Una botta e via

innocenti-0

Quando da ragazzino vedevo i match di Cassius Clay – così l’ho conosciuto – in televisione e in bianco e nero, non riuscivo ad appassionarmi al pugilato.

Non solo perché giocavo a pallacanestro e seguivo molto il calcio, il tennis, l’atletica, il ciclismo, lo sci e altri sport.

Ma perché non riuscivo a capire chi e cosa potesse giustificare il fatto che due atleti si gonfiassero di botte fino al rischio di vita.

Clay è stato sicuramente una gigantesca icona internazionale e per questo lo considero un “ingrediente” principale dei miei collage.

Mi interessa, mi piacciono molto i documentari e le testimonianze sul personaggio, soprattutto per i risvolti extra sportivi.

I suoi ultimi gesti e movenze (fiaccola olimpica) sono stati commoventi al pari di Woytila che, affaticato e sofferente, si affacciava su piazza San Pietro.

Però ricordo che di fronte ai big match con la telecronaca di – mi pare – Paolo Rosi, bellissima voce, non solo non mi appassionavo alle gesta dell’eroe, anzi provavo pena per chi subiva.

Ecco quindi che per me la figura protagonista di questa composizione non è né il carnefice né la vittima sacrificale, ma la Maddalena di Masaccio che implora pietà con il suo mantello rosso, i suoi modernissimi capelli biondi e il suo gesto disperato.

Me la immagino con le sembianze di Nicole Kidman. Una donna di una bellezza elegante, algida e composta che si scioglie in un pianto dirotto e disperato.

Mi fa pensare alle mogli, sorelle, figlie… di chi cadeva tramortito sul ring con i sopraccigli sanguinanti e la testa che ronzava vorticosa mentre i fotografi flashavano, il pubblico andava in visibilio e la voce del telecronista pompava forte.

Da ragazzo non avevo ancora questa sensibilità. Ma ora che rivedo le immagini di Alì però penso più ai danni che ha causato.

Anche il ratto delle Sabine di Giambologna (Loggia dei Lanzi, Firenze, 1574 circa), o meglio, l’urlo disperato della Sabina rapita, è l’urlo di dolore familiare della vittima che non solo soffre per il congiunto malmenato, ma deve anche sopportare l’inspiegabile entusiasmo del vicinato.

Marco Innocenti. Dal 2007 ad oggi, contestualmente all’attività di poster maker per il cinema, ha realizzato oltre 400 "ricollage" digitali stampati su tela con inserti manuali di carta strappata dai manifesti pubblicitari raggiungendo un pubblico di appassionati e collezionisti sia in Italia che all’estero. Ispirato a Mimmo Rotella, fa però uso della computer grafica per mixare frammenti di noti capolavori della pittura classica e delle arti figurative con manifesti e fotogrammi cinematografici e con i miti e gli eroi dello sport.

ARTICOLI CORRELATI

olimpiadi

La fiaccola, tradizione inventata

Il 23 luglio la fiaccola olimpica entrerà nello Stadio Nazionale di Tokyo e le Olimpiadi saranno ufficialmente aperte. Simbolo, icona, tradizione, nella fiaccola si rispecchia tutto lo spirito olimpico. Questa è la sua vera storia.

Leggi tutto »
menopausa

Menopausa. Allenamento per recupero funzionale ed estetico

L’attività fisica appare necessaria per controbilanciare e gestire il peggioramento costante della composizione corporea durante la menopausa. L’appello proviene da Luca Valerio di Lorenzo, trainer e chinesiologo. Ecco i suoi consigli per mantenere buonumore, bellezza, forza, velocità resistenza e flessibilità

Leggi tutto »
Secondi. Vite a bordo ring

Secondi. Vite a bordo ring. Il documentario

“È fighissima la vita a bordo ring. Non la cambierei con la vita a bordo di chissà che cosa” lo dice il Maestro Giorgio Maccaroni in “Secondi. Vite a bordo ring”, la serie documentaria ideata e prodotta da Sportmemory in collaborazione con la Wilson Basetta Boxing School. Un racconto dell’universo emotivo che si addensa intorno alle sedici corde, da oggi on line con la sua prima puntata.

Leggi tutto »
Paolo Cecinelli

Paolo Cecinelli. In pensione con il party

Paolo “Cecio” Cecinelli va in pensione. 40 anni di sport vissuti, scritti e raccontati. 40 anni di giornalismo, ma anche 40 anni di amicizie che lo sport ha saldato con quelle emozioni che non ti lasciano per tutta la vita. Il saluto degli amici in una movimentata serata al Due Ponti Sporting Club, dove chi c’era si è esibito con insospettate virtu canore, mentre chi non poteva esserci ha mandato video messaggi un po’ da tutto il mondo. Chi lo conosce bene, giura però che non rimarrà a lungo con le mani in mano. Aspettare per credere!

Leggi tutto »
Hector Roca

Hector Roca. Il Maestro cambia vita

Hector Roca, Maestro di campioni, stelle di Hollywood e di chiunque alla Gleason’s Gym volesse misurarsi con sé stesso salendo sul quadrato. Ricoverato in ospedale da prima di Natale, ieri notte il cuore lo ha lasciato e gli ha fatto cambiare vita. Perché così fanno i Maestri. Loro non muoiono, vanno solo altrove, e lui è sicuramente di nuovo a bordo ring a insegnare pugni e vita.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi