Berrettini, Sonego e altre storie di Wimbledon

Wimbledon. Matteo Berrettini, Lorenzo Sonego e altre storie, tra un passato in salita e il futuro che può sempre cambiare in un attimo
Wimbedon Matteo Berrettini

I quarti di Berrettini

Il tennis italiano inizia la seconda settimana di Wimbledon, il quarto turno, ovvero gli ottavi, da protagonista. È il quarto slam consecutivo nel quale incontriamo due italiani agli ottavi. Merito di tutto il lavoro che sta facendo la Federazione e di quel Filippo Volandri, neo capitano della squadra italiana di Coppa Davis che nella sua carriera da professionista ha raggiunto la venticinquesima posizione e possiamo affermare che sui campi si è tolto anche qualche sfizio e molto sta facendo adesso per valorizzare i nostri giovanissimi ragazzi.
Lunedì 5 luglio sono scesi in campo Matteo Berrettini e Lorenzo Sonego, quest’ultimo a fine giornata con Sua Maestà Roger Federer, il romano ha invece incontrato a mezzogiorno il bielorusso Il’ja Ivashka e ha iniziato il suo lato di poppa dopo il giro di boa davvero bene con un crescendo che chiamerei “rossiniano”, lo dicono i numeri: 6 4, 6 3, 6 1.
Dei quattro incontri disputati fino a questo punto da Berrettini, solo il primo con l’argentino Pella è terminato in quattro set, i successivi Matteo li ha chiusi tutti in tre parziali. Vi è da dire che nell’incontro col bielorusso Berrettini non ha esibito solo il suo potente servizio ma anche molti eccellenti dropshot e contro smorzate, tanto da perdersi il conto.

Storie italiane a Wimbledon

Matteo Berrettini migliora così la sua storia personale e quella del tennis italiano, entra a pieno titolo tra i primi otto del torneo di Wimbledon e, come dice il bravo Diego Nargiso: “raggiungere i quarti in uno Slam è meglio che vincere un Atp 250”.
Lo fa ventitré anni dopo Davide Sanguinetti che raggiunse identico obiettivo nel ’98 e lì si fermò. Anche Panatta non andò oltre i quarti di finale di Wimbledon nel 1979, ricordiamo però che il tennista romano nel ’76 si era aggiudicato il Roland Garros. L’ormai ultraottantenne, che dico, il quasi novantenne Pietrangeli nel 1955 raggiunse a Londra i quarti come pure nel 1960, questa volta li superò, fu stoppato in semifinale da quel Rod Laver che poi perdette la finale di quell’anno ad opera del connazionale Fraser. Laver si rifece alla grande aggiudicandosi a Wimbledon, dal ’61 al ’69, ben quattro titoli. E va sottolineato che ancora oggi è l’unico a detenere il record di due Grandi Slam, nel ’62 e nel ’69. Il quinto degli italiani ad eguagliare il record fu Uberto De Morpurgo nel 1928, due anni dopo occupò l’ottava posizione del ranking.

Donne in Slam

L’ultima delle donne a vincere i quattro massimi tornei fu Steffi Graf.
A proposito di donne, a mio parere vanno citate due vittorie per ciò che rappresentano, la prima è quella della svizzera Golubic che per la prima volta raggiunge i quarti di finale in uno Slam dopo aver fatto fuori in due set la n. 23 del ranking, l’americana Madison Keys. Già il primo giorno aveva avuto la meglio sulla n. 29, ma in tre set. Presto dovrà vedersela con la Pliskova. La seconda vittoria, decisamente ancora più meritevole di una semplice citazione, riguarda la tunisina Ons Jabeur, che entrerà nella storia del tennis femminile e del suo Paese per essere la prima donna araba a raggiungere i quarti di finale di uno Slam. E come è arrivata, vincendo con leggerezza sulla Venus Williams in due set e battendo anche la Muguruza con qualche difficoltà in più, senza tuttavia manifestare alcun timore riverenziale verso due tenniste che fanno parte della storia del tennis mondiale. In Tunisia sembra vi sia ormai un obbligo, quello che il Paese deve fermarsi quando gioca la Jabeur.

Sonego, Federer e altri

Tra gli uomini di Wimbledon cito volentieri il match tra il russo Rublev e l’ungherese Fucsovic, vinto da quest’ultimo in cinque set. Una partita bella, a un certo momento scontata, dopo il primo set vinto dall’ungherese il secondo e il terzo sono andati al rosso entrambi col punteggio di 6 4, e sembrava che dovesse concludersi lì, ma sorprendentemente Fucsovics si è aggiudicato il quarto set 6 0 e il quinto 6 3.

Per finire, qualche breve commento sul match più atteso, almeno da noi italiani. Quello tra Sonego e Federer, vinto dallo svizzero in tre set. In verità il nostro Lorenzo lo ha perso quando sul 5 pari nel primo set il giudice di sedia ha interrotto la partita per pioggia. L’incontro mi ha coinvolto in quanto italiano e fan del torinese, per via della sua grinta, della generosità e sua simpatia, il ragazzo è uscito dal campo con il sorriso e gli applausi del pubblico, però non possiamo dire invece che la partita rimarrà impressa nei ricordi, Molte palle in rete da parte di entrambi, pochi scambi degni di essere menzionati, più vincenti da parte dello svizzero, un paio di pallonetti da parte di Sonego.
Federer e la sua resurrezione, dovremmo vederlo giocare sui cinque set per poter giudicare dall’esterno la reale condizione fisica del tennista.
E qui, aspettando di vedere Matteo Berrettini ai quarti, chiudiamo questo nuovo racconto di Wimbledon.

Stasera ci sarà e si parlerà solo di Italia Spagna.

 

Vincenzo Mascellaro, uomo di marketing, comunicazione e lobby, formatore, scrittore e oggi prestato al giornalismo

ARTICOLI CORRELATI

la battaglia dei sessi

La battaglia dei sessi

Poteva accadere di tutto negli anni ’70. Poteva accadere che le tenniste reclamassero pari dignità, anche economica, con i tennisti. E poteva accadere che un eccentrico cinquantenne ex campione di tennis sfidasse le più giovani e forti tenniste del momento per affermare sul campo la superiorità maschile. Una storia che tra il serio e il faceto rispecchia un mondo e che Hollywood ha raccontato nel 2017 con La battaglia dei sessi, il film con Emma Stone e Steve Carell, interpreti della vera storia di Bobby Riggs, di Billie Jean King e della partita più kitsch della storia del tennis. ma anche una delle più importanti.

Leggi tutto »
Rafael Nadal

Pop Spin

Rafael Nadal è ormai leggenda. Lui e il suo braccio sinistro che inventa movimenti originali e irripetibili agli umani. Come tutte le leggende, anche Nadal alimenta e scatena immaginario. Pop, ovviamente.

Leggi tutto »
PEPPE POZZI

Peppe Pozzi. Una vita in terra rossa.

Peppe Pozzi e la sua vita in terra rossa sono un romanzo pop che inizia nella Roma degli anni cinquanta per arrivare sino ad oggi. Nel mezzo, i più esclusivi circoli di tennis della Capitale, agonismo, insegnamento, scouting di campioni, la grande stagione del tennis degli anni settanta e un mondo cambiato più volte.

Leggi tutto »
Wimbledon Berrettini

Wimbledon. L’attesa svelata

Tra pronostici e attese svelate prosegue la corsa verso la finale di Wimbledon, con protagonisti storici che segnano il passo e il futuro che bussa alla porta. E noi non possiamo che sognare un colpo di scena; una domenica di grande sport italiano a Londra.

Leggi tutto »

Wimbledon, divise bianche e vezzi aristocratici

In principio fu Wimbledon, il più antico tra i tornei di tennis, dove il tennis è da sempre cultura e identità, proprio come il suo colore d’obbligo, il bianco aristocratico, quello che non ammette toni diversi, ma neanche mezze misure. Inizia oggi il nostro racconto di Wimbledon. Non una cronaca, ma un viaggio nella sua storia, tra i suoi personaggi e nel suo futuro.

Leggi tutto »
Roland Garros 2021

Roland garros, racconti di grande tennis – 5

È terra rossa, la respiri, si mischia con il sudore, ti rimane attaccata alla pelle sotto centinaia di occhi che ti fissano dalle tribune e altre decine di migliaia che ti guardano in televisione.Ti emoziona? Sorridi, sei fortunato, stai giocando al Roland Garros.

Leggi tutto »
US Open

La favola degli US Open

La favola degli US Open passa per due ragazze del 2002. 19 anni e davanti una vita sportiva tutta da giocare che passa per la finale dell’11 settembre. Vincerà la più brava, la più forte o, come può anche capitare, chi sarà più aiutata dalla fortuna. In ogni caso il tennis può sorridere al futuro.

Leggi tutto »
AUSTRALIAN OPEN

Australian Open 2022: cosa cambia

Australian Open 2022. Torniamo a parlare di tennis, quello giocato da campioni, aspiranti campioni e da chi campione non sarà mai, quello fatto di promesse, di agonismo, di speranze, di illusioni, di delusioni e di gioie che ti fanno toccare il cielo con la racchetta. Il tennis, appunto, quello degli Australian Open di cui saremo spettatori, tifosi e, in qualche modo, anche narratori.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi