Rally Maya 2023. Appunti verso Cancun

In gara al Rally Maya 2023 su Ferrari 308 GTS insieme alla copilota Marina Grassi, Prisca Taruffi racconta a Sportmemory le sue impressioni di tappa. I 345 chilometri della quinta tappa Merida - Cancun tra camion, lavori stradali, 45 gradi in abitacolo e pioggia tropicale
Rally Maya 2023 Taruffi

Impegnativo, divertente, a tratti pericoloso, bellissimo. Il Rally Maya porta Marina Grassi e me in un turbinio di emozioni e di fatiche fisiche che si rincorrono non potendo fare le une a meno delle altre.
Scrivo questi nuovi appunti prima di andare a dormire presto. Domani sarà una giornata carica. La quinta e ultima tappa, quella che ci porterà a Cancun, vale 345 chilometri; è la più lunga, forse anche la più difficile.
Per fortuna questa volta il sonno è profondo, non come quello della notte passata in ansia per il lavoro dei meccanici. La sveglia è fissata alle 5,30. La mattina arriva in un attimo e in un attimo siamo pronte. Oggi si parte in ordine di classifica e noi siamo tra i primi 20 equipaggi! 

Verso Cancun

Mi preparo bene. Faccio scorta di integratori Electrolife, barrette e caramelle alla menta, e mi infilo nell’abitacolo della Ferrari ancora fresco della notte. Accanto a me Marina, la mia copilota, si concentra sui controlli di rito per verificare la connessione dei suoi dispositivi elettronici con il Gps dell’auto e con il sistema Rabbit del Rally Maya.

Rally Maya 2023

Il direttore di gara ci aveva avvertiti. SarĂ  una tappa con traffico pesante e lavori in corso sulla strada per la costruzione del treno Maya che fra qualche anno collegherĂ  cinque stati del Messico.
Ci aveva avvertiti, ma quello che troveremo sarĂ  ancora peggio.
Oltre traffico, camion e lavori, i 345 chilometri bollenti sono disseminati di 200 “topes”, i riduttori di velocità che Marina deve contare uno ad uno.
Il giorno avanza, il sole si alza e dentro l’abitacolo della nostra Ferrari la temperatura raggiunge i 45 gradi. La connessione Gps salta e allora di corsa a refrigerare cellulari e strumentazione elettronica nella piccola ghiacciaia del bagagliaio.
Purtroppo non basta. Ci si mette anche il traffico intenso e, bisogna dirlo, senza troppe regole osservate da chi guida sulle strade messicane. In due prove speciali arriviamo fuori tempo limite e questo ci penalizza pesantemente. 
A metà tappa ci fermiamo a Kaua, cittadina pittoresca poco distante da Valladolid famosa per i suoi “cenotes”, le grotte profonde che custodiscono acque sotterranee, uno spettacolo della natura. Purtroppo non ne approfittiamo, abbiamo solo il tempo per un veloce riordino e un altrettanto veloce spuntino.
Controllo il livello del carburante dato che da queste parti scarseggiano le pompe di benzina, ma i meccanici mi rassicurano e ci mettiamo d’accordo per un rifornimento al volo dopo le prossime prove speciali.

Inconvenienti di tappa

Sulla carta, un piano perfetto, peccato solo non averli trovati!
Rassegnata alla sorte mi tocca guidare in stile “economy run” – che ovviamente è quanto di piĂą distante possa esserci da me – per gli ultimi 40 chilometri fino a Leona Vicario dove, fortunatamente, ci aspettava la nostra assistenza meccanica. 
Partiamo da Leona Vicario per il lungo trasferimento con destinazione finale Cancun, ma non siamo sole. Non richiesta, ci accompagna anche una tormenta tropicale con acqua a secchiate dal cielo che ci entra persino dai finestrini.

Rally Maya 2023

Cancun!

L’arrivo a Cancun è stato caotico, in pratica un mix tra tangenziale di Napoli, Bre-Be-Mi e raccordo anulare romano nelle ore di punta, il tutto, però, elevato all’ennesima potenza. 
In attesa della premiazione finale, nei prossimi appunti vi svelerò i nomi dei vincitori assoluti del Rally Maya.
Hasta la vista!

Vai alla terza e quarta tappa

 

Prisca Taruffi campionessa di rally

ARTICOLI CORRELATI

Fausto Coppi

Fausto Coppi. Napoli come destino

1945. Di ritorno dalla prigionia in Africa, Fausto Coppi sbarca a Napoli. Un falegname di Somma Vesuviana gli regala una Legnano verde per riprendere gli allenamenti. Lui ci farĂ  800 chilometri per tornare a casa. A Napoli ritorna nel ’47 quando vincerĂ  l’ottava tappa del Giro d’Italia che, alla fine, sarĂ  suo per la seconda volta. Sul filo del traguardo di Napoli lo attende il fotografo Riccardo Carbone che ne fisserĂ  il tempo e lo farĂ  arrivare sino a noi.

Leggi tutto »
Ludovico Scarfiotti

Lodovico Scarfiotti. Gentleman Driver

“Corro perchĂ© mi piace”. Così diceva Lodovico Scarfiotti a chi, per amore, tentava di allontanarlo dalle corse. Gentleman driver, eclettico, campione in pista, su strada e nelle cronoscalate, ultimo italiano a vincere nel 1966 il Gran Premio di Monza, quella di Scarfiotti è una storia dispersa troppo presto. Noi lo abbiamo ricordato così.

Leggi tutto »
Hèlene de Rothschild van Zuylen

Hélène van Zuylen. La poetessa pilota

Nata in una delle famiglie più influenti al mondo, Hélène de Rothschild non può tenere a freno il suo spirito ribelle. Dopo aver sposato il barone van Zuylen, nel 1898 è lei la prima donna a gareggiare in una competizione internazionale. Il suo vero trofeo però è stato abbandonare tutte le certezze per una vita d’amore.

Leggi tutto »
Olimpiadi Atene 1896

Olimpiadi. Il futuro scritto da Atene

Fortemente voluto dal visionario barone Pierre de Coubertin, il 6 aprile 1896 ad Atene il sogno olimpico diventa moderno. Le Olimpiadi non cambiano solo lo sport, ma diventano specchio del mondo che cambia intorno a loro. Soprattutto diventano simbolo e meta agognata di uomini e donne che ne fanno l’obiettivo della vita e che, vincitori o sconfitti che siano, diventano esempio per tutti.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi