Search
Close this search box.

Italvolley vince anche in televisione

Venerdì 18 agosto. In una calda sera d'estate 1.669.000 persone sono davanti alla televisione a guardare le nostre atlete della pallavolo femminile battere 3-0 la nazionale svizzera. Italvolley vince all'Arena di Monza, ma sbanca anche l'Auditel. Una buona notizia per lo sport, per la pallavolo, ma soprattutto per la televisione
italvolley

È una buona notizia. Per lo sport e per la pallavolo, senza distinzione di genere.
Gli Europei della pallavolo femminile sono una bella avventura per le nostre atlete.
Un’avventura da seguire e atlete per le quali tifare, al di là dello sport di cui uno può essere più o meno appassionato o praticante.
La pallavolo è sport di squadra, spirito di squadra, movimento corale e vince non solo nei palazzetti e nelle arene. Vince andando oltre, con squadra, pubblico dal vivo e pubblico a casa che diventano un’emozione unica, viva e pulsante.
Dopo l’esordio suggestivo all’Arena di Verona coronato dalla vittoria contro la Romania, ieri anche la nostra vittoria contro la nazionale svizzera è stata categorica. Il 3-0 portato a casa dall’Italvolley non fa sconti e non prevede appelli. Nell’Arena di Monza nessuna storia alternativa poteva essere possibile, così è stato e la nostra seconda partita ci riempie di entusiasmo e ci fa mordere  attesa per la prossima e per quelle che verranno.

La buona notizia è il dato auditel

Ieri sera su Rai2 l’Italvolley ha conquistato 1.669.000 telespettatori per uno share del 12,19%, superando il 1.605.000 di telespettatori incollati davanti al Sogno o son desto di Massimo Ranieri su Rai1 e tallonando il suo share del 13,79.
È una buona notizia perché ci dice che lo sport fa bene non solo a chi lo pratica, ma anche a chi lo guarda, e fa bene alla televisione alla quale consegna un contenuto valoriale ed emozionante. Un contenuto non alterato, non costruito, non scontato. Un gioco nel senso originario del termine, dove tutto il possibile passa attraverso attimi che si susseguono distinti da sacrificio, impegno, sfida, coraggio e anche delusione. Tutte cose umane, estremamente umane. Tutte cose di cui abbiamo estremamente bisogno.

Italvolley
(Marina Lubiam in azione)

Lo sport che ci piace

Ekaterina Antropova è tra le protagoniste assolute dell’Italvolley femminile ed è stata protagonista della partita controla Svizzera. Intervistata a fine partite, tra le altre cose ha detto “…ci divertiamo tantissimo, spero si veda anche da fuori e speriamo di aver fatto vedere una bella pallavolo a questo pubblico”.
Ecco, sì. Si vede, si capisce.
Soprattutto, questo è lo spirito dello sport che ci piace.

 

Rachele Colasante nata a Roma nel 1999, da sempre incuriosita dalle storie, studia Lettere a RomaTre cercando di scrivere la sua al meglio. Ancora non sa dove la condurrà il suo percorso, ma per ora si gode il paesaggio.

ARTICOLI CORRELATI

George Best

George. Best, pop, rock

Divo assoluto, geniale, esteta del dribbling, innamorato della vita viscerale e senza regole, George Best lascia un segno indelebile nel calcio moderno e paga i suoi conti fino in fondo.

Leggi tutto »

Brutti sporchi e cattivi. O forse no?

Ero giovanissimo: un apparente banale incidente su un campo di calcio vero si trasformò in un dramma, ma fu anche l’inizio della scoperta dello sport. Rugby prima, poi il football americano tra i primi in Italia e poi il ciclismo. Un paradigma sportivo e un percorso di vita, anche contro le apparenze.

Leggi tutto »
Gertrude Bell

Gertrude Bell. Vita avventurosa di una regina senza corona

Gertrude Bell ha avuto una vita avventurosa. Amante dello studio, della storia e dell’archeologia, infrange i canoni del suo tempo, viaggia nel mondo, assorbe lingue e culture, si innamora del Vicino Oriente, è ingaggiata dai servizi segreti inglesi, lavora in diplomazia e sostiene per conto della corona l’indipendenza araba dalla dominazione turca. Nel 1921 a Baghdad, per il popolo, lei è al-Khatun, consigliera di re Faysal, fondatrice dello Stato. Regina senza corona, così la ricordiamo, ma per le vite avventurose le corone sono solo un dettaglio

Leggi tutto »
Elvira Guerra

Elvira Guerra. La prima olimpionica italiana

Nata e cresciuta in una delle più importanti famiglie circensi dell’epoca, Elvira Guerra diventa famosa come ballerina equestre. Nel 1900 entra però nella storia diventando la prima italiana a partecipare alle Olimpiadi. Tutto quello che le occorre è il suo cavallo Libertin e un sorriso a favore di camera.

Leggi tutto »
Wings for life

Wings for life. Correre per una buona causa

Organizzata ogni anno, la Wings for Life dona il 100% dei suoi proventi alla ricerca per le lesioni al midollo spinale. La più grande gara del mondo che coinvolge migliaia di atleti da ogni parte del mondo, ha una linea di partenza ma non una di arrivo.

Leggi tutto »
Rocky Joe

Rocky Joe. La boxe nei manga

Con la sua sapiente mistura di arte sportiva e violenza drammatica, la noble art si presta perfettamente al modo di raccontare tutto asiatico del manga. Con la narrazione delle avventure del pugile Rocky Joe, infatti, si chiude la straordinaria trilogia del grande maestro Ikki Kajiwara dedicata allo sport

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi