Paolo Cecinelli. In pensione con il party

Paolo "Cecio" Cecinelli va in pensione. 40 anni di sport vissuti, scritti e raccontati. 40 anni di giornalismo, ma anche 40 anni di amicizie che lo sport ha saldato con quelle emozioni che non ti lasciano per tutta la vita. Il saluto degli amici in una movimentata serata al Due Ponti Sporting Club, dove chi c'era si è esibito con insospettate virtu canore, mentre chi non poteva esserci ha mandato video messaggi un po' da tutto il mondo. Chi lo conosce bene, giura però che non rimarrà a lungo con le mani in mano. Aspettare per credere!
Paolo Cecinelli

Se devo fare una cosa che non ho mai fatto, ovvero cantare, ho bisogno dei coristi”.
Enrico Mentana si lancia così sulle note di Battisti con i colleghi de LA7 Paolo Celata, Riccardo Gullotta, Andrea Pancani, Flavia Filippi e Cristina Fantoni. L’occasione, al Due Ponti Sporting Club, è speciale: il “Cecio’s Retirement Party”. Paolo Cecinelli celebra così la conclusione di una lunga e brillante carriera giornalistica: dagli inizi, nel 1983 presso il Giornale, ad oggi, negli studi di La7 Sport, passando per il Corriere dello Sport, Tuttosport e TMC.

L’incredula e nostalgica partecipazione rispetto alla parola “pensione” di Paolo Cecinelli si è trasformata anche in una valanga di videomessaggi che portano il volto di Adriano Panatta, Paul Cayard, Jimmy Ghione, Mauro Bergamasco, Max Sirena, John Kirwan, Francesco De Angelis e Denny Cattaneo.

Nomi che testimoniano, solo in parte, la vita di un uomo dai mille volti: autore di diversi reportages, tra i quali vale la pena citare quello sulla Germania Sportiva Unita, realizzato il giorno dopo la caduta del Muro di Berlino nel 1989;  telecronista delle partite della Nazionale Italiana di rugby al Sei Nazioni e dell’America’s Cup 2007; inviato al Giro d’Italia, a tre Mondiali di Calcio, a quattro edizioni della Coppa America, a dieci Giochi Olimpici, tra invernali ed estivi, e a svariate Coppe del Mondo di sci.

Al party, tra le numerose le presenze di un’epoca sportiva: Enrico Mentana, Massimiliano Di Silvestre, Massimo Caputi, Nicola Colavita, la famiglia Piscioneri, Mauro Bergamasco, Pietro ed Emanuele Tornaboni, fondatori del circolo Due Ponti Sporting Club, da vent’anni meta preferenziale per il tempo libero di un giornalista, lo abbiamo detto, dai mille volti e con un solo cuore: lo sport.

Daniela Cursi Masella pubblicista e press officer. Sceneggiatrice e regista di “Come trovare nel modo giusto l’uomo sbagliato”, tratto dal suo omonimo istant book. Autrice del libro “Imperfetta” (Baldini & Castoldi Editore) e del reality “Campus Life Experience 2020".

ARTICOLI CORRELATI

L’atletica allena il coraggio

Quando non puoi fare qualcosa, puoi immaginare di poterla fare.
Nel dicembre del 1991 la vita di Cinzia Leone cambia; quello che lei aveva immaginato prima, adesso non va più bene.
Sembra tutto perso, ma non è così. Cinzia trova il coraggio di immaginarsi ancora, allena cervello e fisico e li costringe a inseguire la sua immaginazione fino a quando i due non si ricongiungono.
Si chiama riabilitazione, ma è molto meglio chiamarla atletica del coraggio.

Leggi tutto »
Laura Conz

Laura Conz. Migliorarsi sempre

Ex olimpionica, oggi bussola di un quartetto di stelle azzurre, Laura Conz chiede ai suoi atleti una ferrea organizzazione e una mentalità aperta verso il cavallo. Ma a bordo campo si chiede “Avrò fatto tutto il possibile per loro?”

Leggi tutto »
Giuseppe Borghi Ignis Poblet

Giovanni Borghi. La grande storia sportiva della Ignis

Giovanni Borghi con la sua Ignis accompagna l’Italia verso la modernità. Lo fa da industriale illuminato e migliora la vita degli italiani, ad iniziare da quella dei suoi operai. Innamorato dello sport, non lo pratica, ne capisce però per primo il valore per l’impresa. Pugilato, ciclismo, calcio, basket, canottaggio: investe di suo, non fa finanza, e i suoi atleti scrivono pagine di grande sport. Non dovremmo mai smettere di ringraziarlo. Possibilmente, dovremmo anche ricordarlo qualche volta di più.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi