Search
Close this search box.

Kirsten Neuschafer. La figlia dell’Oceano vince la Golden Globe Race

Kirsten Neuschafer entra nella storia della vela. È la prima donna a vincere la Golden Globe Race, competizione estrema cone solo il giro intorno al mondo vela, in solitaria e senza scalo può essere.
Kirsten Neuschafer

30.289 miglia, 235 giorni, 5 ore e 44 minuti sono serviti alla sudafricana Kirsten Neuschafer per diventare la prima donna a vincere la Golden Globe Race.
Il 4 settembre 2022, unica donna fra i sedici partecipanti, è salpata da Les Sables-d’Olonne, Francia, per una delle gare più complesse e lunghe mai organizzate. Alla sua seconda edizione, la Golden Globe Race è un viaggio in solitaria, senza scalo, che richiede l’uso da parte dei naviganti di barche a chiglia lunga e senza l’uso di strumentazioni di alcun tipo.
Il Golden del titolo riprende, infatti, la Golden Age, l’età dell’oro delle barche a vela, yacths costruiti prima del 1988 forniti solo di mappe, bussole e timone, in grado di affrontare una traversata attraverso i tre capi più famosi (Buona Speranza, Leewin e Horn). È un viaggio intorno al mondo, lungo e difficile, ispirato al percorso compiuto da sir Robin Knox-Johnston, il primo a circumnavigare il globo in solitaria, a bordo del suo Suhaili senza mai fermarsi.

 

Kirsten Neuschafer
(Phoro credit: Kirsten Neuschafer )

Il Capitano

Kirsten Neuschafer ha sempre avuto il mare come seconda casa: nel 2006, lavorando anche con molte spedizioni in South Georgia, Patagonia e la penisola Antartica, ha iniziato a farne una professione. Inoltre ha partecipato a diversi documentari volti a mostrare la bellezza di una delle zone più inospitali del pianeta.
Ma anche in questo caso, le avventure non sono mancate.
La Golden Globe Race ha portato i suoi partecipanti in tratti di mare pericolosi e la stessa Kirsten si è trovata a dover soccorrere un altro partecipante, il finlandese Tapio Lehtinent, vittima di un naufragio nell’oceano indiano meridionale.
Dopo aver lasciato la sua zattera di salvataggio ed esser salito a bordo della Minnehaha (nome di un personaggio di un poema il cui significato è “cascata”), Lehtinent ha raccontato che i due hanno condiviso un bicchiere di rum. In fondo le tradizioni dei marinai rimangono sempre le stesse. Ovviamente il passaggio è stato solo fino al primo cargo dove poterlo trasbordare.
Per il resto, la sua impresa è stata piena di silenzi, lunghe notti ad interrogare le stelle e intense chiacchierate con la sua barca. “Le ho parlato spesso”, ha rivelato Kirsten, “mi ci sono anche arrabbiata in diverse occasioni ma la amo moltissimo”.

 

Kirsten Neuschafer
(Photo credit: Kirsten Neuschafer )

Kirsten Neuschafer. Figlia dell’Oceano

Il 27 aprile 2023 Kirsten Neuschafer entra in porto e molla gli ormeggi davanti a un pontile gremito di gente. La notte primaverile viene interrotta dai numerosi fumogeni che, accesi al suo passaggio, la accompagnano all’attracco.
Sul sito ufficiale della gara, il suo arrivo avviene sopra le note di “on the Minnehaha” di Lennie Gallant. Nel testo si parla di una “figlia dell’oceano” che ha avuto solo le stelle come guida e il vento a mostrarle come navigare verso il sole.

Mai parole furono più giuste.  

 

…………..

Se vuoi leggere altre storie di Giulia Colasante clicca qui per acquistare il suo libro

Intrepide

 

Giulia Colasante si affaccia al mondo nell'ultimo anno del secolo scorso, in tempo per sentirne raccontare in diretta, abbastanza per rimanerne incuriosita. Giornalista pubblicista, laureata in Filosofia e in Scienze Cognitive della Comunicazione e dell'Azione, continua a studiare il futuro che attende lei, ma anche un po' tutti gli altri.

ARTICOLI CORRELATI

Mario Capio

Mario Capio. Il metalmeccanico velista mondiale

Una straordinaria storia di passione, disciplina e vocazione quella di Michele Capio, metalmeccanico dell’Ansaldo, campione del mondo nel 1955 in Classe Snipe e nel 1959 in Classe FD, quattro Olimpiadi e un’infinita serie di regate nazionali e internazionali. Una storia che emerge dall’intervista fattagli nel 1987 da Michele Modenesi e che noi abbiamo recuperato dal Notiziario del Centro Studi Tradizioni Nautiche della Lega Navale.

Leggi tutto »
HMS Challenger

HMS Challenger. La scoperta dell’Oceano

Si può scoprire l’Oceano? Se foste stati tre anni a bordo dell’HMS Challenger per compiere la più importante spedizione oceanografica del XIX secolo, non avreste avuto dubbi. La scienza è da sempre una grande avventura. L’HMS Challenger e i suoi uomini ne sono stati grandi protagonisti.

Leggi tutto »
Giraci e Dominici

1935. Il giro del mondo di Geraci e Dominici

27.775 miglia in 399 giorni di navigazione a vela.Tra tempeste, pirati e cannibali, nel 1935 Francesco Aurelio Geraci e Rosario Dominici compiono l’impresa e circumnavigano il globo a bordo della “Mas”, goletta di appena 10 metri.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi