Search
Close this search box.

Addio a Frank Williams, il visionario della Formula 1

Frank Williams, anzi Sir Frank Williams. Visionario, innovatore e uomo pronto a ogni sfida di vita e di motori. Al Circus mancherà.
Frank Williams

Ci sono uomini che lasciano un segno del loro passaggio.
Spesso questi uomini sono dei visionari.
Visionari come Frank Williams che oggi è passato ad altri sogni anche se, sono sicuro, di quelli che lo hanno ispirato nei 50 anni di Formula Uno più d’uno se lo sarà portato dietro per seguire la sua passione anche dall’altra parte.

Frank WilliamsNove mondiali costruttori e sette mondiali piloti, tutto tra il 1980 e il 1997: successi che fanno di Frank Williams un gigante della Formula 1.
Anzi Sir Frank Williams, perché lui, ragazzino inglese cresciuto in casa degli zii a causa della separazione dei genitori, quel titolo conferitogli dalla Regina Elisabetta nel 1987 se l’è meritato tutto.

Si dice che i motori li abbia scoperti da ragazzo e che quasi per caso abbia poi seguito la sua passione per la meccanica.
Certo è che nel 1966, a soli 24 anni, fonda la Frank Williams Racing Cars e la scuderia inizia a gareggiare in Formula 2 e in Formula 3.
Nel 1969 arriva alla Formula 1 e sarà una storia di ingegno, di travagli, di cadute e di vittorie.
Nel 1972 Frank Williams Racing Cars mette in pista la prima macchina di propria progettazione, purtroppo un fallimento.
Sono momenti difficili in cui tutto sembra dover finire da un momento all’altro.
Dopo averne ceduto la maggioranza nel 1976, l’anno seguente esce del tutto dalla scuderia, ma non per abbandonare la Formula 1, per ricominciare. 

Insieme a Patrick Head fonda una nuova scuderia, la Williams Grand Prix Engineering, e tutto ha il sapore della grande avventura.
Un’avventura che coglie il primo successo il 14 luglio 1979, quando Clay Regazzoni vince il Gran Premio di Silverstone, nella sua Inghilterra.
Tra i tanti successi, mi piace pensare che questo Frank Williams l’abbia considerato tra i suoi preferiti, preludio come è stato alla lunga stagione di successi che seguirà.

Nel 1986 la vita di Frank Williams prende una piega diversa; un incidente di auto lo costringe alla sedia a rotelle, ma lui vincerà anche quella sfida perché non abbandonerà il Circus, continuerà a raccogliere successi e ne diventerà un’icona.

Frank WilliamsDal 2013 la Williams era gestita dalla figlia Claire. All’inizio di quest’anno la società di investimenti Dorilton Capital è subentrata nella proprietà della scuderia, oggi Williams Racing.

Frank Williams era ricoverato in ospedale dallo scorso venerdì.
Da oggi la Formula 1 sarà un po’ più sola.

Marco Panella, (Roma 1963) giornalista, direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

Formulino

Formulino. L’ultimo re di Imola

Arturo il gatto. Arturo salito al trono dell’autodromo di Imola come Formulino. Un regno durato sedici anni con Formulino che non mai negato affetto a nessuno, strappando sorrisi, stemperando tensione, lasciando tracce. Formulino ha attraversato il ponte per iniziare una nuova vita, una delle sue tante vite gatte. Come tutti i gatti che vanno oltre, non lascia un’assenza, ma una presenza indelebile.

Leggi tutto »
Stanguellini

Stanguellini. Una storia italiana

Trenta anni di competizioni, cento anni di vita italiana. La Stanguellini è una storia di motori, ingegno e passione, una storia dove troviamo identità e radici. Una storia resa possibile da visionari capaci di posare lo sguardo sul futuro, un crogiuolo di umanità creativa, sfidante e temeraria che ha segnato la storia motoristica del novecento.

Leggi tutto »
Ludovico Scarfiotti

Lodovico Scarfiotti. Gentleman Driver

“Corro perché mi piace”. Così diceva Lodovico Scarfiotti a chi, per amore, tentava di allontanarlo dalle corse. Gentleman driver, eclettico, campione in pista, su strada e nelle cronoscalate, ultimo italiano a vincere nel 1966 il Gran Premio di Monza, quella di Scarfiotti è una storia dispersa troppo presto. Noi lo abbiamo ricordato così.

Leggi tutto »
Ayrton Senna

Ignazio Giunti. La fine dell’innocenza

Non è la solita storia, non è il solito tempo. Qui tutto è diverso, qui c’è un prima e un dopo perché questa non è una storia comune. Questa è una storia che racconta di quando un mondo perse l’innocenza. Questa è la storia di Ignazio Giunti.

Leggi tutto »
Mille Miglia

Mille Miglia. La corsa delle corse

26 marzo 1927, a Brescia, è un sabato festante. Da giorni la città è in fermento, ma oggi ci ciamo. Oggi, novantasei anni fa, prende il via per la prima volta la corsa di tutte le corse: la Mille Miglia. Da oggi in poi per le corse su strada sarà tutta un’altra storia, per la Mille Miglia sarà una leggenda.

Leggi tutto »
Wes Anderson

Wes Anderson e la “Molte Miglia”

Presentato nel 2013 al Festival del Cinema di Roma, il corto di Wes Anderson in collaborazione con Prada restituisce una visione onirica e originale sul mondo delle corse e di come il destino, a volte, possa svelare i suoi giochi anche davanti a un piatto di pasta.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi