le scaramucce dei giocatori in campo surriscaldarono l’atmosfera. In un clima surreale, il centrocampista del Napoli Mazzetti tirò il rigore sul palo.

L’arbitro è morto!

L’errore fatale dal dischetto non contribuì a sedare gli animi. Anzi, sugli spalti cominciarono risse e tafferugli che coinvolsero migliaia di persone. In campo le cose non andarono meglio: i calciatori smisero di giocare e cominciarono a darsele di santa ragione. Una bolgia infernale, indomabile, fatta di insulti, sputi, calci e pugni. Ma, improvvisamente, si udirono alcuni colpi di pistola esplosi da un settore dello stadio. L’arbitro Stampacchia cadde a terra, esanime. L’atmosfera nel Littorio si raggelò di colpo. Con una barella lo portarono via. La partita fu sospesa. I giocatori, a testa bassa, rientrarono nei rispettivi spogliatoi, mentre gli spettatori, in un silenzio irreale, abbandonarono ordinatamente lo stadio.
Ma grande fu la sorpresa degli infermieri quando, entrati nello spogliatoio dell’arbitro, videro il buon Demetrio Stampacchia alzarsi tranquillamente dalla barella, illeso, che con un compiaciuto sorriso gli spiegava di aver colto l’occasione degli spari per sedare i tafferugli con la sua presunta morte in campo.
Una astuta messinscena che impedì che la situazione degenerasse. 

 

Davide Zingone Napoletano classe ‘73, vive a Roma dove dirige l’agenzia letteraria Babylon Café. Laureato con lode in Lingue e Letterature Straniere e in Scienze Turistiche, parla correntemente sei lingue. È autore della raccolta di racconti umoristici "Storie di ordinaria Kazzimma", Echos Edizioni, 2021; del saggio “Si ‘sta voce…”, Storie, curiosità e aneddoti sulle più famose canzoni classiche napoletane da Michelemmà a Malafemmena, Tabula Fati, 2022; e di “Tre saggi sull’Esperanto”, Echos Edizioni, 2022.

ARTICOLI CORRELATI

Cecafumo Don Paolo Rossi

Don Paolo Rossi e il calcio a Cecafumo

Cecafumo. Di questa zona incastonata nell’asse tuscolano di quella che era una volta periferia romana ho già scritto, ma non ho detto tutto. Non ho detto di Don Paolo Rossi e di come iniziò a farci giocare a pallone. Questa è la sua – e la nostra – storia.

Leggi tutto »
United 2026

United 2026. Il Mondiale che cambierà tutto

Alle vigilia dei Mondiali del 2022, possiamo già pensare ai Mondiali del 2026? Assolutamente sì perché United 2026 saranno radicalmente diversi da tutti i Mondiali precedenti. Grandi distanze, fusi orari diversi, condizioni climatiche diverse e, come se non bastasse, 48 finaliste contro le attuali 32. È abbastanza per dire che i Mondiali del continente americano cambieranno tutto?

Leggi tutto »
Bonucci e Furino

La carezza di Bonucci

La carezza di Bonucci a Giuseppe Furino. La maglia, certo. Il testimone passato da capitano a capitano come se fosse un moto circolare di eterno ritorno. Ma l’anima del momento è la carezza, gesto desueto, codice disperso, commozione che si fa gesto. Per questo noi ne parliamo.

Leggi tutto »
Gianluca Santilli

Gianluca Santilli. Bici, cuore e mani

Metafora della vita, dinamica assoluta, equilibrio in velocità, bellezza di linee. Affascinato da tecnica e significati, nel 1913 il futurista Umberto Boccioni ne traduce estetica ed afflato in “Dinamismo di un ciclista”. Da allora, la bicicletta di strada ne ha fatta. Gianluca Santilli è il padre della Gran Fondo Campagnolo di Roma, ma anche il primo che ha tradotto e teorizzato le emozioni della vita a pedali nel paradigma sostenibile e innovativo della Bikeconomy. Numeri, certo, ma soprattutto una filosofia.

Leggi tutto »
Maradona

Maradona. “La prossima volta lo faccio…”

Nel 1980, a Wembley, Inghilterra e Argentina si sfidarono in amichevole. Al 20’ il diciannovenne Diego Maradona tentò una giocata pazzesca, che tuttavia terminò di un soffio a lato. Furono le prove generali per il gol del secolo di Mexico ’86.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi