Italvolley vince anche in televisione

Venerdì 18 agosto. In una calda sera d'estate 1.669.000 persone sono davanti alla televisione a guardare le nostre atlete della pallavolo femminile battere 3-0 la nazionale svizzera. Italvolley vince all'Arena di Monza, ma sbanca anche l'Auditel. Una buona notizia per lo sport, per la pallavolo, ma soprattutto per la televisione
italvolley

È una buona notizia. Per lo sport e per la pallavolo, senza distinzione di genere.
Gli Europei della pallavolo femminile sono una bella avventura per le nostre atlete.
Un’avventura da seguire e atlete per le quali tifare, al di là dello sport di cui uno può essere più o meno appassionato o praticante.
La pallavolo è sport di squadra, spirito di squadra, movimento corale e vince non solo nei palazzetti e nelle arene. Vince andando oltre, con squadra, pubblico dal vivo e pubblico a casa che diventano un’emozione unica, viva e pulsante.
Dopo l’esordio suggestivo all’Arena di Verona coronato dalla vittoria contro la Romania, ieri anche la nostra vittoria contro la nazionale svizzera è stata categorica. Il 3-0 portato a casa dall’Italvolley non fa sconti e non prevede appelli. Nell’Arena di Monza nessuna storia alternativa poteva essere possibile, così è stato e la nostra seconda partita ci riempie di entusiasmo e ci fa mordere  attesa per la prossima e per quelle che verranno.

La buona notizia è il dato auditel

Ieri sera su Rai2 l’Italvolley ha conquistato 1.669.000 telespettatori per uno share del 12,19%, superando il 1.605.000 di telespettatori incollati davanti al Sogno o son desto di Massimo Ranieri su Rai1 e tallonando il suo share del 13,79.
È una buona notizia perché ci dice che lo sport fa bene non solo a chi lo pratica, ma anche a chi lo guarda, e fa bene alla televisione alla quale consegna un contenuto valoriale ed emozionante. Un contenuto non alterato, non costruito, non scontato. Un gioco nel senso originario del termine, dove tutto il possibile passa attraverso attimi che si susseguono distinti da sacrificio, impegno, sfida, coraggio e anche delusione. Tutte cose umane, estremamente umane. Tutte cose di cui abbiamo estremamente bisogno.

Italvolley
(Marina Lubiam in azione)

Lo sport che ci piace

Ekaterina Antropova è tra le protagoniste assolute dell’Italvolley femminile ed è stata protagonista della partita controla Svizzera. Intervistata a fine partite, tra le altre cose ha detto “…ci divertiamo tantissimo, spero si veda anche da fuori e speriamo di aver fatto vedere una bella pallavolo a questo pubblico”.
Ecco, sì. Si vede, si capisce.
Soprattutto, questo è lo spirito dello sport che ci piace.

 

Rachele Colasante nata a Roma nel 1999, da sempre incuriosita dalle storie, studia Lettere a RomaTre cercando di scrivere la sua al meglio. Ancora non sa dove la condurrà il suo percorso, ma per ora si gode il paesaggio.

ARTICOLI CORRELATI

Rosadele Facetti

Rosadele Facetti. Una storia di famiglia

L’officina di famiglia, i motori come panorama quotidiano, i racconti del padre pilota, ifratelli che ne ricalcano le orme. Il destino, che aspettava solo il momento giusto, prende Rosadele per mano nel 1964 quando la ingaggia nella sua prima gara. Due volte campionessa assoluta italiana, un’esperienza importante e tragica in Argentina, la Targa Florio, le cronoscalate: un amore per i motori che diventerà anche matrimonio. In tutti i sensi.

Leggi tutto »
dopolavoro

Storie di calcio perduto. Il Torneo del Dopolavoro

Roma, Tuscolano, Cinecittà, tra gli anni ’50 e i ’60. Una piccola storia di calcio, di lavoro e di Dopolavoro. Una storia che ci restituisce in controluce un mondo che nel frattempo è cambiato più e più volte. Una storia che si intreccia con quella del campo Patti e di un ragazzo andato via troppo presto. Una storia di calcio perduto che non è mai stato minore.

Leggi tutto »
Jenny Hoffman

Jenny Hoffman. La professoressa dell’ultramaratona

Da San Francisco a New York solo correndo, più veloce di tutti, con più difficoltà rispetto ad altri, ma senza mai perdere di vista l’obiettivo. Jenny Hoffman ha seguito la sua passione, inseguito il suo sogno, vinto malanni, tempo, fatica e ha scritto il suo nome nel grande libro dei primati.

Leggi tutto »
Giovanni Di Veroli

Giovanni Di Veroli. Una vita coraggiosa

Giovanni Di Veroli, difensore della Lazio, primo e unico calciatore ebreo romano ad avere giocato in serie A. Una vita sportiva, una vita coraggiosa raccontata dal libro “Una stella in campo. Giovanni Di Veroli dalla persecuzione al calcio di serie A” dove la grande storia s’intreccia con la storia sportiva e familiare di Giovanni.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi