Search
Close this search box.

Ernesto Duchini. Il maestro del calcio argentino

Se il calcio argentino ha un maestro, non può essere altri che lui. Calciatore con il Chacarita sin dagli anni'30, alla fine degli anni '40 si siede dall'altra parte del campo. Venti anni come responsabile tecnico e altri venti da supervisore della nazionale giovanile. Una vita passata a vedere campioni dove altri vedevano solo ragazzi. Ernesto Duchini ha avuto una vita straordinaria e questa è la sua storia
Ernesto Duchini

Come tutto nella mia vita, le cose accadevano ad una velocit√† supersonica. Non erano ancora trascorsi¬†tre mesi dall’esordio con l’Argentinos che arriva la convocazione con la nazionale giovanile“.¬†
√ą Don Ernesto Duchini, “un maestro, un vero maestro”,¬†a selezionare Diego Armando Maradona per la sua prima con la maglia albiceleste. Il raduno prevede una partitella con la prima squadra, anno 1977, ci sono Passarella, Houseman, Kempes.
Duchini allerta El Flaco Menotti, ma non serve, il talento del pibe de Villa Fiorito √® secondo solo all’attesa di quello che potr√† essere. Dopo tre sessioni di allenamento, El Flaco lo chiama a s√© chiedendo di non rivelare a nessuno, tranne ai genitori, un piccolo segreto: la chiamata con la Selecion alla prossima amichevole con l’Ungheria.

Ernesto Duchini è davvero il gran maestro del calcio argentino

Quaranta anni, venti da responsabile tecnico e venti da supervisore, della nazionale giovanile.
Generazioni di campioni, promesse mantenute e meteore, sono state scrutinate dal tecnico di Barrio Norte del distretto di Buenos Aires, ma cresciuto anche calcisticamente, nella Chacarita.

El Kun, El Payaso, El Cuchu, El Fideo, La Pulga, El Conejo, El Cholo, El Apache…tutti, proprio tutti sono passati da qui. Nessuno ha vinto pi√Ļ mondiali under 20 dell’Argentina, ben sei su 22 edizioni.

(Ernesto Duchini, Diego Armando Maradona, César Luis Menotti)

1979. La prima volta è storia

Menotti in panchina, Duchini selezionatore e responsabile di tutta la fase di preparazione al torneo giapponese.
L’Argentina √® fortissima, sono ragazzi che gi√† bussano alla porta dello spogliatoio dei campioni del mondo di un anno prima. El gran capit√°n √® lui, Diego, non ha ancora diciannove anni, ma insegue gi√† rivincite. Lui rispetta El Flaco, pende dalle sue labbra, ma una maglia tra i ventidue per il mondiale di casa pensava di meritarla. Ora √® qui a Tokyo per cominciare a scrivere la storia come dice lui, dal riscaldamento – quando delizia il pubblico con numeri da applausi – ai novanta di gioco quando dirige una squadra che vuole vincere divertendosi.¬†
Dice Diego della sua banda pi√Ļ bella: “C’era Sergio Garcia, il portiere del Tigre; Abelardo Carabelli ex Huracan poi Argentinos; Juanchi Simon e El Gringo Sperandio del Newell’s; Ruben Juan Rossi del Colon; Huguito Alves e Bachino del Boca; Juancito Barbas e Gabi Calder√≥n del Racing; Osvaldito Rinaldi del San Lorenzo; Pichi Escudero del Chacarita; Ramon Diaz del River; Jorge Piaggio e Alfredito Torres dell’Atlanta, El Flaco Lanao del Velez e poi Tucu Meza, Barrera…fortissimi, tutti tecnicamente dotati e di temperamento. E poi avevamo due insegnanti di calcio e di vita, Duchini e Menotti, le loro parole, i silenzi. Non ho pi√Ļ giocato in una squadra cos√¨“.¬†¬†

“Libertad! Libertad! Libertad!”

Il 26 agosto 1979 quando le note dell’inno argentino risuonano all’Omiya Stadium per la partita d’esordio con l’Indonesia, Maradona ha gi√† collezionato sei presenze con la nazionale maggiore tra cui la bellissima sfida dell’Olimpico di Roma dove l’Italia gioc√≤ alla pari, anzi meglio, dei¬†campioni. Eppure √® concentratissimo, sente la responsabilit√† di confermare che l’Argentina, giovane o meno che sia,¬†√® la prima forza del pianeta e che non ci sono chiacchiere n√© complotti. Conta solo giocare meglio degli altri, anzi non fargliela vedere proprio la palla.¬†
I malcapitati indonesiani limitano i danni, cinque reti al passivo non sono nemmeno troppe considerata¬†la differenza di valori. L’Argentina gioca poesia, gran possesso palla, linee di passaggio che non vedi e dribbling che non pensi, difesa solida ed una linea offensiva terrificante. Saranno 20 reti a fine torneo, otto per la bocca da fuoco Ramon Diaz, sei per Diego.¬†

Cacharita
(Ernesto Duchini, secondo in piedi da sinistra, nel Cacharita. Photo credit: Cacharita Digital)

Si gioca ogni due giorni

Vittoria di misura contro l’incompiuto, ostico puzzle della Yugoslavia, 4-1 con la Polonia, primo posto nel girone. Maradona apre lo score dopo 25′ nel quarto di finale con l’Algeria. Non c’√® storia, Calderon e Diaz archiviano la pratica con altre quattro reti, ma a fine partita c’√® un’aria pesante.
L’ego di Maradona non ha gradito la sostituzione a mezz’ora¬†dalla fine, sbatte i pugni, non si presenta alla cena, non pensava di dover spiegare che lui…lui vuole giocare sempre e comunque. “Gli altri si stancano di corrermi dietro, io non mi devo riposare“.
Duchini non fa una piega, ne ha viste di tutti i colori, sa come far sbollire l’esuberanza fine a s√© stessa e parla solo dell’Uruguay, prossimo ostacolo e “si capir√† sul campo chi pensa ad altro”.¬†

√ą una semi vera, tosta

Un River vs Boca tra rivali che non hanno bisogno di ulteriori motivazioni per battersi. Il palcoscenico ideale per Maradona, sempre pronto a dimostrare qualcosa al mondo, dai mulini al vento ai segni dei tacchetti sui suoi stinchi. Assist per El Pelado Diaz e firma tutta sua sul raddoppio, di testa. 
La finale con l’Unione Sovietica √® del 7 settembre, sesta partita in dodici giorni. Maradona non dorme, tanta √® la tensione.
Oppure dorme ad occhi aperti.
Il film √® sempre lo stesso, lui dalle scale dell’aereo agitando la Coppa verso Don Diego e La Tota, verso la folla. El Flaco, senza consultare Duchini, comunica a Diego che a torneo finito dovr√† direttamente raggiungere, con lui, la Selecion maggiore.
Gli sembra una mossa motivazionale in pi√Ļ, non √® cos√¨. Diego sorride, ma non spiccica parola e torna in camera a non dormire. Lui deve tornare con la Coppa per quella gente che si alzer√† all’alba per vedere la finale venerd√¨. Diego divide insonnia e tormento con Juan Barbas che proprio la notte prima dell’esame finale lo tira gi√Ļ dal letto strillando: “Dieguito, le nostre licenze militari scadono…dobbiamo rientrare a casa subito dopo la finale, non puoi andare da nessun’altra parte“. Si abbracciano come fosse goal, la consapevolezza di vincere da sogno diventa qualcos’altro.¬†

Ernesto Duchini
(Ernesto Duchini, tempo libero e passioni)

La finale è finale degna

I sovietici meno fisici della Celeste ma tosti. Primo tempo senza occasioni, ma con il pallino argentino e la sensazione che sia questione di tempo. Invece, passa l’URSS a sorpresa. Come sorprendente √® la reazione lucida dell’Argentina. Otto minuti, Alves e poi naturalmente¬†Ramon Diaz, prima del sigillo finale di Diego su calcio piazzato, chirurgico: 3-1 Argentina Campeon.
Ernesto Duchini, 69 anni, si¬†arrampica sul tetto del mondo con i suoi ragazzi, ripensa all’amicizia con Cesarini che √® andato avanti da tanto e festeggia come sa, abbracci tanti parole poche.¬†Per Diego il trofeo del migliore di tutti, il primo pensiero per La Tota, il mate che passa di mano in mano, il domani che gli appartiene.¬†

Ernesto Duchini resta al comando delle operazioni fino al 1994, ormai ottantaquattrenne

La sua semina produce altri cinque successi tra il 1995 ed il 2007.
Sono gli anni di¬†Juan Pablo Sorin,¬†Walter Samuel,¬†Esteban Cambiasso,¬†Pablo Aimar, Juan Roman Riquelme, Nicolas Burdisso, Andr√©s D’Alessandro, Maxi Rodriguez.

Il 2005 √® l’anno di Leo Messi con¬†Ezequiel Garay,¬†Pablo Zabaleta,¬†Fernando Gago,¬†Lucas Biglia¬†e¬†Sergio Ag√ľero¬†stella che¬†brillera’ ancora di piu’ nel 2007 con¬†Sergio Romero,¬†√Čver Banega,¬†√Āngel Di Mar√≠a,¬†Mauro Z√°rate¬†ecc. ecc. per questa miniera senza fondo tra le Ande ad ovest e l’Atlantico ad est.¬†

 

…………..

Se vuoi leggere altre storie di Roberto Amorosino clicca qui per acquistare il suo libro

 

Venti di calcio

Roberto Amorosino romano di nascita, vive a Washington DC. Ha lavorato presso organismi internazionali nell'area risorse umane. Giornalista freelance, ha collaborato con Il Corriere dello Sport, varie federazioni sportive nazionali e pubblicazioni on line e non. Costantemente alla ricerca di storie di Italia ed italiani, soprattutto se conosciuti poco e male. "Venti di calcio" è la sua opera prima.

ARTICOLI CORRELATI

Eiger

Eiger. Parete nord

Cos‚Äô√® una parete di ghiaccio o di roccia? Non si sa, cambia ogni giorno, ogni ora. La parete nord dell‚ÄôEiger √® un enigma. Si pu√≤ provare a risolverlo e ci provano i migliori, i pi√Ļ temerari, i pi√Ļ coraggiosi. √ą qui che l‚Äôalpinismo diventa altro da s√© restando s√© stesso.¬†

Leggi tutto ¬Ľ
Borgorosso

Totò, Sordi, Banfi. Quando il calcio è cinema.

C’√® il calcio giocato, sogni inseguiti, qualcuno infranto. Poi c’√® il calcio raccontato, anche questo con sogni inseguiti e qualcuno infranto. Grande giacimento di cultura popolare, il calcio non √® mai sfuggito al cinema, che ne ha preso spunto per raccontare storie e tipi umani in tutti i suoi linguaggi, dal comico al goliardico sino a quello intimo e a volte drammatico. Cinema d’autore, cult movie o anche b-movie, quando il cinema ha incontrato il calcio √® sempre stato uno spettacolo.

Leggi tutto ¬Ľ
Riccardo Acerbi

Riccardo Acerbi. Sport tra ciack e click

Fotografo, attore, film maker e sportivo.Dal tuffo nelle onde gelide a largo di Cape Town, passando per Londra e Milano, in giro per l‚ÄôItalia e per il mondo, dovunque il suo lavoro come testimonial di un noto brand internazionale lo stia portando, Riccardo Acerbi non vede l‚Äôora di tornare a casa, nella sua amata Roma. Oggi con un motivo in pi√Ļ.

Leggi tutto ¬Ľ
grammatica dello spogliatoio

Lo spogliatoio. Grammatica della felicità

Se giocare al calcio significa muoversi dentro un paradigma di vita, senza alcun dubbio è nello spogliatoio, con i suoi codici e i suoi simboli, che si forma la grammatica della piccola felicità, quella che ricorderai per tutta la vita. Se non ci avete mai fatto caso, allora vuol dire che non avete mai giocato in Categoria.

Leggi tutto ¬Ľ
Jod Ke Tod

Jod Ke Tod. La competizione delle piramidi umane

Unico nel suo genere, il Jod Ke Tod della Red Bull è una competizione che riprende le modalità del tradizionale Dahi Handi indiano, rito ancestrale dedicato al dio Krishna. Una vera e propria sfida che vede competere gruppi di uomini, donne e bambini impegnati a creare una piramide umana per raggiungere un vaso di terracotta ricolmo di vernice.

Leggi tutto ¬Ľ
Charles Lindbergh

Charles Lindbergh. L’avventura di Aquila Solitaria

Il volo come unico credo, un premio e il tempo che sembra non passare. Charles Lindbergh arriva dove altri hanno fallito: nel 1927 la prima trasvolata atlantica New York-Parigi in solitaria √® la sua. L’impresa lo far√† diventare uno dei personaggi pi√Ļ noti di ogni tempo. Ne avr√† fama, denaro e successo ma, come spesso accade nelle vite straordinarie, anche tragedia.

Leggi tutto ¬Ľ



La nostra newsletter
Chiudi