Gastone Nencini e il treno galeotto

Una piccola storia, un aneddoto che fotografa il tempo. È il 1960 quando Gastone Nencini vince il Tour de France, un trionfo per il ciclista intrepido delle discese. Il rientro in Italia è in treno ed un trionfo è quello che lo attende alla stazione di Firenze. A Bologna qualcuno sale sul treno e lo raggiunge. Qualcuno che, in un'Italia ancora ferma su sé stessa, a Firenze si dovrà nascondere
Gastone Nencini

Gastone Nencini era un toscanaccio di Barberino del Mugello che fumava come un turco, prima e dopo ogni corsa. Aveva una bella faccia da attore, un duro dal cuore tenero, ed era un discesista spericolato, al limite della follia. Un corridore che non aveva paura di niente dall’animo battagliero, soprannominato il Leone del Mugello. Toscano fino al midollo, ma stranamente di poche parole e allergico alle interviste, per cui lo chiamavano anche Mistero.
In carriera vinse un Giro d’Italia, sfiorandone altri due, e un Tour de France, che gli valse un altro soprannome: Nuvola gialla. Persino il presidente De Gaulle, in quei giorni nel mirino di quanti si opponevano all’indipendenza algerina, pensò bene di sfidarli scendendo tra la folla senza scorta per stringere la mano a quell’italiano in maglia gialla.

Gastone Nencini

Il treno galeotto

Insomma, un corridore entrato nella storia del ciclismo e ricordato ancora oggi per le sue grandi imprese sportive, anche se ai miei occhi la sua impresa più memorabile resta quella compiuta insieme alla moglie nel 1960 sul treno nel tratto appenninico tra Bologna e Firenze. Non ci sono immagini, ma il racconto della signora Maria Pia è storia.
Cronaca. Siamo nel 1960 e ai tempi l’utilizzo dell’aereo non era ancora così diffuso, ragion per cui dopo la vittoria al Tour, Gastone Nencini per tornare da Parigi usò il treno. Alla stazione di Firenze lo aspettavano il sindaco, la banda e tutte le autorità per festeggiarlo. C’era anche la moglie che tra una cosa e l’altra era più di un mese che non vedeva il marito. Detto fatto, la signora pensò bene di farsi accompagnare in macchina a Bologna, dove salì sul treno e raggiunse Gastone nel suo scompartimento. E così i due durante il tragitto verso Firenze, tra una galleria e l’altra, dopo più di un mese di astinenza si abbandonarono al fuoco della passione e fecero scintille. Riuscirono a rivestirsi e a ricomporsi appena in tempo prima dell’arrivo alla stazione di Santa Maria Novella. A quel punto Maria Pia scomparve e scese di nascosto da un altro vagone, mentre Gastone, un po’ spettinato ma con un sorriso a trentadue denti venne accolto dagli applausi scroscianti dei fiorentini. Un vero trionfo!

Gastone Nencini con Maria Pia

P.s.

Nel 1960 Gastone e Maria Pia non erano ancora ufficialmente marito e moglie in quanto entrambi avevano già un matrimonio alle spalle e in Italia non c’era ancora il divorzio. Da qui la scomparsa di Maria Pia all’arrivo a Firenze. Ma sono dettagli insignificanti. Quello che conta sono i fatti.

Silvano Calzini è nato e vive a Milano dove lavora nel mondo editoriale. Ama la letteratura, quella vera, Londra e lo sport in generale. Ha il vezzo di definirsi un nostalgico sportivo.

ARTICOLI CORRELATI

Carovane Azzurre. Passione in trasferta

Tifare in trasferta significava partenza all’alba e spesso anche prima. Treni, pullman, auto. Panini da casa o viaggio tutto compreso. Sono le Carovane Azzurre degli anni ’50 e ’60, proprio come quella per Lazio-Napoli del 20 ottobre 1957 che raccontiamo con gli scatti di Riccardo Carbone.

Leggi tutto »
Bobby Charlon

Bobby Charlton. Signore del calcio

Una bandiera, un simbolo. Questo è stato Bobby Charlton per il Manchester United, l’Inghilterra e per chiunque ami il calcio. Una vita di campi, goal, applausi e successi. Una vita che ha saputo vivere anche fuori dal campo, impegnandosi in attività di assistenza e beneficienza. Una vita con tre anni di silenzio, gli ultimi, quelli della demenza senile. Mi piace pensare che anche quelli siano stati anni di gioia in cui, semplicemente, ha parlato una lingua che potevano capire solo i suoi fratelli, i Busby Babes andati avanti prima di lui.

Leggi tutto »
Rally Maya Prisca Taruffi

Rally Maya 2023. Saluti, premi e baci

Il Rally Maya 2023, che ha visto Prisca Taruffi in gara su Ferrari 308 GTS insieme alla copilota Marina Grassi, si è concluso. Non poteva mancare il racconto della serata di di gala, con premiazione e omaggio a Piero Taruffi e al suo Bisiluro TARF dei record.

Leggi tutto »

L’Atmonauta e il Paradosso di Zenone

A 4.300 metri ci arrivi tra scherzi e battute. Possibile poi che quando salti fuori, mentre fai diventare il tuo corpo una deriva inclinata per scendere in tecnica Atmo, ti venga in mente proprio il Paradosso di Zenone?

Leggi tutto »
Curva Sud Pruzzo

Curva Sud. Goal e braccia al cielo

Gioia, liberazione, adrenalina. Il pallone che gonfia le rete, lo stadio che respira, la Curva Sud che impazzisce. È da questi spalti una volta di cemento freddo che l’emozione mi ha stretto petto e gola quando loro correvano verso di noi sbracciando e urlando. Calcio vero, giocatori veri. Se dopo un goal vi capita di vedere altro, tipo quei balletti oggi un po’ di moda, diffidate dalle imitazioni e ricordate che un altro calcio è possibile.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi