Louis Zamperini. Una vita Unbroken

“If I can take it, I can make it”. L'incredibile vita di Louis Zamperini, uomo di sport, religione, veterano di guerra e protagonista di un biopic firmato da Angelina Jolie.
Louis Zamperini

Louis Zamperini non ha avuto una vita comune: figlio di immigrati italiani in America, atleta olimpico, soldato, naufrago, prigioniero di guerra, eroe in patria e infine marito e padre amorevole.
Una vita da film, un vita da Unbroken, il film che Angelina Jolie dirige e produce nel 2014 traendo ispirazione dal libro Unbroken: a world war II story of survival, resilience and redemption, biografia scritta da Laura Hillenbrand e che fa avvicinare la regista a Louie, suo anziano vicino di casa di cui prima non sapeva  nulla e al quale nel film farà dare volto e voce dall’inglese Jack O’Connell.

Louis Zamperini e Angelina Jolie

Il secolo di Louis Zamperini.

Louis Zamperini nasce nel 1917 a Olean, vicino New York, da una famiglia di veronesi emigrati e come tanti sbarcati a Ellis Island. Quando lui ha due anni la famiglia si trasferisce a Torreance, in California, ma Louie non ha una bella infanzia e fin da subito viene considerato un emarginato: parla poco inglese, poco italiano, viene deriso e angariato. Allontanato da tutti inizia a combinare guai e quella che gli si prospetta davanti è solo una cattiva strada.

Il fratello maggiore Pete per fargli occupare il tempo, ma soprattutto per poterlo controllare, lo fa entrare nel gruppo di atletica della scuola, dove presto viene notato per le sue capacità; nel film viene ritratto in maniera esemplare il rapporto tra i fratelli, Pete appare quasi come un maestro per Louie, lo incoraggia sempre a dare il meglio di sé e gli ripete come un mantra If you can make it, you can take it, ovvero se puoi sopportarlo puoi farcela.

Un sogno da inseguire.

Louis Zamperini dunque trova nello sport la sua vera vocazione, ma anche la salvezza da una vita allo sbando, lo porta ad avere una popolarità inaspettata, diventa per tutti Torrance Tornado, il Tornado di Torreance, e ha finalmente un sogno da rincorrere, il sogno della vita: partecipare alle Olimpiadi.

Louis ZamperiniÈ tenace Zamperini e al sogno lui gli va incontro.
Nel 1936 è a Berlino, gareggia nei 5.000, non vince, ma proprio all’ultimo suono di campanella ha la soddisfazione di far registrare il giro più veloce.
Berlino 1936 doveva essere una tappa di una vita olimpica che lo avrebbe dovuto portare a Tokyo nel 1940.
Il mondo però cambia, s’incendia e brucia sogni e vite.

Nel 1940 le Olimpiadi a Tokyo non si svolgeranno e Louis Zamperini  invece che a correre sulla pista di uno stadio con i cinque cerchi olimpici, si ritrova aviere a bordo di un bombardiere a stelle e strisce.

La guerra e i campi.

Nel 1943 l’aereo di Louis Zamperini è abbattuto e precipita nell’Oceano Pacifico.
Miracolosamente  lui e altri 2 compagni sopravvivono all’incidente, diventano naufraghi nell’Oceano e altrettanto miracolosamente vanno alla deriva per 47 giorni in mezzo al mare cercando di rimanere vivi su delle zattere di fortuna.
È un miracolo sopravvivere, un miracolo raggiungere terra, ma l
‘incubo non è finito: le Isole Marshall sono in mano ai giapponesi e loro vengono catturati.

Una prova durissima che lo segnerà per sempre.

Qui Louis Zamperini cambia ancora una volta vita.
Trascorrerà due durissimi anni in un campo di lavoro dove il sogno e il ricordo dello sport lo aiuteranno ad andare avanti e gli saranno scudo per lo scherno dei soldati del campo che lo sfidano a fare l’atleta anche lì. È proprio in queste occasioni che Louie viene visto più volte ripetere il mantra di Pete come una preghiera alla quale attaccarsi per sopravvivere al suo inferno in terra.

All’interno del campo non solo la vita è estremamente dura, ma Zamperini è anche vittima delle vessazioni del sergente Mutsuhiro Watanabe, soprannominato l’uccello, il quale vede nell’atleta il soggetto preferito da  umiliare e piegare. Anche qui torna il ricordo della corsa e degli allenamenti intensi e Louie capisce che anche in una situazione avversa come quella in cui si trova, deve spingere ancora di più, proprio come se fosse ancora all’ultimo giro dei 5.000 di Berlino.

Oltre la bufera.

La guerra finisce e si porta via la prigionia.
Louis Zamperini torna a casa e per l’ennesima volta cambia vita.
Adesso non è solo un ex olimpionico e un reduce. La sua storia passa di bocca in bocca e gli dipinge addosso l’aura dell’eroe.
Ma forse lui vorrebbe solo dimenticare.

Louis e CinthyaLa vita va avanti, Louie si sposa con Cynthia, diventa padre di due figli, ma il ricordo dei campi è un tarlo che non lo abbandona e lo fa soffrire di stress post-traumatico; sarà la moglie, fervente cristiana evangelica, che lo aiuterà a trovare pace nella fede.
Sarà la sua salvezza.

Ad una vita di odio e rancore, Louis Zamperini ne preferì una d’amore e perdono che lo porterà addirittura a voler incontrare alcuni dei suoi aguzzini per poterli abbracciare e dire loro che li aveva perdonati definitivamente.
Watanabe, lui sì prigioniero per sempre dei demoni che aveva scatenato, fu l’unico a rifiutare l’incontro

Il sogno ritorna

Più volte Louis Zamperini ha ricordato come non fosse stato il dolore fisico a farlo stare male, quanto il fatto che lo avessero svuotato di qualunque tipo di dignità e che solo il suo passato da mezzofondista lo avesse aiutato nei momenti più difficili.
In questo senso celebre è la sua citazione I’d made it this far and refused to give up because all my life I had always finished the race, emblema della sua perseveranza e di come sia importante arrivare fino in fondo alle proprie battaglie e finire la gara.

Il cerchio della vita riserva sempre sorprese e a Louis Zamperini riserva il ritorno di un sogno.

Nel 1998 Louis tornerà a Tokyo invitato a portare per un tratto la torcia olimpica in occasione dei Giochi invernali di Nagano.
La torcia che lui aveva lasciato sempre accesa anche nei momenti più bui della sua vita.

Louis ZamperiniLouie non potrà assistere alla prima di Unbroken, il suo ultimo giro lo corre il 2 luglio 2014, qualche mese prima dell’uscita del film.

Si dice però che la sera, quando anche gli ultimi ragazzi hanno smesso di allenarsi, sulla pista di atletica del liceo di Torreance, nel profilo del giorno che lascia spazio alla notte, a volte si veda un’ombra leggera con un cappellino rosso fare la sua corsa.

 

 

Rachele Colasante nata a Roma nel 1999, da sempre incuriosita dalle storie, studia Lettere a RomaTre cercando di scrivere la sua al meglio. Ancora non sa dove la condurrà il suo percorso, ma per ora si gode il paesaggio.

ARTICOLI CORRELATI

MARATONA DI NEW YORK

New York. La maratona di Giovanni Bartocci.

Giovanni Bartocci, ristoratore romano trapiantato nella Grande Mela, ci racconta della sua prima Maratona di New York e dell’anima e del cuore che ci ha messo per finirla. Per l’occasione ha anche indossato il suo abito migliore: maglietta della Lazio e pantaloncini autografati di Milinkovic-Savic. Un’altra grande storia nella storia.

Leggi tutto »

1960. Il mio straordinario anno olimpico

Il ciclismo di Marino Vigna è una storia di famiglia. Una passione che passa di padre in figlio come nelle migliori tradizioni. Una passione che lo porta a vincere la medaglia d’oro alle Olimpiadi di Roma del 1960 nell’inseguimento a squadre. Una passione che diventa una vita dedicata al ciclismo da atleta, da dirigente e da esempio.

Leggi tutto »
teofilo stevenson

Teofilo Stevenson vs. Muhammad Alì. Il gran rifiuto.

I più grandi. Muhammad Alì contro George Foreman, ma ancora di più Muhammad Alì e la sfida interminabile con Joe Frazier. Storia del pugilato senza alcun dubbio. Non sapremo mai però come sarebbe cambiata la storia se ci fosse stato l’incontro tra Teofilo Stevenson e Muhammad Alì. Ci siamo persi tanto. Veramente tanto.

Leggi tutto »
golden gala

Golden Gala. L’atletica ritrovata

Dal 1980 il Golden Gala, dedicato a Pietro Mennea nel 2013, è un grande appuntamento internazionale, ma anche una grande festa dello sport dove le migliaia di persone sugli spalti e le centinaia di atleti diventano un’unica comunità emotiva testimone e protagonista dei grandi valori dello sport.

Leggi tutto »
leggende olimpiche

Leggende Olimpiche

Giampiero Vigorito in “Leggende Olimpiche” racconta 100 storie di atleti che non si sono fermati a gareggiare solo alle Olimpiadi, ma hanno portato lo scontro anche fuori le arene, facendo della propria vita l’allenamento più importante.

Leggi tutto »

Una vita in corsa

È solo un bambino quando Luciano Duchi sente parlare per la prima volta della Roma-Ostia e anche se non sono storie che parlano di tempi e di gambe, ma storie di ferrovieri che abitano nel suo palazzo, qualcosa rimane nella sua memoria. La vita poi fa il suo corso; la scuola, il militare, il lavoro in banca e l’atletica, la sua grande passione.
Una passione che lo riporta indietro nel tempo, ai racconti dispersi dei ferrovieri origliati da bambino e che, nel 1974, gli fa immaginare il futuro quando organizza la prima mezza maratona Roma-Ostia, da allora un classico che ogni anno richiama migliaia di atleti e appassionati da tutto il mondo.
La vita in corsa e per la corsa di Luciano Duchi inizia proprio così.

Leggi tutto »
Margherita Hack

Margherita Hack. Salti verso le stelle.

Margherita Hack, astronoma, vegetariana, atea sposatasi in Chiesa per amore del marito e una vita dedicata a studiare stelle e Spazio profondo, ma che avrebbe potuto prendere una direzione diversa. Quella di una pista di atletica, ad esempio.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi