Search
Close this search box.

Joshua Slocum. Il primo solitario degli oceani

Joshua Slocum, il primo a circumnavigare il globo da solo. Siamo a fine 800 e Joshua naviga senza strumenti tecnologici e su un peschereccio a fondo piatto di 11 metri che aveva fatto rimettere a nuovo. Non solo un navigatore solitario, ma un gigante degli oceani
Joshua Slocum

Moltissimi velisti si interessano oggi alle imprese oceaniche compiute in solitario, affascinati da eventi collegati alla conquista di record prestigiosi, conseguiti isolatamente o nel corso di regate da parte di skipper dai nomi famosi. Sempre da soli a bordo, anche se rispetto al passato il loro isolamento fisico, grazie ai progressi delle telecomunicazioni satellitari, è attenuato dalla presenza sia pure virtuale di team di esperti in grado di fornire precise indicazioni sulla rotta da seguire. I materiali forniti dalle attuali tecnologie e la presenza virtuale di affidabili consiglieri mancavano del tutto alla fine del secolo XVIII a quei temerari che si accinge­vano a compiere imprese impegnative in solitario co­me la circumnavigazione dei mari del globo.

Uno spirito irrequieto

II primo di questi temerari √® stato il navigatore Joshua Slocum. Per cercare di comprendere le motivazioni che spinsero quest’uomo di mare, all’epoca ultracinquantenne, a compiere un’impresa del genere √® necessario conoscere le tappe fondamentali della sua avventurosa e tormentata esistenza, dalle cui vicende emerge, come costante, una istintiva passione per il mare.

Da mozzo a comandante

Joshua Slocum nacque il 20 febbraio 1844 a Mount Hanley, nella Contea di Annapolis, Nuova Scozia, una delle pro¬≠vince marittime canadesi, in una fattoria sulle pendici della North Mountain, catena montuosa che da un lato domina la vallata di Annapolis e dall’altro la baia di Fundy, nota perch√© vi si verificano le pi√Ļ alte escursioni di marea del mondo. La sua era una famiglia di marinai di origine inglese e la passione per il mare cominci√≤ a contagiare il piccolo Joshua intorno agli 8 anni di et√†, quando la famiglia si trasfer√¨ nel villaggio di Westport, nell’isola di Bar, dove cominci√≤ ad imbarcare come mozzo sulle locali golette da pesca.
A 16 anni pass√≤ a navigazioni pi√Ļ impegnative su navi di lungo corso a bordo delle quali dimostr√≤ di possedere spiccate qualit√† marinaresche, dapprima come marina¬≠io, poi come nostromo ed infine, dopo il brevetto, co¬≠me ufficiale di coperta. Durante una sosta a San Francisco nel 1865 Joshua Slocum, divenuto nel frattempo cittadino statunitense, decise di dedicarsi dapprima alla pesca del salmone sul fiume Colombia poi alla caccia della lontra marina presso l’isola di Vancouver. Ambedue le attivit√† si conclusero, per√≤, con un falli¬≠mento per cui non gli rimase che tornare a navigare. Cos√¨ alla fine dello stesso anno assunse il comando di una goletta adibita al cabotaggio tra San Francisco e Seattle e, successivamente, quello del brigantino a palo Washington con destinazione Sydney. Durante la sosta australiana Joshua conobbe e spos√≤ Virginia Albertina Walker, figlia di un emigrante americano, che da allora avrebbe condiviso con lui la vita di bordo. Dalle acque di Sydney il Washington si trasfer√¨ a quelle dell’Alaska dove riemp√¨ le stive di salmoni, ma nel viaggio verso gli Stati Uniti il brigantino si aren√≤ a 200 miglia da Kodiak, capitale dell’omonima isola. Slocum nonostante l’incidente non perse la fiducia del suo armatore il quale gli affid√≤ il comando della goletta Constitution, in servizio di linea tra San Francisco e Ho¬≠nolulu, mantenuto fino al disarmo dell’unit√† avvenuto a Manila nel 1875.

Joshua Slocum
(Joshua Slocum)

Da comandante ad armatore

Nelle Filippine Slocum apr√¨ un cantiere navale, ma do¬≠po due anni fece ritorno in California, dove acquist√≤ il 3 alberi Amethyst da 350 tonnellate con cui esegu√¨ numerosi e lucrosi viaggi in Oriente che gli consentirono di diventare caratario di una grande nave a tre alberi, il Norhern Light (1.857 tonnellate). Venduta la quota, nel 1877 divenne infine pieno proprietario un brigantino a palo di minori dimensioni, I‚ÄôAcquidneck ¬†(che di tonnellate ne misurava 343). L‚Äôacquisto per√≤ non port√≤ fortuna al suo armatore perch√© il veliero naufrag√≤, sempre nel 1887, sulla costa brasiliana nei pressi della baia di Guarakasava, vicino di Pranagu√†, con perdita totale dello scafo e del carico, ma senza vittime, provocando la completa rovina del suo armatore. Dopo aver trasferito a Montevideo gli uomini dell‚Äôequipaggio alla ricerca di un altro imbarco, Slocum non si allontano dal luogo del naufragio ma, utilizzando il materiale e gli attrezzi recuperati dall’Aquidnek, dette inizio alla costruzione di una barca lunga poco pi√Ļ di dieci metri, dotata di una rudimentale vela al terzo steccata, avvalendosi dell’aiuto dei figli Victor e Garfield e della seconda moglie Henrietta Elliot (la pri¬≠ma era morta nel 1884 a 35 anni avendo dato alla luce tre figli e una figlia a bordo di altrettanti velieri co¬≠mandati dal marito).

Joshua Slocum
(Joshua Slocum)

Dal Libertade allo Spray

Dopo un paio di mesi il veliero, battezzato Libertade, era pronto per un avventuroso trasferimento della fa¬≠miglia negli Stati Uniti. Risalita lentamente la costa brasiliana, il Libertade su¬≠per√≤ il Mar dei Caraibi e Cuba e quindi costeggi√≤ la Flo¬≠rida e la Carolina fino a raggiungere Washington il 27 dicembre 1888, esattamente un anno dopo il naufragio dell’Aquidnek. Per Slocum e la sua famiglia la vita negli Stati Uniti non fu certo facile: qualche mode¬≠sto imbarco e molti espe¬≠dienti per sbarcare il lunario. Durante le sue peregrinazioni nel Rhode Island l’irrequieto navigatore nel 1893 trov√≤, abbandonato in un prato sulle rive del fiume Acushnet, a Fairhaven, nelle vicinanze di New Bedford, il relitto di un piccolo peschereccio a fondo piatto lungo 11 metri, abbandonato da tempo immemorabile, che lo aveva colpito sia per la singolarit√† delle sue linee sia per la ro¬≠bustezza delle sue strutture ancora in discrete condizioni. Fu un amore a prima vista, unito al desiderio di ri¬≠portarlo a nuova vita. Battezzato col nome augurale di Spray (“spruzzo”), sotto le mani di Slocum la barca in 13 mesi assunse di nuovo l’aspetto dei tempi miglio¬≠ri; il restauro era costato soltanto 554 dollari.

Il ritorno dell’avventura

Le eccellenti doti di tenuta al mare e la facilit√† con la quale lo Spray manteneva stabilmente la rotta, fecero riaffiorare in Joshua Slocum il sopito desiderio di percorrere vasti spazi e di avventure lontane, suggerendogli addi¬≠rittura una ambiziosa impresa marinara mai prima di allora tentata: proprio la circumnavigazione del globo in solitario che l’avrebbe reso celebre inserendo il suo nome nel Guinness dei primati.
Un’impresa titanica svoltasi – a parte il doppio supera¬≠mento dello Horn di cui si dir√† pi√Ļ avanti – all’insegna della buona sorte, tenendo conto dell’et√† dello skipper e della barca (ambedue ultracinquantenni), della mo¬≠destia delle attrezzature nautiche e della scarsa qualit√† e quantit√† delle provviste di bordo, come si deduce dal suo libro del Sailing Alone Around th√® World, un best seller dell’editoria americana dell’epoca, dal quale √® tratto l’itinerario seguito dallo Spray.

Lo Spray di Slocum
(Lo Spray)

Un imprevisto e sostanziale cambiamento

Joshua Slocum parte il mattino del 24 aprile 1895 dal molo mercantile di Boston, ma si ferma nella vicina Gloucester dove fa riparare il cronometro (acquistato di se¬≠conda mano) fermatosi all’improvviso; non riesce per√≤ a procurarsi i 15 dollari necessari per la riparazione per cui si deve accontentare di una normale sveglia per effettuare i calcoli di navigazione “Costava un dollaro e mezzo ma poich√© il quadrante era rotto il negoziante me la dette per un dollaro“.
Nel piccolo borgo marinaro della Nuova Scozia, le cui acque erano a lui familiari fin dall’infanzia, rimane un paio di mesi per completare le provviste di bordo e la strumentazione nautica, acquistata di seconda mano da un provider amico. Quindi, il 2 luglio, doppia Capo Sable e d√† inizio alla sua avventura.

Si cambia rotta

Le condizioni meteomarine lo favoriscono e il 20 luglio lo Spray ormeggia a Faial nelle Azzorre, dove sarebbe rimasto quattro giorni per poi proseguire alla volta della Rocca, raggiunta il 4 agosto 1895. L’accoglienza delle autorit√† inglesi √® molto cordiale. Ospitalit√† gratuita, viveri e strumentazioni generosa¬≠mente donate dalla Royal Navy, riparazioni offerte dall’Arsenale. La Capitaneria di Porto lo avverte: i pirati scorrazzano per il Mar Rosso (nihil sub sole novi) e certamente avrebbero catturato una imbarcazione isolata e indife¬≠sa. Slocum non vuole correre rischi: rif√† i suoi calcoli e de¬≠cide di tornare indietro e di effettuare la circumnaviga¬≠zione nel senso opposto, cio√® da est verso ovest. Gibilterra √® lasciata sulla scia dello Spray il 25 agosto con destinazione Madera, le isole Canarie e del Capo Verde e finalmente l’atterraggio in Brasile il 5 ottobre a Recife. Qui si ferma un mese e 20 giorni e ne approfitta per modificare il piano velico accorciando di circa un metro il boma e installando all’estrema poppa un alberetto di mezzana con una vela trapezoi¬≠dale. Trasformato cos√¨ in yawl lo Spray tocca Rio de Janeiro, festeggia il Natale a Montevideo e sosta a Buenos Aires da dove riparte il 26 gennaio 1896 diretto a Capo Horn, il cui passaggio √® noto a tutti i naviganti per le difficolt√† dovute alle generalmente avverse condizioni me¬≠teomarine.

Il doppio passaggio dello Horn

Una volta giunto all’altezza delle Falkland, a Slocum si pone il dilemma: doppiare Capo Horn o percorrere lo Stretto di Magellano? Decide per quest’ultima soluzione, apparentemente pi√Ļ vantaggiosa. La navigazione nella “scorciatoia”, per√≤, non √® n√© veloce n√© facile per gli scogli affioranti, per le impetuose correnti e per le frequenti razzie degli indigeni, per cui soltanto il 3 marzo lo Spray pu√≤ solcare le acque del Pacifico. Tuttavia si tratta di un successo effimero, perch√© un “ruggente” vento proveniente dei settori settentrionali (siamo alla latitudine dei forties) lo respinge implacabilmente verso sud, per cui a Slocum non rimane che imboccare il Canale Cockburn e riaffrontare il Magellano, effettuandone una seconda percorrenza. Tale navigazione si conclude felicemente soltanto il 10 aprile.

Il viaggio dello Spray

A questo punto viene da chiedersi come un ultra¬≠cinquantenne da solo a bordo di una piccola imbarca¬≠zione abbia potuto sopportare per due mesi le disumane fatiche connesse ad una impresa del genere; ma tant’√®, le relative documentazioni ufficiali sono inoppugnabili.
L’esausto Slocum riprende la navigazione con rotta nord e il 26 aprile mette piede sulla pi√Ļ meridionale delle isole Juan Fernandez, dove sosta solo alcuni giorni. Recuperate almeno in parte le forze e riparate alla meglio le avarie subite dallo Spray punta poi verso ponente e dopo 43 giorni di navigazione si ormeggia alle isole Samoa. La successiva tappa √® Newcastle, sulla costa orientale australiana, raggiunta passando tra le Figi e la Nuova Caledonia, e quindi Sydney e Melbourne, ove si ormeggia rispettivamente il 10 ottobre e iI 23 dicembre 1896.
Per la prosecuzione del viaggio Slocum decide di non transitare per Capo Leewin, ma di dirigere verso nord lungo la costa australiana. Nel frattempo si concede anche una pausa…turistica per visitare la Tasmania da dove riparte il 16 aprile.

La rotta dello Spray
(Il viaggio di Joshua Slocum e dello Spray)


Dopo avere costeggiato la Grande Barriera Corallina, il 14 giugno 1897 lo Spray supera lo Stretto di Torres e successivamente approda alle Isole Keeling dove sosta tra il 17 luglio e il 22 agosto. Ancora una tappa il 26 ottobre alle Mauritius, quindi raggiunge Durban il 17 novembre e Citt√† del Capo a met√† dicembre. √ą qui che¬†Joshua Slocum trascorre la fine dell‚Äôanno e vi rimane fino al 28 marzo 1898 quando riprende il mare, per raggiungere dapprima Sant’Elena, l‚Äô11 aprile, poi Ascensione. Il 18 maggio lo Spray entra nel Mar Caraibico con tappe a Tobago, a Grenada e a Dominica. Il 1¬į giugno spicca il balzo finale da Antigua e finalmente il 28 giugno conclude il viaggio a Boston, da dove era partito tre anni, due mesi e quattro giorni prima, dopo avere percorso una distanza stimata in non meno di 46.000 miglia.

Un mistero del mare

L‚Äôattivit√† marinara di¬†Joshua Slocum non si sarebbe conclusa davvero con il suo ritorno in Patria dove ricevette rico¬≠noscimenti di ogni genere e potette godere di una grande popolarit√† ed anche un certo benessere econo¬≠mico. Si stabil√¨ a West Tisbury, Massachussetts, dove conti¬≠nu√≤ a navigare e a praticare la pesca. Nel triennio 1905/1908, in particolare, una volta l’anno aveva preso l’abitudine di salpare, sempre a bordo dello Spray e sempre in solitario, alla volta di Georgetown, nelle Grand Cayman, a nord-ovest di Giamaica, dove amava “vivere la vita dei discendenti dei bucanieri”. In realt√† era lusingato dalle manifestazioni di affetto e di stima tributategli sempre dagli isolani che lo considera¬≠vano un “ospite d’ono¬≠re‚ÄĚ.
Il 14 novembre 1909 intraprendeva come di consueto l’annuale viaggio alle Antille partendo dal Vineyard Haven di Tisbury, ma da quel giorno di Joshua Slocum non si √® saputo pi√Ļ nulla. Una fine tragica, forse da lui stesso auspicata, a conclusione della vita di uno dei pi√Ļ straordinari navigatori solitari di tutti i tempi.

———-

Questa storia è stata pubblicata per la prima volta nel mese di maggio 2017
sul Notiziario n.57 del Centro Studi Tradizione Nautiche della Lega Navale

 

Claudio Ressmann ex Ufficiale di Marina, per venti anni direttore della rivista "Lega Navale".

ARTICOLI CORRELATI

Daniele Cerra

Daniele Cerra. Il sogno di Parigi 2024

Daniele Cerra deve ripensare la sua vita a 20 anni, quando perde la vista. √ą cos√¨ che inizia a guardare lontano. Affiancato dal Sant’Alessio diventa esperto di tiflodidattica informatica e, da alcuni mesi, √® entrato in acqua al Centro Sportivo Paralimpico delle Tre Fontane con un obiettivo ambizioso: Parigi 2024.

Leggi tutto ¬Ľ
Pelé

Pel√©. Quel giorno all’Olimpico

Io c’ero quel giorno all’Olimpico. Erano i primi anni sessanta, se poi fosse Roma-Santos del ’60, del ’61 o del ’63, lasciatemi il dubbio della memoria. Per√≤ io c’ero e Pel√© l’ho visto veramente giocare. L’ho visto e lui s√¨ che me lo ricordo come fosse ieri.

Leggi tutto ¬Ľ
Walter Chiari

Walter Chiari. I pugni di un eterno ragazzo

Cento anni compiuti da poco, ma a guardare anche adesso quel viso da eterno ragazzo cento anni sembrano solo un morso alla vita. Oppure un pugno, uno dei suoi, quelli del suo sport preferito, lo sport dell’anima che si √® sempre portato dentro: la boxe. Pugni e amori, commedia e spettacolo, la sua vita e anche un po’ la nostra.

Leggi tutto ¬Ľ
Mister Panzini

Mister Panzini

Sì, inutile girarci intorno. Sono passati tanti anni dalla prima volta, eppure mi fa ancora effetto quando mi chiamano così. Mister è una parola con dentro un mondo intero, formula magica capace di aprire porte misteriose. Sullo sfondo del quartiere Tuscolano di Roma, questa volta ho deciso di raccontare una storia che conosco meglio delle altre: la mia. La storia di una vita iniziata in un campetto, passata per un campo e proseguita su una panchina. Andata e ritorno di un moto circolare che si chiama vita.

Leggi tutto ¬Ľ

L’Atmonauta e il Paradosso di Zenone

A 4.300 metri ci arrivi tra scherzi e battute. Possibile poi che quando salti fuori, mentre fai diventare il tuo corpo una deriva inclinata per scendere in tecnica Atmo, ti venga in mente proprio il Paradosso di Zenone?

Leggi tutto ¬Ľ
Arrivano i Superboys

Arrivano i Superboys!

Tutti ricordano le straordinarie sfide calcistiche di Holly & Benji, con ragazzini capaci di prestazioni fisiche al di sopra delle possibilit√† umane su campi che sembravano prolungarsi fino all‚Äôorizzonte. Ma il primo cartone animato giapponese dedicato al calcio risale a ben quindici anni prima, con una storia a tinte pi√Ļ fosche e interessanti analisi sociali.

Leggi tutto ¬Ľ



La nostra newsletter
Chiudi