Search
Close this search box.

The main event, a glove story. Quando l’amore è sufficiente

1979, Barbra Streisand e Ryan O'Neal sono sul grande schermo con un film dove la boxe è il corollario a una storia d'amore.A glove story, recita il sottotitolo, ma è nell'assonanza con love che la storia trova le sue rime. Godibile e vedibile, con una colonna sonora premiata con il Golden Globe, ideale per abbandonare gli schemi e pensare che l'amore, ovunque si trovi, giustifica sé stesso.
The Main Event

Dimenticate per un momento Rocky Balboa che alza i pugni ad una Philadelphia ancora addormentata o al Mo cuishle di Million dollar baby. E per un attimo provate ad immaginare Barbra Streisand come allenatrice e Ryan O’Neal come suo allievo.
Tutto questo è The main event, pellicola del 1979, che promette non di essere una love story, semmai una glove story, di cui la colonna sonora si aggiudicò un Golden globe.

The main event

The main event. Il plot

Barbra Streisand qui interpreta Hillary Krammer, magnate dei profumi che perde la sua compagnia; quando anche il suo contabile la lascia per fuggire in Sud Africa, tutto ciò che le rimane è un vecchio contratto con Eddie “Kid natural” Scalon, boxeur ormai ritirato dalle scene e reinventato istruttore di guida.
Non passa molto tempo prima che Hillary si presenti da Eddie per convincerlo a tornare sul ring, convinta che proprio questa potesse esere l’opportunità per entrambi per tornare alla ribalta.
Sebbene scettico the Kid accetta l’offerta della donna che, ovviamente, di boxe non sa veramente nulla, tanto che lo allena con un how to book dove non riconosce neanche i termini tecnici della disciplina.
In qualche modo l’allenamento va avanti. Non è solo questo, però. Pugno dopo pugno, i sentimenti tra i due iniziano a farsi sentire.

The main event

 The match that never was

L’atto finale di The main event è “the match that never was”, quando Eddie si sarebbe confrontato con Hector Mantilla.
I due si sarebbero dovuti affrontare molti anni prima, ma vennero entrambi squalificati ai Pan Am Games per cattiva condotta. Ma negli anni Mantilla è diventato un boxeur di successo, Eddie invece pensa di aver già perso.
La zoppicante preparazione di Hillary invece sembra dare i suoi frutti.
Eddie infatti sembra stia per vincere l’incontro, ma è proprio in quel momento che la donna capisce che se il suo protetto avesse vinto, le loro strade si separerebbero in maniera definitiva.

Love over gloves

Allora alla malora i soldi, la fama e la compagnia, sale sul ring, interrompe il match e si lascia andare in un bacio “da film” con Eddie, mentre i titoli di coda riempiono lo schermo.
Non serve sempre trovare un morale profonda o un valore aggiunto a ciò che si guarda.
A volte l’amore, dovunque lo si trovi, è sufficiente.
The main event, in fondo, a modo suo è lì a ricordarcelo.

Rachele Colasante nata a Roma nel 1999, da sempre incuriosita dalle storie, studia Lettere a RomaTre cercando di scrivere la sua al meglio. Ancora non sa dove la condurrà il suo percorso, ma per ora si gode il paesaggio.

ARTICOLI CORRELATI

hector rocha

Hector Rocha. In loving memory

Hector Rocha, Maestro di pugilato sconosxiuto ai più in questa parte di mondo, il 15 agosto del 2020 termina il suo ultimo match. Dopo sei settimane il Covid se lo porta via e lui, con i suoi 83 anni passati quasi tutti tra guanti, sacchi e sudore, gli deve aver dato filo da torcere fino all’ultimo. Un anno e due giorni dopo, noi rendiamo omaggio a un Maestro capace di essere esempio e lo immaginiamo ancora a tirare, a insegnare e a lasciare segni nel cuore.

Leggi tutto »
Sandro Mazzinghi

Sandro Mazzinghi. La battaglia di San Siro

Un incontro epico. Sandro Mazzinghi è pugni, cuore e carattere e quel titolo mondiale dei superwelter perso tre anni prima se lo vuole riprendere. Kim-Soo Ki è un mancino d’acciaio e non ha alcuna intenzione di restituirglielo. Il 26 maggio del 1968 a San Siro si combatte davanti a 55.000 testimoni che non dimenticheranno mai. Il 26 maggio del 1968 Sandro Mazzinghi riporta il titolo a casa.

Leggi tutto »
Boxeador

Boxeador. Pugni in musica d’autore

Una conversazione con Marco Massa, cantautore milanese che nel pugilato romantico ha trovato ispirazione di vita e di musica. Da La Lombarda di via Bellezza 16, poi Palestra Visconti, fino alla Gymnasio Rafael Trejo de l’Avana, il Boxeador di Marco Massa è alla fine un pretesto per conversare del senso delle cose e del loro significato. Fuori e dentro il ring.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi