Search
Close this search box.

Jacques Anquetil. Vita scandalosa di un campione

Un campione, ma non uno qualunque. In 15 anni di professionismo, Anquetil si aggiudica 205 vittorie, cinque volte vince il Tour, due il Giro e una la Vuelta. Non uno qualunque, anche perché una vita scandalosa come la sua non è proprio da tutti.
Jacques Anquetille

“Per prepararsi a una corsa non c’è niente di meglio di un buon fagiano, dello champagne e di una donna”. Era la teoria di Jacques Anquetil, che seguendo questa preparazione ha vinto cinque Tour de France, due Giri d’Italia, una Vuelta, cinque Parigi Nizza, nove Gran Premi delle Nazioni. Lo chiamavano “Inimitabile Jacquot”, ai miei occhi definizione quanto mai azzeccata, ma non tanto per le oltre duecento corse che ha vinto in carriera o per il suo impeccabile stile in bicicletta, ma per ben altre ragioni.

Jacques Anquetille

Oltre le righe

Torniamo alle sue parole riportate all’inizio: per quello che riguarda il fagiano basterebbe dire che, in barba a tutte le teorie sull’alimentazione adatta a un atleta, al termine di ogni tappa Anquetil aveva l’abitudine di cenare al miglior ristorante della zona a suon di ostriche e di altre leccornie prelibate. Quanto allo champagne la dice lunga una delle tante leggende che lo riguardano e secondo la quale Anquetil lo metteva nelle borracce al posto dell’acqua. E per le donne, be’ allora non possiamo non parlare dell’amor fou con la biondissima Janine, che fu talmente fou da essere non solo scandaloso, ma per molti versi quasi inconcepibile. Un vero romanzo a puntate che va raccontato dall’inizio.

Jaques Anquetille

L’amour fou

Lui è Jacques Anquetil, giovane ciclista, elegante, occhi azzurri. Lei è Janine Boeda, di sei anni maggiore, moglie del suo medico e madre di due bambini, Annie e Alain. Lui è pazzo di lei fino al punto che una sera d’estate in Costa Azzurra la rapisce e la porta a vivere nel suo favoloso castello in Normandia. Nel 1958 i due si sposano. Lui vuole un figlio, ma lei, a causa di un intervento chirurgico, non può avere altre gravidanze e allora, nel timore di perderlo, gli promette che non appena la piccola Annie avrà compiuto 18 anni sarà sua. Detto fatto. Nove mesi dopo lo scoccare della maggiore età della ragazza nasce Sophie, figlia di Anquetil e di Annie, che solo dopo molto tempo scoprirà che quella che credeva sua mamma in realtà era sua nonna e la sua sorellastra sua madre. Il singolare ménage a trois va avanti fino a quando Annie, abbandona il castello e allora Anquetil si consola con Dominique, la moglie di Alain, l’altro figlio di Janine e fratello di Annie, la quale, anche lei stregata da quegli occhi azzurri, lascia il marito e cade tra le braccia del campione.

(Anquetil al Giro del 1960)

Da questo ennesimo amore scandaloso nascerà il piccolo Christopher. È il 1986. Un anno dopo Jacques Anquetil muore per un tumore allo stomaco e al suo funerale dietro al feretro ci sono tutte le sue donne.
Che dire se non: inimitabile Jacquot!

 

 

 

 

 

 

Silvano Calzini è nato e vive a Milano dove lavora nel mondo editoriale. Ama la letteratura, quella vera, Londra e lo sport in generale. Ha il vezzo di definirsi un nostalgico sportivo.

ARTICOLI CORRELATI

Gordon Cowans

Gordon Cowans. L’ultimo tra i campioni

Gordon Cowans, una vita spesa tra l’Aston Villa e il Bari, non è tra i miei dieci migliori giocatori di tutti i tempi. Forse neanche tra i vostri. Non so voi, ma io lo metto all’undicesimo posto. Il fatto è che per me Gordon Cowans è indimenticabile.

Leggi tutto »

Una vita in corsa

È solo un bambino quando Luciano Duchi sente parlare per la prima volta della Roma-Ostia e anche se non sono storie che parlano di tempi e di gambe, ma storie di ferrovieri che abitano nel suo palazzo, qualcosa rimane nella sua memoria. La vita poi fa il suo corso; la scuola, il militare, il lavoro in banca e l’atletica, la sua grande passione.
Una passione che lo riporta indietro nel tempo, ai racconti dispersi dei ferrovieri origliati da bambino e che, nel 1974, gli fa immaginare il futuro quando organizza la prima mezza maratona Roma-Ostia, da allora un classico che ogni anno richiama migliaia di atleti e appassionati da tutto il mondo.
La vita in corsa e per la corsa di Luciano Duchi inizia proprio così.

Leggi tutto »
Sandro Mazzinghi

Sandro Mazzinghi. La battaglia di San Siro

Un incontro epico. Sandro Mazzinghi è pugni, cuore e carattere e quel titolo mondiale dei superwelter perso tre anni prima se lo vuole riprendere. Kim-Soo Ki è un mancino d’acciaio e non ha alcuna intenzione di restituirglielo. Il 26 maggio del 1968 a San Siro si combatte davanti a 55.000 testimoni che non dimenticheranno mai. Il 26 maggio del 1968 Sandro Mazzinghi riporta il titolo a casa.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi