Laurent Fignon, le Professeur

Laurent Fignon, coraggioso, schietto, consapevole che la carriera di uno sportivo è fatta di vittorie, ma anche di sconfitte brucianti che fanno male. Un campione fino all'ultimo, con la bicicletta e con la vita.
Laurent Fignon

Strano destino quello di Laurent Fignon, parigino purosangue, capelli biondi raccolti in un codino e occhialini tondi che gli varranno il soprannome di “Le professeur”, “Il professore”. Un campione vero, come dimostra il suo palmares: 2 Tour de France, 1 Giro d’Italia, 2 Milano-Sanremo, 1 Freccia Vallone non sono roba da poco. Eppure è uno di quegli atleti destinati a rimanere nel ricordo più per le sconfitte che per le vittorie.
Classe 1960, buon dilettante, Laurent Fignon, diventa professionista nel 1982 nella squadra di Hinault e fin dall’inizio, pur non trascurando di lavorare per il capitano, si mette in luce per le sue doti di passista-scalatore e per l’atteggiamento di attaccante naturale.
Nel 1984 si afferma definitivamente trionfando al Tour. Ormai è un “grande” e pensa in grande. Per l’anno successivo il suo obiettivo è l’accoppiata Giro-Tour, per cui si presenta sulle strade italiane preparato e ben deciso a imporre la sua legge.

1985. Duello con Moser

E le cose per lui sembrano mettersi bene: dopo poche tappe è già in maglia rosa, al Blockhaus la deve cedere a Moser che lo sconfigge anche nella cronometro di Milano, ma nel tappone di Arabba il francese stacca tutti, lascia Moser a 2’19” e riconquista la maglia rosa. Poi succedono delle cose un po’ strane. Per dubbie ragioni atmosferiche viene tagliata la scalata dello Stelvio. Un chiaro vantaggio per Moser che in salita ha dimostrato di non reggere il passo del francese. E così si arriva all’ultima tappa, una cronometro da Soave a Verona di 42 chilometri.
Laurent Fignon dispone ancora di un margine in classifica di 1’21 che sembra rassicurante, ma Moser, reduce dalla trionfale esperienza in Messico per il record dell’ora di pochi mesi prima, decide di utilizzare anche qui gli ultimi ritrovati della tecnologia, ruote lenticolari e manubrio a corna di bue, e quel giorno vola. Infligge ben 2’24 di distacco a Fignon ed entra come un trionfatore nell’Arena di Verona, gremita come uno stadio per l’occasione.

Laurent Fignon

L’elicottero delle polemiche

Risultato finale: Laurent Fignon, è secondo e perde il Giro per 1 minuto e 3 secondi. Sconfitta bruciante a dir poco. Anche perché si accendono subito le polemiche sull’elicottero delle riprese televisive che per tutto il percorso ha volato sopra Moser, creando un vortice d’aria che avrebbe favorito il trentino. Fignon ne è convinto e nonostante le smentite dei vari protagonisti manterrà sempre la sua opinione su quanto è successo quel giorno.

Le vittorie

Dopo pochi mesi per il francese arriva il secondo successo al Tour e negli anni seguenti Fignon si toglierà la soddisfazione di tornare a vincere in Italia, trionfando in due splendide Sanremo. Nel 1989 anche la rivincita al Giro con un successo finale “senza se e senza ma”.

1989. La beffa del Tour

Il destino però ha ancora in serbo una beffa crudele per lui. Pochi mesi dopo, proprio sulle strade della sua Parigi, Laurent Fignon si vede soffiare il Tour dall’americano Greg Lemond per soli 8 secondi, il distacco più risicato della storia del Tour.
Suprema ironia, anche questa volta la sconfitta arriva nell’ultima tappa a cronometro e con lo zampino di una novità tecnica. Nella crono finale da Versailles ai Campi Elisi, Lemond montò sul manubrio la prolunga aerodinamica “rubata” al triathlon.

Laurent Fignon

Chapeau Laurent!

Bel personaggio Laurent Fignon, coraggioso e schietto, consapevole che la carriera di uno sportivo è fatta di vittorie, ma anche di sconfitte brucianti, che fanno male. E lui ha sempre dimostrato di saperle prendere nel modo giusto, forte delle sue opinioni, ma senza mai atteggiarsi a martire o serbare rancore.
Nel 2010 gli viene diagnosticato un tumore allo stomaco.
Se ne andrà per sempre a fine agosto 2011, ma ancora un mese prima è lì sulle strade del Tour de France a fare il commentatore e ad affrontare il destino alla sua maniera, a viso aperto.
Chapeau!

 

 

Silvano Calzini è nato e vive a Milano dove lavora nel mondo editoriale. Ama la letteratura, quella vera, Londra e lo sport in generale. Ha il vezzo di definirsi un nostalgico sportivo.

ARTICOLI CORRELATI

Azzurri Budapest 1924

Italia – Ungheria. Dalla disfatta del ’24 al riscatto del ’38

Quattordici anni. Una storia che inizia nel 1924 quando i danubiani sono maestri veri e noi ci stiamo inventando. Una storia che inizia male: il 6 aprile del ’24 a Budapest perdiamo 7 a 1. Non accadrà mai più. Una storia che finisce bene: a Parigi, il 19 giugno del ’38, quando battiamo l’Ungheria e ci portiamo a casa il secondo Mondiale. È l’Italia di Vittorio Pozzo, l’allenatore più vincente e più dimenticato della nostra Nazionale

Leggi tutto »
Enzo Ferrari

Enzo Ferrari. La filosofia del dolore

Enzo Ferrari non è una sola storia, ma tante. Questa storia entra in punta di piedi nel suo mondo più intimo e personale, quello di uomo al quale il destino ha riservato grandezza, facendogliela però scontare fino in fondo. Questa è la storia di uomo e del suo rapporto con il dolore.

Leggi tutto »
Jenny Hoffman

Jenny Hoffman. La professoressa dell’ultramaratona

Da San Francisco a New York solo correndo, più veloce di tutti, con più difficoltà rispetto ad altri, ma senza mai perdere di vista l’obiettivo. Jenny Hoffman ha seguito la sua passione, inseguito il suo sogno, vinto malanni, tempo, fatica e ha scritto il suo nome nel grande libro dei primati.

Leggi tutto »
Justin Fashanu

Justin Fashanu. Il calcio mancato alla discriminazione

Justin è stato il primo calciatore professionista a dichiarare la propria omosessualità. Ma nel 1990 il calcio inglese non era pronto ad accoglierlo. Cori razzisti e omofobi da parti dei tifosi, discriminazione da parte di allenatori e compagni, perfino il fratello John prese le distanze da lui. Un uomo tormentato dai propri conflitti interiori che lo condussero a un drammatico suicidio.

Leggi tutto »
Petisso

Il Petisso a 45 Giri. Un tricolore viola tra gommalacca e vinili

Bruno Pesaola, il Petisso, italiano di Argentina, in campo sempre con passione, anima, intelligenza e persino humour. Da calciatore ha lasciato goal, dribbling, discese veloci e punizioni al millimetro. Da allenatore uno scudetto alla Fiorentina e Coppe al Napoli e al Bologna. Scaramantico quanto si deve, difficilmente si separava dal suo iconico cappotto di cammello, aveva un rapporto speciale con la musica, in particolare con Peppino Gagliardi. E anche un suo 45 giri, “Settembre”, gli sarà a lungo compagno di fortuna.

Leggi tutto »

Wimbledon, divise bianche e vezzi aristocratici

In principio fu Wimbledon, il più antico tra i tornei di tennis, dove il tennis è da sempre cultura e identità, proprio come il suo colore d’obbligo, il bianco aristocratico, quello che non ammette toni diversi, ma neanche mezze misure. Inizia oggi il nostro racconto di Wimbledon. Non una cronaca, ma un viaggio nella sua storia, tra i suoi personaggi e nel suo futuro.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi