Alice Milliat. La donna delle Olimpiadi

Alice Milliat è la donna delle Olimpiadi perché senza di lei, senza i suoi sogni e senza la sua voglia di realizzarli, le Olimpiadi sarebbero state più difficili per tutte le donne. Una storia straordinaria da insegnare a scuola, in terza media, quando bisogna iniziare a sapere chi è stato in grado di cambiare la storia.
Alice Milliat

Montecarlo 1921

su iniziativa di Alice Milliat e Camille Blanc, direttore dell’International Sporting Club de Monaco, nei giardini del casinò di Monte Carlo si svolgono i primi Giochi Femminili Internazionali, organizzati in risposta all’annuncio che il Comitato Olimpico Internazionale non avrebbe incluso gare femminili ai Giochi di Anversa del 1924.

Monte Carlo 192177 atlete provenienti da Francia, Italia, Svizzera, Regno Unito e Norvegia, si contendono titoli e medaglie davanti a un pubblico di alcune migliaia di persone perché cento anni fa lo sport femminile faceva spettacolo, ma non era così scontato.

Parigi 1922.

La scena si ripete.
Il 20 agosto davanti a circa 20.000 persone riunite allo Stade Pershing nel Bois de Vincennes,  atlete provenienti da Stati Uniti, Gran Bretagna, Svizzera, Cecoslovacchia e Francia gareggiano per la prima edizione dei Women’s World Games organizzati dalla Federation Sportive Feminine lnternationale presieduta da Alice Milliat.

Per la prima grande manifestazione di sport al femminile lo stadio è gremito di folla curiosa di vedere le atlete in gara.
L’emozione che si respira è tanta e il solito vociare che segue gli ultimi momenti di una gara si cristallizza per un secondo quando sul podio per i mille metri sale Lucie Brèard, prima grande campionessa di corsa francese.

È una grande vittoria per lei, ma anche per un’altra signora ben vestita che rimane in disparte a guardare la premiazione; è proprio Alice Milliat, che non casualmente sarà detta la Suffragetta dello Sport ed è a lei che dobbiamo la successiva apertura dei Giochi Olimpici alla partecipazione femminile.

Alice Million, vedova Milliat.

Nata quando i diritti femminili erano in gran parte ancora da conquistare, Alice si dedicò fino ai diciotto anni unicamente allo studio e successivamente non nascose che in quel periodo l’idea di praticare sport le risultasse come qualcosa di completamente folle.
Ottenuto un incarico come istitutrice, lasciò Nantes alla volta dell’Inghilterra e lì conobbe Joseph Milliat, francese anche lui, se ne innamorò e lo sposò.
La fortuna non arrise alla coppia; Joseph morì dopo quattro anni e Alice, come pegno di un amore che avrebbe avuto ancora tanto da dire, mantenne il cognome del marito e non si risposò mai più.

Nel periodo inglese Alice iniziò a praticare regolarmente il canottaggio scoprendo un talento che non aveva sospettato e che la portò a gareggiare guadagnandosi titoli solitamente appannaggio di atleti maschi.

Tra questi l’Audax Francais, competizione a tempo sulla lunga distanza ideata nel 1904 da Henry Desgrange, forse più noto per essere stato il primo organizzatore del Tour de France.
Inizialmente pensato come competizione ciclistica, l’Audax venne poi esteso anche ad altre discipline tra le quali, appunto, il canottaggio, per il quale si doveva coprire una distanza di 80 km entro un tempo massimo prestabilito.  

L’impegno

Giochi femminili atleticaNel 1911 Alice Milliat diventa membro dell’associazione “Fémina Sport” che, con vero spirito di avanguardia, si proponeva di promuovere lo sport femminile, in particolare atletica e danza, andando oltre le ottusità dell’epoca che invece lo osteggiavano.
Inutile dire che non contemplando la possibilità di gare al femminile, al tempo persino la vestizione sportiva era un problema per le donne, costrette ad allenarsi e gareggiare con abiti impropri e ingombranti.

Nel 1919, Alice Milliat venne nominata presidente della Societè Femminine du Sport e, infaticabile nella sua battaglia di emancipazione, si dedica anche ad organizzare manifestazioni sportive al femminile – tornei di calcio, atletica leggera, hockey e basket -, quando, e con concessione pesata, la consuetudine permetteva alle donne di praticare solo il tennis, il nuoto e il pattinaggio sul ghiaccio.
Alice sapeva bene che la sua doveva essere una battaglia prettamente culturale e che ogni manifestazione organizzata avrebbe svolto una funzione di moltiplicatore mediatico.

Women’s World Game

Nel 1921 Alice Milliat decide di prendere di petto il problema della partecipazione femminile alle Olimpiadi, possibilità che il modello decoubertiniano sostanzialmente impediva, intuisce che serve una prova di forza e che l’unica strategia possibile non è quella di contrapporsi, ma quella di prendere una direzione ferma e senza indugi.

Se il Comitato Olimpico non ci vuole, se gli uomini non ci vogliono, noi facciamo a meno di loro, i Giochi ce li facciamo da noi e vediamo come andrà a finire.
Nessuno lo può sapere, ma forse così deve aver pensato Alice quando, sull’esperienza e sul successo dei Giochi Olimpici Femminili di Monaco del 1921, prende atto del divieto del presidente della Federazione Internazionale di Atletica Leggera, Sigfrid Edström, che gli proibisce l’uso del termine Olimpico per i suoi Giochi.

Le Petit Journal 1923Alice non si scompone e senza avventurarsi in schermaglie legali, trova subito l’alternativa.
I Giochi si sarebbero chiamati Women’s World Game, avrebbero avuto cadenze quadriennale e nessuno li avrebbe potuti impedire.

In parallelo, dopo la prima edizione del 1921, per altri due anni Monte Carlo ospiterà i Giochi Internazional di Atletica Femminile, termine ampio come si usava all’epoca, comprendente diverse discipline, ma depurato della definizione olimpica.

Di fatto, i veri competitor delle Olimpiadi sono i  Women’s World Game, la cui prima delle quattro edizioni si svolge a Parigi dal 20 al 23 agosto 1922.
Le medaglie vinte dalle atlete non sono riconosciute dal Comitato Olimpico Internazionale, ma l’evento ebbe una portata mediatica enorme.

Il paragone tra i Giochi voluti da Alice Milliat e quelli del barone de Coubertin fu immediato e, ovviamente, con grande disappunto di quest’ultimo che non faticò ad intuire quanto quell’alternativa femminile fosse un’insidiosa minaccia per il futuro della sua creatura olimpica.

Le altre tre edizioni dei Women’s World Game si sarebbero svolte in Svezia, dal 27 al 29 agosto 1926 presso lo Slottsskogsvallen di Göteborg, poi nel 1930 a Praga e infine nel 1934 a Londra.

Nel frattempo, capito che Alice Milliat non sarebbe mai tornata indietro, il Comitato Olimpico si convinse dell’opportunità di fare una parziale apertura e ai Giochi di Amsterdam del 1928, consentì la partecipazione femminile nelle gare di atletica.

Alice Milliat e il futuro intravisto

La battaglia non era finita, ma la breccia era stata aperta, le mura avevano ceduto, ci sarebbe voluto ancora un po’ di tempo, ma cosa vuoi che sia un po’ di tempo per una vittoria destinata a durare per sempre.
La strada, però, era ancora in salita.

Alice Milliat morì nel 1957 nel più completo anonimato, ma senza aver smesso un solo minuto di combattere per l’emancipazione femminile nello sport.

Come tutte le persone, uomini o donne che siano, che lasciano un’impronta nel corso del tempo e che ne cambiamo la direzione, Alice Milliat è stata una visionaria che ha creduto e combattuto per i suoi sogni.
In tempi di influencer e di regine di semplici apparenze, la storia di Alice Milliat dovrebbe essere studiata a scuola.

In Francia, dal 2016, i suoi valori e i suoi insegnamenti sono custoditi e promossi dalla Fondation Alice Milliat, che si dedica alla promozione dello sport femminile e alla sua visibilità mediatica.

Una buona notizia per tutti

 

Giulia Colasante si affaccia al mondo nell'ultimo anno del secolo scorso, in tempo per sentirne raccontare in diretta, abbastanza per rimanerne incuriosita. Laureata in Filosofia all'Università di Roma Tre, per tentare di capire il futuro che l'attende studia Scienze Cognitive della Comunicazione e dell'Azione. Che attende lei, ma anche un po' tutti gli altri.

ARTICOLI CORRELATI

Roma 1960

Roma 1960. Olimpiadi giovani e romantiche

Dalle Olimpiadi giovani e romantiche di Roma 1960 a Tokyo 2020 credete sia passato molto tempo? Per come sono vive le mie emozioni di allora, per come rivedo davanti agli occhi la corsa di Livio Berruti quando tutti ci siamo alzati in piedi e io ancora di più, sulle sedioline perché troppo piccola, sessanta più uno anni sono stati un attimo.

Leggi tutto »
Fiamme Azzurre

Le Fiamme Azzurre. Una storia che guarda al futuro.

1983. Per volontà di Raffaele Condemi e Pietro Mennea nasce il Gruppo Sportivo della Polizia Penitenziaria. Da allora le Fiamme Azzurre contribuiscono allo sport nazionale e al medagliere azzurro formando atleti e gareggiando in 21 discipline. Questa è la loro storia che guarda al futuro.

Leggi tutto »
Carlo Galimberti

Carlo Galimberti, il campione eroe

Carlo Galimberti, quattro olimpiadi con una medaglia d’oro e due d’argento, primatista italiano e mondiale di sollevamento pesi. Ma non è tutto. Carlo passa dalle trincee della Grande Guerra al Corpo dei Vigili del Fuoco con intraprendenza, altruismo e generosità. Qualità di un campione, certo, ma nel suo caso anche di un eroe.

Leggi tutto »
Allyson Felix

Allyson Felix e la sconfitta della Nike

Allyson Felix è entrata nella storia dello sport a suon di medaglie olimpiche e mondiali. Dimenticare che noi umani siamo mammiferi e che una mamma difende sempre il suo cucciolo può essere una distrazione fatale. Anche per un gigante come la Nike.

Leggi tutto »
Emilio Lunghi

Emilio Lunghi. La prima medaglia olimpica italiana

Emilio Lunghi, prima medaglia olimpica italiana, non è solo una grande storia di sport. Emilio Lunghi è una grande storia italiana, un campione che domina i tempi sui cronometri, ma spesso avversato dai regolamenti. Un campione che supera indenne la Grande Guerra, ma che soccombe al tanto e ricambiato amore per il fascino femminile. Emilio Lunghi è una storia di vita libera.

Leggi tutto »
teofilo stevenson

Teofilo Stevenson vs. Muhammad Alì. Il gran rifiuto.

I più grandi. Muhammad Alì contro George Foreman, ma ancora di più Muhammad Alì e la sfida interminabile con Joe Frazier. Storia del pugilato senza alcun dubbio. Non sapremo mai però come sarebbe cambiata la storia se ci fosse stato l’incontro tra Teofilo Stevenson e Muhammad Alì. Ci siamo persi tanto. Veramente tanto.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi