Teofilo Stevenson vs. Muhammad Alì. Il gran rifiuto.

I più grandi. Muhammad Alì contro George Foreman, ma ancora di più Muhammad Alì e la sfida interminabile con Joe Frazier. Storia del pugilato senza alcun dubbio. Non sapremo mai però come sarebbe cambiata la storia se ci fosse stato l'incontro tra Teofilo Stevenson e Muhammad Alì. Ci siamo persi tanto. Veramente tanto.
teofilo stevenson

Madison Square Garden o Kinshasa?

Da quando è scomparso nel 2016, tutti vanno alla ricerca del più bell’incontro di Muhammad Alì, anche se forse l’incontro che sarebbe potuto essere il più bello, quello contro Teofilo Stevenson, non c’è mai stato.
In generale la scelta cade su quello del 1974 a Kinshasa contro Foreman.
Invece secondo il mio personalissimo cartellino, per dirla alla Rino Tommasi, il suo match più memorabile è quello disputato al Madison Square Garden, e dove se no, l’8 marzo del 1971 contro Joe Frazier, il primo dei tre nella loro interminabile sfida.
Quella sera Alì perse, ma nello sport ci sono sconfitte che a volte valgono più di tante vittorie.
Ero un ragazzino, ma lo ricordo bene, venne battezzato dalla stampa l’incontro del secolo e ancora adesso ai miei occhi tale rimane.

I duellanti: Muhammad Alì e Joe Frazier.

Due pugili completamente diversi; Alì tutto tecnica, fantasia e velocità, Smokin’ Joe Frazier un fighter tutto potenza e coraggio; un carro armato da combattimento che avanzava sbuffando, da qui il nomignolo di Smokin’e sparava colpi terrificanti, primo fra tutti il suo leggendario gancio sinistro, che, tanto per non smentirsi, quella sera fratturò la mascella del suo avversario.
Alì era già un personaggio per le sue sparate istrioniche e una leggenda per il suo rifiuto di indossare la divisa dell’esercito americano e andare in Vietnam, Frazier invece era un uomo riservato che ha sempre tenuto separata la vita privata da quella pubblica, ma non era lo zio Tom dei bianchi come lo definiva Alì per provocarlo.
Oltre a essere un grande pugile, era un uomo sensibile che cantava il blues e scriveva poesie. In ogni caso fu un incontro memorabile.

Teofilo Stevenson

Certo, se le cose fossero andate in un certo modo qualche anno dopo avremmo potuto assistere a un incontro che con molta probabilità avrebbe oscurato tutti gli altri. Ma purtroppo stiamo parlando di un’occasione mancata e anche la storia dello sport non si fa con i se e con i ma.
Il mondo scoprì Teofilo Stevenson nel 1972 in occasione delle Olimpiadi di Monaco, anche se lui aveva già vinto i Giochi Panamericani l’anno prima.
Un fisico scultoreo e un talento purissimo.
Potente come deve essere un peso massimo, ma nello stesso tempo agile e veloce, capace di portare colpi fulminei, schiantava gli avversari quasi con irridente facilità.
Nel 1976 si ripetè alle Olimpiadi di Montreal ed era già l’orgoglio di tutti i cubani quando avrebbe vinto l’oro anche alle Olimpiadi di Mosca.
Ma prima del terzo oro olimpico di Mosca, Teofilo Stevenson sarebbe diventato qualcosa di più.

Il gran rifiuto

Teofio Stevenson diventerà un autentico simbolo del Paese e un’icona propagandistica per il regime di Fidel Castro.
Fin dalle sue prime apparizioni sulla scena internazionale il paragone di tutti i tecnici è andato subito al grande Muhammad Alì, e infatti subito dopo i Giochi Olimpici di Montreal gli venne offerta la possibilità di passare al professionismo.
Gli organizzatori americani avevano già pronto un contratto da cinque milioni di dollari per la grande sfida contro Alì, campione del mondo in carica.

Teofilo Stevenson fece il gran rifiuto e lo accompagnò con una frase che quanto a retorica non teme confronti: «Cosa valgono cinque milioni di dollari, quando ho l’amore di cinque milioni di cubani?».
Pugilisticamente parlando, fu un vero peccato, perché un match tra due pesi massimi tecnici come Stevenson e Alì non si era mai visto prima e molto probabilmente non si vedrà mai in futuro.

Le leggende dello sport nascono anche così.

Che cosa ci siamo persi però!

 

 

Silvano Calzini è nato e vive a Milano dove lavora nel mondo editoriale. Ama la letteratura, quella vera, Londra e lo sport in generale. Ha il vezzo di definirsi un nostalgico sportivo.

ARTICOLI CORRELATI

Louis Zamperini

Louis Zamperini. Una vita Unbroken

“If I can take it, I can make it”. L’incredibile vita di Louis Zamperini, uomo di sport, religione, veterano di guerra e protagonista di un biopic firmato da Angelina Jolie.

Leggi tutto »
Vittorio Tamagnini

Vittorio Tamagnini. L’uragano di Amsterdam

Vittorio Tamagnini, pugilato eroico, altra Italia, altri ring, altri pugni. Quell’11 agosto 1928 ad Amsterdam con Tamagnini, Orlandi, Toscani e Cavagnoli il pugilato italiano segna una pagina di storia olimpica mai più eguagliata e diventa leggenda

Leggi tutto »
Dorando Pietri

Dorando Pietri. L’altra storia

Dorando Pietri non è stato un perdente di successo, ma un atleta di successo. Lo dice la sua storia sportiva, quasi sempre schiacciata dall’iconografia della maratona olimpica del 1908. Una storia che sorprende e che bisogna continuare a raccontare.

Leggi tutto »
Team Boxe Roma XI

Team Boxe Roma XI. Di cuore e di pugni

La seconda puntata di Roma Sport Sociale, il docu-reportage realizzato da Sportmemory con il supporto della Regione Lazio. Una storia di Maestri visionari ,capaci di vedere il futuro dove non ce n’era neanche l’ombra. Una storia di cuore e di pugni. La storia della Team Boxe Roma XI.

Leggi tutto »
RING

Il Ring. Uno spazio magico

Il vecchio Cesare m’aveva guardato non molto convinto ma non essendoci nessun altro disponibile mi aveva detto interrogativo: “ma che voi sali’ te?”, “Volentieri, qualche volta me so’ già mosso” avevo risposto mentre mi levavo i guantini da sacco e prendevo il paradenti e i guantoni.

Leggi tutto »
Monzon vs. Griffith

Carlos Monzòn. Campione sul ring, perdente nella vita

“Anche se una stella muore la sua luce continuerà a brillare”. Tra i tanti, al funerale di Carlos Monzòn uno striscione recita così e non è solo una scritta; è tutto vero. Pugile maledetto che più maledetto forse non si può, Carlos Monzòn tra gloria e tragedie ha lasciato segni che nessuno ha dimenticato. Proprio come i suoi pugni.

Leggi tutto »
Antonio Del Greco

Carlo Ancelotti e la maglietta della felicità

Carlo Ancelotti non ha mai saputo della sua maglietta della felicità. Eppure tra una domenica allo stadio, rapinatori in trasferta, criminali improvvisati e il rapimento di un bambino, quella maglia esiste ed è arrivata al suo proprietario.

Leggi tutto »
hector rocha

Hector Rocha. In loving memory

Hector Rocha, Maestro di pugilato sconosxiuto ai più in questa parte di mondo, il 15 agosto del 2020 termina il suo ultimo match. Dopo sei settimane il Covid se lo porta via e lui, con i suoi 83 anni passati quasi tutti tra guanti, sacchi e sudore, gli deve aver dato filo da torcere fino all’ultimo. Un anno e due giorni dopo, noi rendiamo omaggio a un Maestro capace di essere esempio e lo immaginiamo ancora a tirare, a insegnare e a lasciare segni nel cuore.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi