Search
Close this search box.

La corsa dei carruoccioli

Pensate allo sport. Anzi, pensate allo sport di strada, quello che nasce spontaneo, improvvisato, quello che affonda nei ricordi personali mai sopiti. Il 24 giugno 1956 era una domenica. Al Vomero, cuore di Napoli, è giornata di gioco, di sport e di avventura: si corre la corsa dei carruoccioli.
Corsa dei carruoccioli

Geniale.
Quasi tutto quello che accadeva per strada per ingannare il tempo e divertirsi era geniale.
Geniale, perché come altro puoi definire la corsa dei carruoccioli?
È il 24 giugno del 1956 e Riccardo Carbone, quando scatta questa fotografia, è al Vomero.

Vomero, un cuore di Napoli

La corsa dei carruoccioli era un evento vero al quale tutti si preparavano; meccanici improvvisati, che costruivano l’oggetto del desiderio recuperando sapientemente quello che si trovava, così da farlo essere quanto più simile a un vero e proprio kart; piloti di riporto, che in quella stagione di vita e in quelle discese si sentivano tutti, anzi erano, come Nino Farina o Alberto Ascari; la città, quella fatta di parenti, amici, sodali o perfetti sconosciuti che si assiepavano dietro le transenne per assistere allo spettacolo e tifare e urlare come se ogni grido potesse far andare più veloci.
Cornice e cuore di questo spettacolo che gli scatti di Riccardo Carbone fanno sopravvivere al tempo, il Vomero, con le sue discese e le sue curve.

Geniale

E pare ancora di vederle quelle mani che animano una tavola di legno con due assi, ciascuno con una coppia di ruote, fisse quelle posteriori e girevoli comandate da uno spago o da un manubrio improvvisato quelle anteriori, dove le ruote erano di legno tornito che solo nelle versioni più dotate erano costituite da cuscinetti a sfera.

Esoterico

Perché quello a cui le mani lavoravano era una vera Opera con i suoi segreti, una sorta di trasformazione alchemica, un processo simbolico proprio come quello di Pinocchio che da burattino di legno affronta le sue prove iniziatiche e solo alla fine delle quali si trasforma in bambino, vera anima pulsante che nasce da natura morta.

(Photo Credit: Archivio Fotografico Riccardo Carbone)

Circense

Perché quello che accadeva sotto gli occhi della folla era spettacolo puro che arrivava fino al rischio dell’imponderabile di cui però nessuno si occupava e si preoccupava, perché non valeva la pena, perché quello che valeva era l’attimo, quello che valeva era lanciarsi e lasciarsi andare.

Irripetibile

Come l’emozione e forse il fremito e magari anche la paura del secondo, di chi stava dietro e che doveva bilanciare con il corpo traiettoria e velocità, scommettendo sulla sorte buona, ma anche su coraggio, destrezza, sguardo fulmineo in un’assenza di pensiero che si chiama istinto.

Un gioco di strada

La corsa dei carruoccioli era un gioco di strada, essenza dello sport, quindi, perché ogni sport è nato allo stato brado, per strada, come gioco, come sfida prima di diventare competizione.
Un gioco di strada perso nella memoria, certamente.
Ma probabilmente aveva ragione Jacques Maritain quando nelle sue Riflessioni sulla vita eterna scrive che nulla è perduto di ciò che è stato fatto, tutto è canto e poesia.

La fotografia di Riccardo Carbone ce lo ricorda anche oggi.

 

 

 

Archivio Fotografico Carbone si occupa della conservazione, digitalizzazione e catalogazione degli oltre 700mila scatti realizzati da Riccardo Carbone (Napoli 1897-1973), primo fotoreporter del quotidiano napoletano Il Mattino, che documentano i principali avvenimenti accaduti a Napoli ed in Campania attraverso le varie fasi politiche che hanno caratterizzato la storia del Novecento. www.archiviofotograficocarbone.it

ARTICOLI CORRELATI

Napoli

Napoli. L’ombelico della passione

Napoli è una tribù pasoliniana contro le omologazioni del mondo, un parallelo di ansie, paure e rivoluzioni fuori dall’asse terrestre. Un pianeta, un mondo a latere dove tutto, cultura, arte e culto calcistico, appare per lo più inspiegabile.

Leggi tutto »
Fausto Coppi

Fausto Coppi. Napoli come destino

1945. Di ritorno dalla prigionia in Africa, Fausto Coppi sbarca a Napoli. Un falegname di Somma Vesuviana gli regala una Legnano verde per riprendere gli allenamenti. Lui ci farà 800 chilometri per tornare a casa. A Napoli ritorna nel ’47 quando vincerà l’ottava tappa del Giro d’Italia che, alla fine, sarà suo per la seconda volta. Sul filo del traguardo di Napoli lo attende il fotografo Riccardo Carbone che ne fisserà il tempo e lo farà arrivare sino a noi.

Leggi tutto »

…a sentire Nino Benvenuti

Tra sport e costume, la grande boxe ha incollato alla radio centinaia di migliaia di italiani. Il 4 marzo 68 l’Italia si ferma per il terzo match di Benvenuti contro Griffith. Nessuno può sapere come andrà a finire. Molti lo scopriranno davanti a una radiolina portatile, un’occasione che a Napoli Riccardo Carbone non si fa scappare.

Leggi tutto »
la punizione di Maradona

Maradona e la punizione del secolo

Il 3 novembre 1985, allo stadio San Paolo di Napoli, Diego Maradona segna uno dei gol più incredibili della storia del calcio. Una punizione impossibile che, sfidando tutte le leggi della fisica, si insacca nell’angolo in alto a sinistra della porta difesa da Tacconi e regala ai napoletani la vittoria contro la rivale di sempre, la Juventus.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi