Abebe Bikila. Il maratoneta scalzo

Tutti lo ricordano come il vincitore scalzo della maratona dell’Olimpiade di Roma 1960. Ma Abebe Bikila non era solo un atleta straordinario, iconico e inarrivabile. La sua vita, spentasi a solo 41 anni, sembra uscita dalla fervida fantasia di uno sceneggiatore di Hollywood.
Abebe Bikila

Era la prima volta nella storia delle Olimpiadi che una maratona non si concludeva dentro uno stadio. Ma quella incredibile serata romana del 10 settembre 1960 avrebbe consegnato alla storia uno dei più grandi atleti mai esistiti, e perciò meritava uno scenario più degno. I 42.195 metri si snodavano dalla partenza al Campidoglio fino all’arrivo al Colosseo, passando per i Fori Imperiali, l’Appia Antica e coinvolgendo perfino un tratto di GRA, cosa oggi impensabile. La partenza era suggestivamente fissata alle 17.30, in modo che ai colori infuocati del tramonto romano man mano si sostituissero i fuochi delle torce che ardevano lungo il percorso. L’Arco di Costantino, illuminato a giorno da grandi riflettori, era già pronto ad accogliere gli atleti dell’ultima prova della XVII Olimpiade dell’era moderna. Abebe Bikila era tra di loro.

Tre atleti gareggiarono senza scarpe

Ai piedi della scalinata del Campidoglio si presentarono sessantanove concorrenti in rappresentanza di trentacinque Nazioni. Gli italiani erano tre: Francesco Perrone, Silvio De Florentiis e Vito Di Terlizzi. Con sorpresa e disappunto, il pubblico presente si accorse che ben 3 atleti erano scalzi e avrebbero gareggiato senza scarpe: l’indiano Rhago Yaimal e gli etiopi Abebe Wakgira e Abebe Bikila.

Abebe Bikila

Il pettorale numero 11

Abebe Bikila indossava una canottiera verde, i pantaloncini rossi e aveva l’11 come numero di pettorale. Di lui si sapeva molto poco. Membro della guardia reale del Negus Hailé Selassié, si era qualificato per i giochi con il tempo sorprendente di 2h21’23’’, risultato straordinario perché ottenuto ai 2400 m di altitudine di Addis Abeba, ma nell’ambiente non si dava particolare credito a questo dato. Del resto, lo sconosciuto etiope aveva già 28 anni ed era solo alla sua terza maratona. I favoriti per la medaglia erano il marocchino Rhadi, l’inglese Kiley, il belga Van den Driessch e i due russi, che avevano preparato addirittura una tabella di marcia aggiustandola ai tempi del primatista del mondo, il leggendario Emil Zatopek. Ma negli occhi di Bikila si poteva leggere determinazione infinita: neppure le bellezze della città che aveva intorno riuscirono a distrarlo dal suo dorato obiettivo.

Ma perché corse scalzo?

Se lo sono chiesto in tanti, nel corso del tempo. Una delle teorie più accreditate racconta che Bikila sostituì il titolare Abebe Wakijera, che si era infortunato, ereditando le Adidas messe a disposizione dalla Federazione. Tuttavia, essendo le scarpe di qualche numero più piccole, alla fine il maratoneta decise di gareggiare a piedi nudi.
Quello che è certo è che Bikila era abituato a correre scalzo. Qualche settimana prima delle Olimpiadi, il suo allenatore, lo svedese Oni Niskanen, che tra l’altro era pure responsabile della Croce Rossa in Etiopia, gli fece correre la distanza di 32 km sia con le scarpe che senza. A piedi nudi Abebe Bikila impiegò 1h45’, circa un minuto e mezzo in meno che con le scarpe!

Abebe Bikila

La sfida con Rhadi

Al chilometro 20 il gruppo si era già sfaldato. La vittoria finale, salvo imprevisti, era una questione a due tra il campione marocchino e il carneade etiope. La corsa leggera e ritmata di Bikila conquistò presto il pubblico assiepato lungo i bordi del percorso. Neppure il basolato della Città Eterna seppe creargli fastidi. Anzi, al chilometro 41 Bikila scappò via al rivale, che non lo riprese più. Il vincitore tagliò il traguardo posto sotto l’Arco di Costantino con il tempo di 2h15’16”, nuovo primato mondiale. Anziché abbattersi al suolo per la stanchezza, Bikila si esibì in alcuni esercizi di stretching, mostrando una invidiabile, incredibile freschezza.

La leggenda Bikila

E fu l’apoteosi. Adesso tutti sapevano chi fosse Abebe Bikila, il più grande maratoneta africano e, probabilmente, il migliore mai esistito. Il campione si ripeté 4 anni dopo, ai Giochi di Tokyo, facendo registrare il nuovo record del mondo: 2h12’12’’. Stavolta, però, indossando delle anonime scarpette bianche. Sorprendentemente, i pronostici della vigilia lo vedevano soccombere nei confronti dell’australiano Clarke, del britannico Heatley e del beniamino di casa Tsuburaya, semplicemente perché Bikila era stato operato di appendicite poche settimane prima.
A Messico ’68 Abebe Bikila avrebbe potuto addirittura realizzare la tripletta, ma un brutto infortunio alla gamba lo mise fuorigioco. La vittoria, per la cronaca, andò a un suo compagno di squadra: Mamo Wolde.

Abebe Bikila

Una fine tragica

Nel 1969 l’eroe etiope fu coinvolto in un brutto incidente automobilistico che gli recise alcune vertebre, perdendo l’uso di quelle gambe con le quali aveva conquistato il mondo. Ma Abebe Bikila non perse lo spirito competitivo: si cimentò con il ping-pong e partecipò addirittura alla gara di tiro con l’arco ai Giochi Paralimpici di Heidelberg 1972.
Se lo portò via un’emorragia cerebrale l’anno successivo, a soli 41 anni.
Oggi, lo stadio olimpico di Addis Abeba porta il suo nome. Sulla sua tomba si legge un’epigrafe in tre lingue: amarico, italiano e giapponese.
Nell’estate del 2022 a Roma gli è stata intitolata la strada che collega via Laurentina a via Tor Pagnotta.

 

 

 

 

 

Davide Zingone Napoletano classe ‘73, vive a Roma dove dirige l’agenzia letteraria Babylon Café. Laureato con lode in Lingue e Letterature Straniere e in Scienze Turistiche, parla correntemente sei lingue. È autore della raccolta di racconti umoristici "Storie di ordinaria Kazzimma", Echos Edizioni, 2021; del saggio “Si ‘sta voce…”, Storie, curiosità e aneddoti sulle più famose canzoni classiche napoletane da Michelemmà a Malafemmena, Tabula Fati, 2022; e di “Tre saggi sull’Esperanto”, Echos Edizioni, 2022.

ARTICOLI CORRELATI

Blakey Johnston

Blakey Johnston. Surfista da record

Infezioni, disidratazione, ipotermia e squali sono alcune delle sfide che Blakey Johnson ha dovuto affrontare nelle acque di Cronulla Beach, Australia. Una grande passione, una buona causa e una promessa da mantenere per battere il record mondiale della più lunga sessione di surf. È così, con 40 ore e 660 onde, che Blakey è entrato nella storia.

Leggi tutto »
Rosadele Facetti

Rosadele Facetti. Una storia di famiglia

L’officina di famiglia, i motori come panorama quotidiano, i racconti del padre pilota, ifratelli che ne ricalcano le orme. Il destino, che aspettava solo il momento giusto, prende Rosadele per mano nel 1964 quando la ingaggia nella sua prima gara. Due volte campionessa assoluta italiana, un’esperienza importante e tragica in Argentina, la Targa Florio, le cronoscalate: un amore per i motori che diventerà anche matrimonio. In tutti i sensi.

Leggi tutto »
Clarenore Stinnes

Clarenore Stinnes e quel giro intorno al mondo

Nel 1929, la ventottenne Clarenore Stinnes entra nella storia. È lei la prima donna a compiere un giro completo intorno al mondo in macchina. Dai Balcani fino a New York, passando per Pechino, Clarenore insegue il sogno di una vita a quattro ruote.

Leggi tutto »
Anna Magnani

Anna Magnani. Un giorno di settembre

Anna Magnani in un giorno di settembre. Non il 26 del 1973, ma il 14 del 1952. Non il giorno della sua morte, ma un giorno di vita felice. Al Gran Premio di Formula 2 di Modena, ci piace ricordarla bellissima e spensierata.

Leggi tutto »
Portiere

Il portiere. Quello vero

Una storia di campo. Un campo della popolosa e popolare periferia romana. La storia di un portiere, uno che “poteva”, ma al quale un destino di traverso gli ha fatto perdere il treno, quello delle grandi occasioni. Poi è tornato a giocare sullo stesso campo. Sempre in porta, naturalmente, e ai bambini che gli chiedono come si fa a diventare portiere, lui svela un segreto.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi