Michael Jordan. Quel giorno a Trieste

Trieste, 26 agosto 1985. Al Pala Chiarbola di Trieste accade qualcosa mai visto prima e mai più visto dopo nel mondo. Il protagonista è Michael Jordan. Questa è la storia di un giorno che la pallacanestro non ha mai dimenticato. Un giorno e un campione che The Triestiner, l'originale progetto di design civico della città, ricorda così.
The Triestiner Michael Jordan

Siamo a Trieste nel rione di Chiarbola, in un palazzetto gremito, il 26 agosto del 1985, ultime battute di una calda estate di quasi quaranta anni fa.
Sicuri che quel ragazzo sia del nostro pianeta?” si chiedeva la gente, si scriveva sui giornali.
Un fenomeno, un alieno, una leggenda del basket quel giorno passò per Trieste, lasciando un ricordo indelebile nella mente di grandi e piccini, accorsi da ogni dove per vedere il giocatore di pallacanestro più influente nella storia di questo bellissimo sport giocare nella palestra del quartiere: ladies and gentlemen, Michael Jeffrey Jordan!

Maglia 23

Una partita di esibizione organizzata dalla Nike, tra gli idoli di casa della Stefanel Trieste e la Juve Caserta, destinata ad entrare per sempre nella storia della città: Michael Jordan disputò l’intera partita con la maglia numero 23 della Stefanel, mettendo a referto 41 punti e vincendo la partita all’ultimo secondo: la folla in delirio, una grande festa per questo sport. Che Emozione!

Il suo passaggio a Trieste segnò uno dei momenti più iconici della meravigliosa storia di Michael Jordan: con una poderosa schiacciata mandò in frantumi il tabellone, per la prima ed unica volta nella sua carriera.

Le scarpe e l’asta

Per ricordare l’evento, la Nike presentò una speciale colorazione delle iconiche Air Jordan 1, denominata Shattered Backboard”ispirate alla maglia della Stefanel Trieste, arancione, nero e bianco. 
Una curiosità. Le scarpe indossate da Michael Jordan per quella occasione, con ancora dei pezzi di vetro del tabellone del Pala Chiarbola incastrati nella suola, sono state battute all’asta per oltre 600 mila dollari!

Michael Jordan

The Triestiner

Con The Triestiner, il progetto nato nel 2021 da un’idea di Maria Sole Costanzo (illustratrice e designer) e mia,  coppia nel lavoro come nella vita, abbiamo voluto ricordare cosi il giorno triestino di Michael Jordan.

L’idea di fondo di The Triestiner deriva dalle suggestive copertine del New Yorker Magazine da sempre simbolo di stile e design, tanto che nel corso degli anni sono nati spontaneamente progetti grafici ispirati al magazine, ma senza una rivista vera e propria da sfogliare: i più famosi sono sicuramente The Parisiener, The Madrilener e in italia The Milaneser.
Noi abbiamo deciso di portare questa tendenza anche nel nostro territorio ed ecco nascere The Triestiner,  progetto che  vuole unire la città e i suoi abitanti: non solo chi qui ci è nato, ma anche chi qui ci si è trasferito per studiare, per lavoro o per amore e sente comunque di appartenere a queste terre meravigliose e vuole celebrarle e riscoprirle!

Per questo ci piace pensare che, magari anche solo per un giorno, anche Michael Jordan sia stato un Triestiner.

 

Per info e riferimenti: www.thetriestiner.com e @thetriestiner sui social network

 

 

Francesco Zago cofondatore del progetto artistico “The Triestiner”

ARTICOLI CORRELATI

pallone da basket

Il basket di Valentina

Ci sono storie che iniziano per caso, proprio come questa che per Valentina è iniziata stando seduta. Seduta su un pallone da basket a guardare i grandi giocare. Qualcuno guarda lei, però, e la guarda con occhi che sanno insegnare a giocare, certo, ma anche a crescere. A sette anni il pallone da basket può essere grande come il mondo. Dentro c’è tutto. Anche per Valentina e il suo allenatore.

Leggi tutto »
BASKET

Il tuffo di Raffaele

“Un tuffo?” “Sì”. “E dove?” “Sotto una transenna”. “Una transenna?” “Esatto”. “Ma perché sotto una transenna?” “Per vincere una partita”. “Una partita?” “Sì, di basket”. “Non ci credo”. “Si vede che non conosci Raffaele”

Leggi tutto »
Kobe Bryant milan

Kobe Bryant, il Milan e lo scudetto

È a Reggio Emilia che il Milan torna campione dopo 11 anni. È a Reggio Emilia che un ragazzino di 11 anni va allo stadio per la prima volta. Il rosso, il nero e l’assenza presenza nel giorno di festa. 

Leggi tutto »
NBA

NBA. Quando i nomi sono un destino – 2

La seconda parte del nostro viaggio non convenzionale dentro il campionato NBA raccontato attraverso i nomi delle squadre, nomi che sono identità e sfide, spesso scelti con una partecipazione corale dei tifosi chiamati a suggerirli e poi a sceglierli. Anche questo un aspetto di un NBA che non finisce mai di stupire.

Leggi tutto »
Giannis Antetokoumpo

Giannis Antetokoumpo. Il mostro greco

A Sepolia, il quartiere popolare di Atene dove nasce da genitori nigeriani clandestini, Giannis Antetokoumpo gioca a basket dividendo un unico paio di scarpe con il fratello. Sono scarpe che gli faranno fare una lunga strada, ma Giannis quelle scarpe con la suola consumata non le ha mai dimenticate.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi