Search
Close this search box.

Don Paolo Rossi e il calcio a Cecafumo

Cecafumo. Di questa zona incastonata nell'asse tuscolano di quella che era una volta periferia romana ho già scritto, ma non ho detto tutto. Non ho detto di Don Paolo Rossi e di come iniziò a farci giocare a pallone. Questa è la sua - e la nostra - storia.
Cecafumo Don Paolo Rossi

Dunque, non tutti sanno che per la realizzazione del quartiere Ina Case al Tuscolano contribuirono grandi architetti come De Renzi, Muratori e Libera. Una piccola preziosità che, ancora oggi, porta nel quartiere giovani studenti di architettura a vedere da vicino un “quartiere a misura d’uomo”. La zona dove sorse era detta Cecafumo perché essendo prima abitata quasi esclusivamente da pastori soliti ad accendere fuochi, la zona era spesso pervasa da un fumo acre e accecante. Appunto.
Questa è la storia “romantica” del nome, come quella che nella zona Quadraro c’erano dei fabbricanti di botti che per essiccare le doghe lo facevano col fumo. La realtà, come al solito, è meno bella. All’inizio di via Lucio Sestio, davanti la Cappellina dove ora c’è un Consultorio, prima-prima quel vecchio edificio che si intravede era in realtà una Centrale elettrica a carbone che alimentava gli Studios di Cinecittà e il “tranvetto azzurro” che ci arrivava e che emetteva, per sua natura, un fumo denso, nero e “accecafumante”. Questo per introdurre il quartiere, ma un quartiere è anche altro. Un quartiere è persone. A volte persone speciali come Don Paolo Rossi. 

Un prete di periferia

Nel contesto sociale di Cecafumo ad un certo punto esplose la figura di un giovane vice parroco, Don Paolo Rossi che fu decisivo per lo sviluppo culturale, fisico e spirituale dei giovani e di tutto il quartiere. Data la Sua “abbondante” mole (tanto mi perdonerà), meglio non dire che sia piovuto dal Cielo, ma invece fu proprio questo che accadde. Nella appena ultimata Casa delle Suore dell’Assunzione di via Viviani e dal suo “lussuoso” bilocale di 12 metri quadri scarsi messo a disposizione da Don Paolo Rossi, nasce uno sforzo sociale che porterà alla realizzazione di un campo sportivo, di un salone giochi con ping-pong, biliardini, biliardo e di un giardino per l’infanzia. Il tutto, ovviamente, a corredo della Catechesi propria di una Parrocchia.

Don Paolo Rossi Cecafumo

Il calcio di Cecafumo

I primi tornei di calcio sono iniziati così. Le squadre si formavano nei vari cortili, strapieni di “ragazzetti”, e prendevano il cognome di chi aveva il coraggio di formarle, ad esempio Martinelli, Rossi o Bianchi. Insomma, forse più che squadre, grandi famiglie dove sono nate amicizie spesso durate una vita. Le tenute da gioco erano rimediate casa per casa. In pratica si giocava con quello che si trovava; gli scarpini non se li poteva permettere quasi nessuno e allora si giocava, mi dovete credere, con gli “scarponi militari de papà”.
I palloni erano altra storia da brividi. I palloni di cuoio avevano la camera d’aria interna, tipo bicicletta per capirci, tenuta dentro da un vero e proprio laccio. Aggiungete pioggia a piacere e capirete perché nessuno a Cecafumo, almeno nella mia generazione, era forte di testa. Il colmo dei colmi fu però quando i palloni iniziarono a rovinarsi. Il guardiano del campo, il mitico sor Zulian – e anche in questo caso vi prego di credermi – li dipinse con la cementite. In pratica il pallone era diventato un’arma impropria. Tutto questo sotto oculata regia e – è proprio il caso di dirlo – benedizione di Don Paolo Rossi.   

                                                                 

Ricchi premi e cotillons

Per i vincitori del torneo c’erano premi ambiti. Impossibile dimenticare il trofeo dei cento formaggini stantii, supportato da altrettanta cioccolata, stantia anche quella naturalmente. Badate bene, stantia non era la marca. Sull’incarto c’era scritto che erano generosi doni del popolo americano che a noi arrivavano tramite la Pontificia Opera Assistenza. Un altro premio era una scatola di biscotti Fidesini; non erano duri, erano di marmo! Naturalmente, anche i biscotti avevano la stessa generosa provenienza a stelle e strisce e la stessa pontificia benedizione. 

Aurora Tuscolano

Ora tutto questo farà sorridere, ma non potete capire quanto di tutto questo eravamo contenti noi. Avevamo poco e niente, eppure avevamo tutto. Non solo, ma fu proprio da quello spirito – forse persino Santo – e da quei tornei che si mise in moto un movimento sportivo spontaneo dal quale nacque la nostra prima società sportiva: l’Aurora Tuscolano, di chiara ispirazione clericale.

Don Paolo Rossi

Don Paolo morì d’infarto il primo gennaio 1974, non aveva nemmeno 50 anni. Mi viene da pensare che se avesse potuto scegliere come morire, avrebbe scelto così. Don Paolo è morto come era vissuto. È morto mentre celebrava la Santa Messa. Al suo funerale c’era  tutto Cecafumo e tutti, veramente tutti, avevamo le lacrime agli occhi.
E poi c’è un’altra cosa: io a Don Paolo ci penso ancora.

Nello Panzini nasce a Roma l'8 agosto del 1947, oggi pensionato Telecom con "buona memoria", si diverte a raccontare lo sport di una volta ed il contesto storico nel quale si praticava. Tuttora tesserato con il Real Tuscolano nel quale, vista l'età, fa quello che può.

ARTICOLI CORRELATI

Rebecca Busi

Rebecca Busi. Al via il suo terzo Rally Dakar

Una sfida di 8.000 km di deserto arabico. Prende il via il Rally Dakar con Rebecca Busi che affronta per la terza volta la leggendaria corsa nel deserto, dopo esserne stata nel 2022 la più giovane partecipante italiana di sempre. Torna dopo aver conquistato il 4° posto del Campionato Mondiale di Rally Raid nel 2023, piazzamento mai ottenuto prima da un’italiana.

Leggi tutto »
Luisa Petrucci

Luisa Petrucci. Cuore, sciarpa e ombrello

Luisa Petrucci, icona della Curva Sud, madre giallorossa di noi che la ricordiamo col cuore in subbuglio. Una storia di calcio e di amore romanista, certo. Soprattutto, però, una storia di vita esempio per tutti.

Leggi tutto »
Enrico Brusoni

Enrico Brusoni. L’oro sparito di Parigi

Parigi 1900, Velodromo di Vincennes. Enrico Brusoni è una delle nostre prime medaglie olimpiche, la prima d’oro nel ciclismo. Enrico vince e lo sa, ma misteriosamente l’albo d’oro non lo dice e nessuno sa perché. Eppure ci sono i risultati, i testimoni, ma servono cento anni e un ricercatore affamato di verità per restituire a Enrico Brusoni il suo. Perché l’importante è partecipare, ma chi vince – se vince pulito – non va mai offeso. Né dimenticato.

Leggi tutto »
Rally Maya 2023 Taruffi

Rally Maya 2023. Appunti verso Cancun

In gara al Rally Maya 2023 su Ferrari 308 GTS insieme alla copilota Marina Grassi, Prisca Taruffi racconta a Sportmemory le sue impressioni di tappa. I 345 chilometri della quinta tappa Merida – Cancun tra camion, lavori stradali, 45 gradi in abitacolo e pioggia tropicale

Leggi tutto »
Romazzurra

Tifosi in esilio. Il caso Romazzurra

Come vivono la loro passione calcistica i tifosi di una squadra diversa da quella della città in cui vivono? È esperienza più comune di quanto si pensi, in realtà, sia per la vocazione migratoria del nostro Paese, soprattutto nel Meridione, sia perché il blasone delle strisciate spesso esercita un potente richiamo anche per sostenitori abitanti in zone in cui ci sarebbe un ventaglio di scelta maggiore, come nel caso di Roma.

Leggi tutto »

Niente di personale

Una storia possibile. C’è una motocicletta tra Simo Häyhä, il letale tiratore scelto che sul fronte finlandese tiene in scacco l’esercito russo, e il destino di Iwan Suchow, che dell’Armata Rossa sarà uno dei generali più decorati. Nessuno può dire se i due si siano mai incontrati veramente, ma per tutta la vita Simo Häyhä, cacciatore di alci e cecchino per necessità non ha mai smesso di ricordare il suo colpo migliore. Quello che non volle sparare.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi