Search
Close this search box.

Figli pigri. Quando e come forzarli a fare sport 

No alla costrizione, si al supporto nella libera scelta personale. I consigli dell’esperta Elena Giulia Montorsi, psicologa dello sport
00 cover

Partiamo subito da un concetto: “la pigrizia è un sintomo e non una causa”. Elena Giulia Montorsi, psicologa dello sport, chiarisce che quando si è in presenza di figli pigri occorre chiedersi perché. Da cosa sia creata questa pigrizia. Vediamo come.

L’ambiente esterno

Comincia a praticare uno sport e poi decide di smettere?
L’indagine deve partire dal suo rapporto con l’ambiente sportivo che frequenta, per rintracciare eventuali problemi con un compagno. Chiedere semplicemente che cosa non gli piace di quello sport andando oltre le prime risposte evasive”.
Cosa non fare?
“Forzarli a continuare se ai figli quello sport non piace, se non si trovano a loro agio, a prescindere dalle motivazioni. E per motivazioni intendo anche il fatto che quel determinato sport piace tanto ai genitori. Anche loro sono parte dell’ambiente esterno che può causare il suo rifiuto”.

Il rapporto con sé stesso

Il timore di deludere l’allenatore e il confronto con gli altri, fratelli compresi, sono due elementi da non sottovalutare.
Vuol dire che non è il suo sport – incalza Elena Giulia Montorsi – e in questi casi viene percepita di più la fatica dell’allenamento che la soddisfazione di sé. La passione, al contrario, può superare timidezze, insicurezze e fatica. In questi casi, quindi, lasciate i figli liberi di passare ad un’altra disciplina oppure create situazioni che lo portino a sperimentare nuovi mondi giocando. La scelta è sua”.

figli

Agonismo individuale e di squadra

Sport individuale o di squadra? Ci si chiede spesso che cosa sia più appropriato in base al carattere del bambino. “Deve piacergli. Poi che la pratica implica che sia insieme ad altri o da solo, quello poco importa. Se vogliamo cogliere le opportunità derivanti dall’attività singola e in team – aggiunge la psicologa – va detto che la squadra insegna a condividere esercitando un contributo, in positivo e in negativo; negli sport individuali, invece, c’è più confronto rispetto agli altri atleti e si instaura un certo tipo di rapporto con i limiti personali. Superabili, ovviamente, anche grazie all’aggregazione in allenamento”. Al concetto di superamento limiti viene naturale collegare un’idea di agonismo. La svogliatezza rispetto alla competizione si può, si deve, stimolare? “Ci sono persone a cui piace competere e persone semplicemente appassionate. Non bisogna mai giudicare l’assenza di agonismo – spiega l’esperta – perché se non fa le gare non vuol dire che nella vita non farà mai nulla. Se amano uno sport va bene, l’agonismo è un plus”. 

La pressione genitoriale

La domanda viene a cascata: è possibile sostenere un figlio a fare sport senza schiacciarlo? “Come ha sottolineato Jannik Sinner, i genitori – dichiara Elena Giulia Montorsi – devono comprendere che i ragazzi possono scegliere lo sport e possono divertirsi, a fronte del fatto che siano stati costruiti i giusti valori morali di impegno e determinazione. Questo permette di portare avanti un compito fino all’obiettivo prefissato. L’obiettivo può essere irraggiungibile se imposto dagli adulti”.

 

Daniela Cursi Masella pubblicista e press officer. Sceneggiatrice e regista di “Come trovare nel modo giusto l’uomo sbagliato”, tratto dal suo omonimo istant book. Autrice del libro “Imperfetta” (Baldini & Castoldi Editore) e del reality “Campus Life Experience 2020".

ARTICOLI CORRELATI

Hector Roca

Hector Roca. Il Maestro cambia vita

Hector Roca, Maestro di campioni, stelle di Hollywood e di chiunque alla Gleason’s Gym volesse misurarsi con sé stesso salendo sul quadrato. Ricoverato in ospedale da prima di Natale, ieri notte il cuore lo ha lasciato e gli ha fatto cambiare vita. Perché così fanno i Maestri. Loro non muoiono, vanno solo altrove, e lui è sicuramente di nuovo a bordo ring a insegnare pugni e vita.

Leggi tutto »
Respiro profondo

Alessia Zecchini. Respiro profondo

Alessia Zecchini, pluricampionessa mondiale dell’immersione in apnea in sei diverse discipline, nel 2017 scende fino a -104 metri, conquista il titolo mondiale AIDA nel Vertical Blu e diventa la donna più profonda del mondo. La sua storia sportiva e umana la racconta il bel documentario Respiro Profondo disponibile su Netflix.

Leggi tutto »
Carlo Galli

In ricordo di Carlo Galli

Roma-Lazio, 6 novembre 2022. Il derby non è mai una partita qualunque. Quella sera meno che mai. Dai tabelloni dell’Olimpico arriva la triste notizia della morte di Giancarlo Galli, da tutti chiamato Carlo, Carletto per affetto e Testina d’Oro per merito.

Leggi tutto »
Ludovico Scarfiotti

Lodovico Scarfiotti. Gentleman Driver

“Corro perché mi piace”. Così diceva Lodovico Scarfiotti a chi, per amore, tentava di allontanarlo dalle corse. Gentleman driver, eclettico, campione in pista, su strada e nelle cronoscalate, ultimo italiano a vincere nel 1966 il Gran Premio di Monza, quella di Scarfiotti è una storia dispersa troppo presto. Noi lo abbiamo ricordato così.

Leggi tutto »
Rebecca Busi

Rebecca Busi. Al via il suo terzo Rally Dakar

Una sfida di 8.000 km di deserto arabico. Prende il via il Rally Dakar con Rebecca Busi che affronta per la terza volta la leggendaria corsa nel deserto, dopo esserne stata nel 2022 la più giovane partecipante italiana di sempre. Torna dopo aver conquistato il 4° posto del Campionato Mondiale di Rally Raid nel 2023, piazzamento mai ottenuto prima da un’italiana.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi