Sportmemory va in vacanza

jacovitti

Sportmemory racconta storie e rispetta il rito della vacanza agostana che, dell’Italia, è una grande storia di costume  dentro la quale ci siamo un po’ tutti.
Torneremo con l’aggiornamento mensile il 5 settembre e, a seguire, il 5 di ogni mese che sarà la nostra nuova data editoriale.
In questo mese, però, non vi faremo mancare del tutto le nostre storie.
Ne pubblicheremo alcune in maniera estemporanea nella sezione Diorama e, come sempre, cercheremo di raccontarle non per informare, ma per emozionare.
Proprio come ha sempre fatto un mai troppo ricordato Maestro dell’immaginario, Benito Jacovitti, con i suoi personaggi surreali avanti di decenni rispetto al linguaggio corrente del suo tempo e che Sportmemory omaggia con piacere.
Un innovatore, un precursore Jacovitti, di cui riprendiamo una copertina disegnata nel 1953 per Il Vittorioso, testata che ha segnato la storia del fumetto italiano.
Un’immagine che è specchio fedele di come siamo stati.
Un’Italia forse più ingenua, ma certo non peggiore.

 

sportmemory

Redazione

redazione@sportmemory.it

ARTICOLI CORRELATI

CUCS

CUCS. Quattro lettere difficili da dimenticare

Ogni anno il 9 gennaio mi assale il ricordo di una vita di Curva Sud. Il ricordo di quando e di come apparve per la prima volta lo striscione del CUCS. Il ricordo di quando e di come quello striscione apparve per l’ultima volta. Un ricordo amaro che non passa e che rimane come la fede.

Leggi tutto »
Portiere

Il portiere. Quello vero

Una storia di campo. Un campo della popolosa e popolare periferia romana. La storia di un portiere, uno che “poteva”, ma al quale un destino di traverso gli ha fatto perdere il treno, quello delle grandi occasioni. Poi è tornato a giocare sullo stesso campo. Sempre in porta, naturalmente, e ai bambini che gli chiedono come si fa a diventare portiere, lui svela un segreto.

Leggi tutto »
Hajduk Dalmazia

Hajduk. Orgoglio della Dalmazia

Dalmazia, Spalato. Hajduk la squadra fondata in birreria nel 1911, ma a Praga, da un gruppo di studenti spalatini affascinati dal calcio danubiano. Non solo una storia sportiva, ma una storia sociale e popolare. Una storia di tifo che travalica il campo da gioco per entrare nel campo della vita. La squadra di Spalato non vince più nulla dal 2005, ma dal cuore dei suoi tifosi non è mai uscita.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi