Search
Close this search box.

Astutillo Malgioglio. Un esempio.

Ci sono i campioni e ci sono gli uomini. Poi ci sono uomini che diventano esempio. Proprio come Astutillo Malgioglio.
Astutillo Malgioglio

Ci sono i campioni e poi ci sono gli uomini.
I primi spesso diventano idoli e anche esempio.
Qualche volta anche cattivo esempio.
I secondi a volte passano una vita sportiva al limite dell’ordinario, ma altre volte lasciano il segno.
Astutillo Malgioglio è qualcosa di ancora diverso.
Astutillo Malgioglio è un esempio.

astutillo malgioglioCresciuto nella giovanile della Cremonese, dal 1977 al 1992 gioca 224 partite con il Bologna, il Brescia, la Pistoiese, la Roma, la Lazio, l’Inter e l’Atalanta, vince uno scudetto, una Coppa Italia, una Super Coppa e una Coppa Uefa.
Gioca in porta Astutillo Malgioglio e chissà se è vero che solo i più matti possono fare i portieri.

Il 1977 è anche l’anno di un altro suo esordio: fonda l’associazione ERA 77 – acronimo delle iniziali della figlia Elena, della moglie Raffaella e sua – e inizia ad occuparsi di assistenza ai ragazzi distrofici, un impegno al quale dedica tempo, anima, cuore e soldi.
In pratica tutto sé stesso.

Una domenica allo Stadio

Il 9 marzo 1986 a Roma è quasi primavera.
Astutillo è alla sua prima stagione a difendere i pali con i colori della Lazio, ma il rapporto coni tifosi non è mai particolarmente idilliaco, forse anche per i suoi trascorsi romanisti.
Fatto è che quella stagione la Lazio è in B e quella partita contro il Lanerossi Vicenza significa molto.

Sembra andare tutto bene, la Lazio vince 2-0, ma poi accade l’impensabile; prima la rimonta, poi il punteggio sembra essere fissato sul 3-3 quando il Lanerossi Vicenza segna un goal senza storia che gli fa vincere la partita.
È un goal senza storia che Astutillo avrebbe dovuto parare e la Curva Nord non glielo perdona.

Dice che un professionista in campo si debba schermare e non debba mai rispondere ad offese personali, anche e soprattutto quando sono fuoco amico.
Dice che sia così, ma poi bisogna trovarcisi.
Fatto è che a fine partita, prima di rientrare negli spogliatoi e con i cori contro di lui e i suoi ragazzi che non sono mai smessi, Astutillo si toglie la maglia, ci sputa sopra e la prende platealmente a calci.

Astutillo MalgioglioCambia tutto

Astutillo Malgioglio non è un uomo di piaggerie e sa benissimo cosa questo significa: ha tutti contro, tifo, squadra, Federazione.
Viene sospeso e deferito, lui rescinde il contratto e rimane alcuni mesi fermo prima di tornare in campo con l’Inter, dove rimarrà per cinque stagioni facendo il secondo di Zenga.
L’ultima stagione a Bergamo, con l’Atalanta.

Onore al merito

Dal 1977, però, Astutillo Malgioglio gioca anche un altro Campionato, quello con i suoi ragazzi distrofici, dove non si gioca contro qualcuno, ma tutti giocano per tutti.
Un impegno che dura ancora e che realisticamente non finirà mai.
Per questo impegno Astutillo Malgioglio il 13 novembre è stato insignito dal Presidente della Repubblica con l’onorificenza di Ufficiale all’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

Ecco, le storie di calcio sono tante, ma il calcio, per la storia di Astutillo Malgioglio, è quasi solo un pretesto.
Per questo noi oggi rendiamo omaggio all’uomo Astutillo Malgioglio, un esempio per tutti.

 

 

 

 

Marco Panella, (Roma 1963) giornalista, direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

Italia- Zambia Seul 1988

Seul 1988. Quando Kalusha Bwalya umiliò gli Azzurri

Alle Olimpiadi di Seoul la Nazionale italiana arriva imbottita di ottimi giocatori e con grandi aspettative. Alla fine sarà quarta, lasciando il bronzo alla Germania Ovest. Ma quella edizione è ricordata soprattutto per l’umiliante sconfitta subita dagli azzurri del CT Rocca contro lo Zambia dell’ancora sconosciuto Kalusha Bwalya. Allo Zambia il futuro sembrava sorridere, purtroppo sarà invece un futuro tragico.

Leggi tutto »
Pink Floyd

Pink Floyd F.C. The dark side of soccer

Seconda metà anni ’60. Londra. L’altra Londra. Psichedelica, acida, onirica, visionaria oltre misura. I Pink Floyd si affacciano sulla scena per non uscirne più. Voce, chitarra, basso, batteria, tastiera: sembra una formazione classica, sarà una rivoluzione. E poi una passione inevitabile: il calcio.

Leggi tutto »
Federale 102

Federale 102

Dopo quasi 90 anni il mitico Federale 102, il pallone ufficiale del Mondiale 1934 (giocato in Italia e vinto dalla Nazionale del grande Vittorio Pozzo), è tornato finalmente a casa, a Roma, dove tutto ebbe inizio.

Leggi tutto »
Curva Sud Pruzzo

Curva Sud. Goal e braccia al cielo

Gioia, liberazione, adrenalina. Il pallone che gonfia le rete, lo stadio che respira, la Curva Sud che impazzisce. È da questi spalti una volta di cemento freddo che l’emozione mi ha stretto petto e gola quando loro correvano verso di noi sbracciando e urlando. Calcio vero, giocatori veri. Se dopo un goal vi capita di vedere altro, tipo quei balletti oggi un po’ di moda, diffidate dalle imitazioni e ricordate che un altro calcio è possibile.

Leggi tutto »
Mauro Grimaldi

Mauro Grimaldi. Quanto sei bella Roma

Il 22 giugno a Palazzo Brancaccio, Mauro Grimaldi ha presentato ai Cavalieri della Roma il suo libro dedicato agli anni d’oro dello scudetto e della rincorsa alla finale di Coppa dei Campioni. Con lui Ubaldo Righetti, protagonista in campo dell’indimenticabile epopea giallorossa.

Leggi tutto »
Luis Monti

Luis Monti. Di calcio e di leggenda

Come lui nessuno. Centromediano senza rivali. Forza, piedi e visione del gioco. Luis Monti è stato unico e non solo perché ha giocato due finali mondiali in due nazionali diverse. Due nazionali, due cuori, quello dei padri e il suo, che diventano uno. Leggenda, sì. Luis Monti è leggenda.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi