Search
Close this search box.

Albert Spalding. Il Gran Tour del Baseball

Spalding, un nome che dice tutto. Anzi, quasi tutto. Non dice del Grand Tour del baseball voluto da Albert Spalding, prima giocatore, poi presidente e co-proprietario dei Chicago White Stockings (ora Cubs). Non dice dell'incredibile viaggio che tra il 1888 e il 1889 portò il Chicago e l'All American Team a giocare in tutto il mondo. Un'avventura sportiva che guardava già al futuro, ma soprattutto una grande impresa romantica
Spalding

Sette anni di Major League Baseball, il miglior lanciatore degli anni (milleottocento)settanta, poi presidente e co-proprietario dei Chicago White Stockings (ora Cubs). Il suo strike out pi√Ļ bello resta per√≤ nel mondo degli affari. Apre un piccolo negozio di sport, 800 dollari di capitale. Si chiama Albert Spalding. Sono Spalding i primi guanti da ricevitore, la palla spicchi del basket NBA, la racchetta da tennis di Pancho Gonzalez, le mazze e palline da golf dei pi√Ļ forti. Materiali, manifattura, linea di abbigliamento e sponsorizzazioni, il marchio sbarca sulla quinta strada ed il piccolo impero ancora si difende dal quartier generale di Bowling Green, Kentucky.

Albert Spalding combina il sogno e la realtà come solo negli USA sembra possibile

Il suo capolavoro √® forse il meno reclamizzato, di sicuro il meno remunerativo. √ą un’impresa romantica.
Nell’inverno 1888 porta il baseball, il gioco pi√Ļ bello, dove non c’√®. Australia, Asia, Africa, Europa. Inimmaginabile. Giura: tornare in tempo utile per il primo lancio dal monte della nuova stagione. Folle idea, ma gli ronza nella testa da un po’. Tira e molla il progetto prende forma, concede il compromesso, si andr√† solo in Australia passando per√≤ per il West dove il batti e corri fatica a prendere piede. Visionario, missionario, pioniere. Lui si vuole divertire. Riesce a convincere Cap Anson, la miglior prima base in circolazione, a firmare per Chicago, anche lui sposa la causa. Il resto della squadra segue e poi, uno ad uno, tanti altri giocatori delle varie formazioni major. Coinvolge i giornali, chiede alla Casa Bianca di benedire la spedizione. Il POTUS, Grover Cleveland, accetta di buon grado.

Spalding Baseball tour

Chicago e St. Louis sono piazze importanti, ma in Iowa il grande baseball non si è mai visto

E poi Minnesota, Nebraska, Colorado, Utah ed infine California. Si gioca sempre tra Chicago White Stockings vs All America team. Ovunque √® un successo. Da San Francisco la nave porta all’isola di Sandwich, Hawaii. Il 25 novembre √® domenica, e la domenica non si pu√≤ giocare n√© divertirsi pi√Ļ di tanto. Meglio tirare diritti che l’Australia non √® dietro l’angolo. L’esperienza entusiasma, la Nuova Zelanda in fondo non √® cos√¨ lontana, nemmeno Natale e l’anno nuovo. Albert riprende a parlare di continuare il tour, di scrivere la storia, raggiungere l’Europa, non avere limiti in un’impresa oltre lo sport. I suoi collaboratori prendono contatti con vari paesi, i giocatori sono con lui, lui sa come piegare le resistenze. Si gioca, si guadagna, ci si diverte. Se c’√® del pubblico bene, se non c’√® ci sar√†, il baseball √® sano, la rivalit√† tra le due squadre altrettanto, si fa festa insieme.

Spalding 1889 Piramidi
(Chicago White Stockings vs All America Team sulla Sfinge)

Ceylon fermata esotica prima di raggiungere l’Egitto

Nove innings all’ombra delle piramidi, uno spettacolo senza precedenti. Albert aveva gi√† visto tutto nella sua immaginazione. Giocare dove nessuno avrebbe mai pensato, la bellezza del baseball, l’imponenza della storia. John Healy √® il pitcher di Indianapolis. √ą di Cairo, Illinois. Da quel giorno, tra cammelli e pietre, sar√†, per tutti, John l’egiziano.

Spalding 1889 Colosseo
(Chicago White Stockings vs All America Team al Colosseo)

Dagli egizi ai romani come sui libri di scuola. Da Cheope al Colosseo

Il 15 febbraio 1889 il Chicago Tribune segnala che le autorit√† italiane hanno rifiutato di concedere la disponibilit√† di qualsiasi spazio all’interno dell’anfiteatro. Albert non capisce, bussa alla porta del Vaticano, Leone XIII non risponde, Albert continua a non capire. Alla fine, al Colosseo ci si va per una foto ed una visita guidata, mentre a Villa Borghese si gioca una bella partita, tirata, 3-2 per i CWS. A Parigi invece ci si scontra con le ultime settimane di lavoro per la Torre Eiffel, non ancora simbolo, ma colosso di ferro. Chi passa per Champs de Mars trova le due squadre a dare spettacolo, il rumore delle mazzate non √® mai stato cos√¨ iconico.

1899 Baseball tour
(Chicago White Stockings e All America Team a Villa Borghese)

Il 25 marzo le cronache registrano un viaggio avventuroso verso Londra

Sono 34 km per Dover, ma la traversata √® un mezzo incubo. Mare agitatissimo, non una buona idea mandare gi√Ļ del succo d’arancia, solo un paio di ragazzi reggono di stomaco. “Nemmeno il Re ci vuole”. Ma non √® cos√¨, anzi al Kennington Oval tra gli ottomila spettatori c’√® il principe di Galles, che sar√† poi re Edoardo VII, che vuole vedere la partita, incontrare Spalding, comprendere le regole.
¬†Albert¬† Spalding va ancora pi√Ļ in l√†. Con semplicit√† tutta yankee, contraccambia con pacche sulle spalle che inorridiscono l’entourage reale. Si gioca a Londra, ma anche a Manchester e Liverpool e poi Scozia ed Irlanda dove tutti chiedono di baciare la Blarney Stone. Gli inglesi, competitivi nel sangue, insistono per confrontarsi anche a cricket e rounders dove hanno rivincita facile. Gli americani stanno al gioco, perdono ma poi al pub non sfigurano.

L’ultimo incontro √® del 20 aprile 1889

La nuova stagione di MLB √® alle porte. Il pi√Ļ grande tour nella storia dello sport si conclude a New York dove il rientro √® salutato da migliaia di tifosi. C’√® Teddy Roosevelt, c’√® Mark Twain tra canti e bandiere di stelle e di strisce.
L’8 maggio 2018, 129 anni dopo (!), la MLB annuncia l’accordo che prevede la disputa di incontri tra Red Sox e Yankees, rivali che pi√Ļ rivali non si pu√≤, al London Stadium. Si √® gi√† giocato in Canada, Australia, Giappone, Messico e Portorico, ma mai in Europa. Il football NFL √® arrivato prima a Wembley sull’onda di una popolarit√† dilagante.
Il baseball √® ancora il gioco degli americani, il Super Bowl √® lo show numero uno, NBA finals e Stanley Cup sono vicine, ma il baseball √® stato il primo sport professionistico ed ancora racconta l’America meglio di ogni altro.
Albert Spalding, da casa base, osserva e strizza l’occhio.

 

…………………

Se vuoi leggere altre storie di Roberto Amorosino clicca qui per acquistare il suo libro

Venti di calcio

Roberto Amorosino romano di nascita, vive a Washington DC. Ha lavorato presso organismi internazionali nell'area risorse umane. Giornalista freelance, ha collaborato con Il Corriere dello Sport, varie federazioni sportive nazionali e pubblicazioni on line e non. Costantemente alla ricerca di storie di Italia ed italiani, soprattutto se conosciuti poco e male. "Venti di calcio" è la sua opera prima.

ARTICOLI CORRELATI

matrimonio Luis Vinicio

Luís Vinicio. Il matrimonio di un campione

22 giugno 1957, Basilica di San Francesco. A piazza Plebiscito la gente si accalca e l’aria √® quella della festa grande. Luis Vinicio e Flora Aida Piccaglia si sposano e i tifosi sono l√¨ per vivere e festeggiare un momento di felicit√† corale con il loro capocannoniere. Una felicit√† che noi respiriamo negli scatti, mai pi√Ļ visti da allora, di Riccardo Carbone .

Leggi tutto ¬Ľ
Vittorio Sella

Vittorio Sella. Fotografo sopra le nuvole

Bellezza assoluta, appagante, estatica. Innamorato della montagna, Vittorio Sella la traduce con il suo talento fotografico. Un talento che fa parlare le sue fotografie eroiche a chiunque abbia abbastanza cuore per vederle, ma anche abbastanza animo per “sentirsele” dentro.

Leggi tutto ¬Ľ
Spalding

Albert Spalding. Il Gran Tour del Baseball

Spalding, un nome che dice tutto. Anzi, quasi tutto. Non dice del Grand Tour del baseball voluto da Albert Spalding, prima giocatore, poi presidente e co-proprietario dei Chicago White Stockings (ora Cubs). Non dice dell’incredibile viaggio che tra il 1888 e il 1889 port√≤ il Chicago e l’All American Team a giocare in tutto il mondo. Un’avventura sportiva che guardava gi√† al futuro, ma soprattutto una grande impresa romantica

Leggi tutto ¬Ľ

Mani in alto (questa è una schiacciata)

Un salto nello Spazio. Sicuri che Paola Egonu non sia un’extraterrestre? Un salto nel Tempo. Sicuri che Botticelli non abbia pensato a lei per dipingere la nascita di Venere? Un salto nel Mito. Sicuri che non siano Zefiro e Cloris a farla alzare fino quasi a toccare il cielo?

Leggi tutto ¬Ľ



La nostra newsletter
Chiudi