Search
Close this search box.

Rally Maya 2023. Appunti verso Cancun

In gara al Rally Maya 2023 su Ferrari 308 GTS insieme alla copilota Marina Grassi, Prisca Taruffi racconta a Sportmemory le sue impressioni di tappa. I 345 chilometri della quinta tappa Merida - Cancun tra camion, lavori stradali, 45 gradi in abitacolo e pioggia tropicale
Rally Maya 2023 Taruffi

Impegnativo, divertente, a tratti pericoloso, bellissimo. Il Rally Maya porta Marina Grassi e me in un turbinio di emozioni e di fatiche fisiche che si rincorrono non potendo fare le une a meno delle altre.
Scrivo questi nuovi appunti prima di andare a dormire presto. Domani sarà una giornata carica. La quinta e ultima tappa, quella che ci porterà a Cancun, vale 345 chilometri; è la più lunga, forse anche la più difficile.
Per fortuna questa volta il sonno è profondo, non come quello della notte passata in ansia per il lavoro dei meccanici. La sveglia è fissata alle 5,30. La mattina arriva in un attimo e in un attimo siamo pronte. Oggi si parte in ordine di classifica e noi siamo tra i primi 20 equipaggi! 

Verso Cancun

Mi preparo bene. Faccio scorta di integratori Electrolife, barrette e caramelle alla menta, e mi infilo nell’abitacolo della Ferrari ancora fresco della notte. Accanto a me Marina, la mia copilota, si concentra sui controlli di rito per verificare la connessione dei suoi dispositivi elettronici con il Gps dell’auto e con il sistema Rabbit del Rally Maya.

Rally Maya 2023

Il direttore di gara ci aveva avvertiti. Sarà una tappa con traffico pesante e lavori in corso sulla strada per la costruzione del treno Maya che fra qualche anno collegherà cinque stati del Messico.
Ci aveva avvertiti, ma quello che troveremo sarà ancora peggio.
Oltre traffico, camion e lavori, i 345 chilometri bollenti sono disseminati di 200 “topes”, i riduttori di velocità che Marina deve contare uno ad uno.
Il giorno avanza, il sole si alza e dentro l’abitacolo della nostra Ferrari la temperatura raggiunge i 45 gradi. La connessione Gps salta e allora di corsa a refrigerare cellulari e strumentazione elettronica nella piccola ghiacciaia del bagagliaio.
Purtroppo non basta. Ci si mette anche il traffico intenso e, bisogna dirlo, senza troppe regole osservate da chi guida sulle strade messicane. In due prove speciali arriviamo fuori tempo limite e questo ci penalizza pesantemente. 
A metà tappa ci fermiamo a Kaua, cittadina pittoresca poco distante da Valladolid famosa per i suoi “cenotes”, le grotte profonde che custodiscono acque sotterranee, uno spettacolo della natura. Purtroppo non ne approfittiamo, abbiamo solo il tempo per un veloce riordino e un altrettanto veloce spuntino.
Controllo il livello del carburante dato che da queste parti scarseggiano le pompe di benzina, ma i meccanici mi rassicurano e ci mettiamo d’accordo per un rifornimento al volo dopo le prossime prove speciali.

Inconvenienti di tappa

Sulla carta, un piano perfetto, peccato solo non averli trovati!
Rassegnata alla sorte mi tocca guidare in stile “economy run” – che ovviamente è quanto di più distante possa esserci da me – per gli ultimi 40 chilometri fino a Leona Vicario dove, fortunatamente, ci aspettava la nostra assistenza meccanica. 
Partiamo da Leona Vicario per il lungo trasferimento con destinazione finale Cancun, ma non siamo sole. Non richiesta, ci accompagna anche una tormenta tropicale con acqua a secchiate dal cielo che ci entra persino dai finestrini.

Rally Maya 2023

Cancun!

L’arrivo a Cancun è stato caotico, in pratica un mix tra tangenziale di Napoli, Bre-Be-Mi e raccordo anulare romano nelle ore di punta, il tutto, però, elevato all’ennesima potenza. 
In attesa della premiazione finale, nei prossimi appunti vi svelerò i nomi dei vincitori assoluti del Rally Maya.
Hasta la vista!

Vai alla terza e quarta tappa

 

Prisca Taruffi campionessa di rally

ARTICOLI CORRELATI

Roma

Il botteghino. L’altare smarrito del calcio

Sole, pioggia, freddo, le file di prima mattina e quelle dell’ultimo minuto, la frenesia, la paura di arrivare e non trovare più nulla. Il botteghino è un altare smarrito del tifo e del calcio, proprio come quei biglietti che al tempo trattavamo come fossero un’ostia consacrata e che dopo molti di noi hanno conservato con la cura di una reliquia.

Leggi tutto »
Monza '73. Pasolini e Saarinen

Monza ’73. I giorni dell’Inferno

Cinque uomini, cinque storie. Renzo Pasolini e Jarno Saarinen il 20 maggio, Carlo Chionio, Renzo Colombini e Renato Galtrucco l’8 luglio. Sono i giorni dell’Inferno di Monza ’73, il pegno più alto pagato dal motoclismo per far capire che la vita dei piloti non poteva più essere considerata un optional.

Leggi tutto »
Iván Fernandez Anaya

Iván Fernández Anaya. Nobiltà di corsa

Dicembre 2012. Il mezzofondista spagnolo Ivan Fernández Anaya è protagonista di un clamoroso gesto sportivo. Non un record o un’impresa, ma un gesto di rispetto profondo per il valore di un suo avversario di corsa. Un gesto che lo fa entrare nella storia e che nel 2013 gli farà assegnare il Fair Play Award.

Leggi tutto »

1960. Il mio straordinario anno olimpico

Il ciclismo di Marino Vigna è una storia di famiglia. Una passione che passa di padre in figlio come nelle migliori tradizioni. Una passione che lo porta a vincere la medaglia d’oro alle Olimpiadi di Roma del 1960 nell’inseguimento a squadre. Una passione che diventa una vita dedicata al ciclismo da atleta, da dirigente e da esempio.

Leggi tutto »
la bambina più forte del mondo

La bambina più forte del mondo

Stella e la sua storia, fra fantasia e realtà. Una favola sportiva e moderna, dove si combattono i pregiudizi di genere in nome dello sport più bello di tutti: essere sé stessi. L’opera prima di Silvia Salis, ex atleta e ora vice presidente del CONI, ha una protagonista irresistibile ed è una bella sopresa.

Leggi tutto »
reinhold messner

Reinhold Messner. Uomini, record e montagne

Quando uomini e montagne s’incontrano grandi cose accadono. Ottomila per quattordici non è una moltiplicazione e il risultato non è un calcolo matematico. Ottomila per quattordici è un’opera d’arte. L’opera d’arte di Reinhold Messner.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi