Golden Gala. L’atletica ritrovata

Dal 1980 il Golden Gala, dedicato a Pietro Mennea nel 2013, è un grande appuntamento internazionale, ma anche una grande festa dello sport dove le migliaia di persone sugli spalti e le centinaia di atleti diventano un'unica comunità emotiva testimone e protagonista dei grandi valori dello sport.
golden gala

Il 9 giugno Roma ha ritrovato l’atletica, la grande atletica del Golden Gala Pietro Mennea .
Appuntamento internazionale oggi nel circuito della Diamond League,  il Golden Gala Pietro Mennea ha messo in scena allo stadio Olimpico  uno spettacolo sportivo che ha scaldato i cuori degli spettatori accorsi in migliaia, dopo due anni di pandemia, ad applaudire  dal vivo i tanti campioni presenti.
Una cornice di pubblico festoso per un evento la cui organizzazione è un punto di merito della Federazione Italiana di Atletica Leggera, minuziosa al punto da sembrare di aver programmato persino gli eventi atmosferici; una prima pioggia a stemperare la calura dei giorni precedenti terminata alle 18.00, giusto in tempo per il vivo delle gare.

Uno spettacolo importante

Lo stesso presidente della FIDAL, Stefano Mei non ha potuto che notare in diretta la cosa: “Credo abbiamo messo in piedi uno spettacolo importante. Ovviamente parti avvantaggiato avendo cinque campioni olimpici, l’infortunio (di Jacobs, ndr) fa parte del gioco e va accettato. Difficilmente si poteva mettere in piedi uno spettacolo migliore. Tra l’altro, pioggia fino alle 18.00 circa e ora il clima è ideale: il clima sugli spalti è caldissimo e anche la temperatura è ideale per correre”.
Marcel Jacobs, peraltro, seppur infortunato non è comunque voluto mancare al Golden Gala. Molto apprezzato il suo giro di pista per salutare il pubblico dell’Olimpico che gli ha riservato applausi e standing ovation.

Golden Gala 2022

Le gare

In ogni caso proprio nelle condizioni di gara ideali richiamate dal presidente della FIDAL sono scesi in pista i nostri atleti, pronti a a confrontarsi con avversari tra i migliori del panorama internazione.
Purtroppo per alcuni dei nostri questo appuntamento non è coinciso con il loro migliore stato di forma.
Da Giovanni Faloci, nel lancio del disco, così come da Nick Ponzio e Leonardo Fabbri, nel getto del peso ci saremmo aspettati di più. Così come da Filippo Tortu nei 200mt, lento nello stacco dai blocchi e con una progressione al di sotto dei suoi standard abituali, nota positiva è Lorenzo Patta che ottiene il suo personale nella specialità. Tra le donne nei 200mt Esodra Desau non ha brillato e fa fatica a scendere sotto 20”50, ma le potenzialità ci sono tutte e noi l’aspettiamo. Bene Elena Bellò negli 800mt con un prestigioso terzo posto e la certezza per l’Italia di aver trovato una atleta competitiva che in questa specialità mancava da anni.
Bravi anche Ahmed Abdelwahed e Osama Zoghlami, entrambi migliorano il loro primato personale nei 3000 siepi. Come buona è anche la prestazione di Gaia Sabatini e Federica del Buono nei 1500 e di Yemaneberham Crippa nei 5000mt.

Africa. Altro pianeta

C’è da dire che in queste discipline gli atleti africani più che di un altro continente, sembrano essere di un altro pianeta.
Corrono con una leggerezza e un’agilità felina inarrivabili. Non sembra neanche posino i loro piedi a terra e nonostante lo sforzo la progressione continua non ne risente anzi, sembra uscirne rafforzata.

Ancora Italia

Nel salto in alto il nostro Gianmarco Tamberi con 2,24mt è terzo e porta a casa un bronzo che lo soddisfa parzialmente. Però, come il pubblico che lo ha applaudito e sostenuto prima e dopo la gara, il campione olimpico sa di poter fare meglio. Da Gimbo abbiamo la lecita aspettativa di vederlo coronare con medaglie di altri colori i prossimi appuntamenti mondiali ed europei.
Si sono difesi bene Aymide Folorunso nei 400hs e Edoardo Scotti nei 400mt. Mentre ancora distanti dalla loro migliore condizione Luminosa Bogliolo ed Elisa Di Lazzaro nei 100hs.
Il giovane Chituru Ali con 10”25 è sesto nei 100 metri, ma con ampi margini di miglioramento. Mentre Larissa Iapichino dopo il record mondiale juniores del 2021 si è un po’ persa, ma è giovane e noi l’aspettiamo.
Bravissime le ragazze del salto con l’asta. Roberta Bruni salta 4,60 ed è seconda tra gli applausi convinti dell’Olimpico ed Elisa Molinarolo fornisce una prova all’altezza dei sui standard abituali.

Una festa dello sport

Al di là dei risultati sportivi, il Golden Gala Pietro Mennea,è stata una grande festa dello sport.
Una festa che è ormai tradizione consolidata, visto
che dal 1980 trova la sua straordinaria cornice nello stadio Olimpico.
Stadio Olimpico che, si badi bene, non è solo un luogo, un contenitore terzo dell’evento, ma ne è un protagonista assoluto.
Stadio Olimpico che con Golden Gala Pietro Mennea sembra
esaltarsi, quasi come se toccasse con mano il destino di quando la questione stadio delle squadre romane sarà risolta.

Festa dello sport per partecipazione corale del pubblico e per la straordinaria tensione emotiva che ha legato ogni spettatore sugli spalti con ogni atleta in pista.
Una tensione etica che è rappresentazione pura dei valori di passione, sacrificio e agonismo dello sport e dell’atletica in particolare che, non dimentichiamolo, dello sport è regina.

 

Roberto Angelini direttore responsabile Sportmemory.it

ARTICOLI CORRELATI

ARTURO MAFFEI

Arturo Maffei. La vita in un salto

Campione come pochi, Arturo Maffei attraversa il novecento e da par suo lo fa in un salto. Una vita intensa quella del “grande vecchio” dell’atletica italiana, protagonista e testimone dei grandi momenti sportivi del secolo. Una vita a cui spetta il tributo di continuare a essere raccontata.

Leggi tutto »

L’atletica allena il coraggio

Quando non puoi fare qualcosa, puoi immaginare di poterla fare.
Nel dicembre del 1991 la vita di Cinzia Leone cambia; quello che lei aveva immaginato prima, adesso non va più bene.
Sembra tutto perso, ma non è così. Cinzia trova il coraggio di immaginarsi ancora, allena cervello e fisico e li costringe a inseguire la sua immaginazione fino a quando i due non si ricongiungono.
Si chiama riabilitazione, ma è molto meglio chiamarla atletica del coraggio.

Leggi tutto »
Piano 14.25

Piano 14.25. La storia maledetta del doping di Stato

Il Piano 14.25 è una storia maledetta. Una storia di doping di Stato, una storia di quando il mondo era diverso e gli atleti erano solo pedine da muovere sullo scacchiere dei primati politici nazionali e internazionali. Una storia in gran parte al femminile. Il Piano 14.25 è un crimine che non ha diritto all’oblio.

Leggi tutto »
Zatopek e Prefontaine

Zatopek e Prefontaine. Di corsa nella leggenda.

Emil Zatopek e Steve Prefontaine. Diversi e veloci. Diversi e tenaci. Anni di distanza tra i due, ma forse sarebbe meglio dire mondi. Campione olimpico Zatopek. Campione olimpico mancato Prefontaine. Una vita da campione Zatopek. Una vita troppo breve Prefontaine.Tutti e due, però, nella leggenda.

Leggi tutto »
Midinettes

Parigi. La corsa delle midinettes

26 ottobre 1903. Le donne bussano alla porta dell’atletica. Lo fanno le sartine di Parigi, le midinettes, ragazze che tagliavano, cucivano e mangiavano una sola volta al giorno. La prima corsa femminile è la loro. Ci vorrà del tempo e non sarà facile vincere pregiudizi e diffidenze, ma le donne non si fermeranno più.

Leggi tutto »
Louis Zamperini

Louis Zamperini. Una vita Unbroken

“If I can take it, I can make it”. L’incredibile vita di Louis Zamperini, uomo di sport, religione, veterano di guerra e protagonista di un biopic firmato da Angelina Jolie.

Leggi tutto »

Una vita in corsa

È solo un bambino quando Luciano Duchi sente parlare per la prima volta della Roma-Ostia e anche se non sono storie che parlano di tempi e di gambe, ma storie di ferrovieri che abitano nel suo palazzo, qualcosa rimane nella sua memoria. La vita poi fa il suo corso; la scuola, il militare, il lavoro in banca e l’atletica, la sua grande passione.
Una passione che lo riporta indietro nel tempo, ai racconti dispersi dei ferrovieri origliati da bambino e che, nel 1974, gli fa immaginare il futuro quando organizza la prima mezza maratona Roma-Ostia, da allora un classico che ogni anno richiama migliaia di atleti e appassionati da tutto il mondo.
La vita in corsa e per la corsa di Luciano Duchi inizia proprio così.

Leggi tutto »
Giornarunner®.

Piacere, Giornarunner®. Una vita passata di corsa

Sintesi inaspettate, passioni che si sommano a passioni e che fanno la differenza nella vita. È così che Claudia Solaro racconta il territorio che la circonda, quello quasi commovente di bellezza delle Langhe, seguendo la sua vocazione alla corsa e alla scrittura. È così che è diventata la Giornarunner®.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi