Jenny Hoffman. La professoressa dell’ultramaratona

Da San Francisco a New York solo correndo, più veloce di tutti, con più difficoltà rispetto ad altri, ma senza mai perdere di vista l’obiettivo. Jenny Hoffman ha seguito la sua passione, inseguito il suo sogno, vinto malanni, tempo, fatica e ha scritto il suo nome nel grande libro dei primati.
Jenny Hoffman

Andava fatto. Lei doveva correre. Da costa a costa, battendo il tempo. Chiudendo il record. Provando, fallendo, ma ce l’avrebbe fatta e alla fine Jenny Hoffman, 45 anni, a novembre scorso ha compiuto il suo sogno correndo da San Francisco a New York.
Ma la storia di Jenny e la sua corsa ha inizio anni fa.  
Jenny Hoffman è una professoressa, insegna fisica alla Harvard University, il suo campo è la fisica quantistica, ma fuori dal laboratorio è una ultrarunner; per lei la distanza di una classica maratona è qualcosa di simile ad un allenamento.
Nel settembre 2014 ha corso quasi cinque maratone consecutive in un solo giorno: 203 chilometri che le hanno fatto guadagnare il campionato nazionale nella 24-Hour Run di USA Track and Field, un’estenuante sfida di resistenza.
Non basta, non bastava.

2019

Jenny Hoffman insegue il FKT, il fastest known time, angolo del trail running dove l’atleta, senza gara o organizzazione, stabilisce un record su un determinato percorso.
I sogni ricorrenti esistono, poi ci sono i sogni che fai da piccolo e che continui a sognare da adulto ad occhi aperti.
Il sogno da bambina di Jenny Hoffman era di attraversare il Paese a piedi e il suo sogno, da adulta, le bussa alla porta. Nel 2019 decide e via: San Francisco – New York, 3.037 miglia. Interrotte, però.  Jenny si deve fermare ad Akron, in Ohio, il menisco destro non ne vuole sapere di andare avanti. In diverse interviste avrebbe poi definito quel primo tentativo come un “esperimento” riconoscendo, soprattutto a sé stessa, di non sapere esattamente a cosa stesse andando incontro.
Ovviamente Jenny non molla, non può.

Jenny Hoffman

2022

Jenny Hoffman lavora, si dedica alle sue ricerche di fisica quantistica, ma non smette mai di allenarsi. Nel 2022 torna ad accarezzare il suo sogno e si sente pronta per affrontare nuovamente il coast to coast. Anche questa volta, però, qualcosa si mette di traverso: pochi giorni prima di affrontare la sfida, un problema al tendine del ginocchio la ferma. Il sogno torna nel cassetto. Per ora.

Jenny Hoffman

 2023

Lavoro, fisioterapia, allenamento. La routine è un orologio svizzero per Jenny Hoffman. Nel frattempo decide di cambiare percorso; la nuova strada è Los Angeles-Boston, per una distanza quasi equivalente all’altra, abbastanza per scrivere il suo nome sul Guinness World Record per il quale il primato si ottiene percorrendo 2.790 miglia. Anche questa volta qualcosa si mette di traverso; a sole 24 ore dalla partenza per L.A. viene a sapere che dopo il passaggio dell’uragano Hilary, non c’erano percorsi accessibili ai runner alle porte della città.
Senza pensarci troppo, Jenny e il suo team cambiano meta e tornano all’idea originale: la San Francisco- New York si sarebbe fatta.
La grande corsa di Jenny Hoffman inizia così e questa volta non la ferma niente e nessuno.
47 giorni, 12 ore, 35 minuti: questi i numeri che consentono a Jenny di coronare il suo sogno, di battere di quasi una settimana il record precedente stabilito da Sandra Villines nel 2017 sullo stesso percorso e di vedere il suo nome nel Guinness dei primati.

Jenny Hoffman

 

Un sogno e una sfida

La corsa di Jenny Hoffman questo è stata: un sogno realizzato e una sfida vinta. Con il tempo, certo, ma in particolare con sé stessa. Nei 47 giorni di corsa Jenny si è ascoltata; in un’intervista ha rivelato di aver corso quasi sempre in silenzio, senza musica o audiolibri, concentrandosi sulla prossima meta come se fosse, e in effetti in quel momento lo era, l’obiettivo nella sua vita. Tutto il suo percorso è stato raccontato sui social, usati come il suo diario personale.“È stata un’esperienza unica nella vita e voglio ricordarmela” così ha detto Jenny.
Noi le auguriamo di ricordare e anche di non smettere mai di correre.

 

Rachele Colasante nata a Roma nel 1999, da sempre incuriosita dalle storie, studia Lettere a RomaTre cercando di scrivere la sua al meglio. Ancora non sa dove la condurrà il suo percorso, ma per ora si gode il paesaggio.

ARTICOLI CORRELATI

Vittorio Sella

Vittorio Sella. Fotografo sopra le nuvole

Bellezza assoluta, appagante, estatica. Innamorato della montagna, Vittorio Sella la traduce con il suo talento fotografico. Un talento che fa parlare le sue fotografie eroiche a chiunque abbia abbastanza cuore per vederle, ma anche abbastanza animo per “sentirsele” dentro.

Leggi tutto »

Un secolo di azzurro

100 anni di calcio della nazionale italiana raccontati con immagini e cimeli. Un viaggio nella passione, nelle sfide, nelle sconfitte e nelle vittorie degli uomini del grande cuore azzurro.

Leggi tutto »
Rolling Stones

Rolling Stones. L’estate Mundial del 1982

L’estate irripetibile del 1982 e un 11 luglio che nessuno ha dimenticato. Il giorno del riscatto, il giorno della Coppa del Mondo alzata al Santiago Bernabeu vincendo contro la Germania. Il giorno di un’Italia in festa. A Torino quel giorno accade però qualcosa in più; allo Stadio Comunale suonano i Rolling Stones. Chi quel giorno c’era, veramente non ha mai più dimenticato.

Leggi tutto »
Gigi Riva

Gigi Riva, Zagor e Tex Willer

Giocavamo con le Superga in tela blu, i mocassini e persino gli improbabili sandali estivi, ma chi di noi non ha urlato mentre smarcava e spintonava per arrivare a rete “…Rivaaa, Rivaaa, ecco Riva…tiro…goaaaallll!!!” e poi via, braccia al cielo proprio come fossimo lui. Proprio lui che nessuno di noi era, ma che tutti noi sognavamo di essere.

Leggi tutto »
Alberto Mandolesi

Alberto Mandolesi. Voce di Roma

Alberto Mandolesi, signore del giornalismo, per quasi 50 anni voce narrante giallorossa, tifoso appassionato e trasparente, Cavaliere della Roma che salutiamo con affetto e che mancherà a tutti

Leggi tutto »
Patrick De Gayardon

Patrick De Gayardon. Tra cielo e terra

Capace di volare come nessuno prima, capace di sognare come nessuno dopo. Una vita oltre l’estremo, fortemente voluta, immensamente amata, Patrick de Gayardon è ancora dove voleva essere. Tra cielo e terra.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi